Paolo di Samosata

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Paolo di Samosata
Vescovo
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
ERRORE in "fase canonizz"

[[File:|250px]]

'
Titolo
Incarichi attuali
Età alla morte anni
Nascita 200
Morte 275
Sepoltura
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale
Ordinazione presbiterale [[]]
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile
Consacrazione vescovile III secolo
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo
Elevazione a Patriarca
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti Vescovo di Antiochia
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Opposto a {{{Opposto a}}}
Sostenuto da {{{Sostenuto da}}}
Scomunicato da
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Nome completo {{{nome completo}}}
Trattamento {{{trattamento}}}
Onorificenze
Nome templare {{{nome templare}}}
Nomi postumi
Altri titoli
Casa reale {{{casa reale}}}
Dinastia {{{dinastia}}}
Padre {{{padre}}}
Madre {{{madre}}}
Coniuge

{{{coniuge 1}}}

Consorte

Consorte di

Figli
Religione {{{religione}}}
Firma [[File:{{{firma}}}|150x150px]]
Collegamenti esterni

Paolo di Samosata (200; † 275) è stato un vescovo ed eretico siriano. È noto in particolare come divulgatore dell'adozionismo.

Cenni biografici

Nativo probabilmente di Samosata, nel 260 fu eletto vescovo di Antiochia, successore di Demetriano. Sulla sua elezione probabilmente influirono motivi politici; certo egli esercitava, accanto alle sue funzioni episcopali, funzioni civili e rimase sempre in ottimi rapporti con Zenobia sovrana di Palmira.

La sua controversa dottrina fu oggetto di un primo concilio di vescovi del 264 che non pervenne ad alcun risultato di fronte all'abile condotta di lui. Di fronte all'immutata condotta del vescovo, un secondo concilio tenuto sempre ad Antiochia nel 268 lo dichiarò eretico e lo depose dalla sua carica, sostituendolo con Donno, figlio del predecessore di Paolo, Demetriano, e principale fomentatore della campagna contro Paolo stesso. Il quale, spalleggiato da Zenobia, rimase indisturbato nella sede di Antiochia ad onta della condanna.

Quando il regno di Palmira cadde, per opera di Aureliano, questi, a richiesta degli ortodossi, sentenziò che la casa episcopale "fosse consegnata a coloro, ai quali i vescovi d'Italia e di Roma l'avessero attribuita". In forza di questa sentenza, di grande interesse per la storia delle relazioni fra lo stato romano e la Chiesa, il vescovo Paolo fu deposto dal potere secolare.

Non vi sono notizie relative a Paolo dopo questi eventi. Ebbe dei seguaci detti anche paulianisti, movimento che si estinse nel IV secolo.

La dottrina

È difficile definire la dottrina di Paolo di Samosata in pochi tratti. Nel suo pensiero, contestualizzato nella incerta cristologia che verrà poi definita dai grandi concili ecumenici, sono rintracciabili elementi del monarchismo (nella Trinità vi è un solo principio, il Padre), del subordinazionismo (il Figlio è subordinato al Padre, non divino allo stesso modo), dell'adozionismo (Gesù di Nazaret era un semplice uomo, adottato come Figlio di Dio al momento del battesimo).

Bibliografia
Voci correlate

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.