San Luigi Scrosoppi

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
San Luigi Scrosoppi
Presbitero
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
Santo
{{{note}}}

Luigi-scrosoppi.jpg

{{{didascalia}}}
{{{motto}}}
Titolo
{{{titolo}}}
Età alla morte 79 anni
Nascita Udine
4 agosto 1804
Morte Udine
3 aprile 1884
Sepoltura
Appartenenza Confederazione dell'Oratorio di San Filippo Neri
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale
Ordinazione presbiterale 1827
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile [[ {{{aC}}} ]]
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo {{{elevato}}}
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi

Iter verso la canonizzazione

Venerato da Chiesa cattolica
Venerabile il [[]]
Beatificazione 4 ottobre 1981, da Giovanni Paolo II
Canonizzazione 10 giugno 2001, da Giovanni Paolo II
Ricorrenza 3 aprile
Altre ricorrenze
Santuario principale
Attributi
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di
Collegamenti esterni
Scheda su santiebeati.it
Tutti-i-santi.jpgNel Martirologio Romano, 3 aprile, n. 11:
« A Udine, san Luigi Scrosoppi, sacerdote della Confederazione dell'Oratorio di San Filippo Neri, che fondò la Congregazione delle Suore della Provvidenza di San Gaetano da Thiene per educare le giovani nello spirito cristiano. »

San Luigi Scrosoppi (Udine, 4 agosto 1804; † Udine, 3 aprile 1884) è stato un presbitero italiano, fondatore della congregazione delle Suore della Provvidenza di San Gaetano da Thiene; Papa Giovanni Paolo II nel 2001 lo proclama santo.

Biografia

Luigi Scrosoppi nacque il 4 agosto 1804 a Udine, ultimo di tre figli, in una famiglia profondamente cristiana. A dodici anni iniziò a frequentare il seminario diocesano di Udine e il 31 marzo 1827 fu ordinato sacerdote, come i fratelli Carlo e Giovanni Battista.

Nel 1829 fu nominato direttore della "Casa delle Derelitte" fondata a Udine, un decennio prima, da padre Gaetano Salomoni, della Congregazione dell'Oratorio di San Filippo Neri. Si dedicò, in particolare, all'assistenza e all'educazione delle ragazze orfane o abbandonate della zona di Udine.

Per questa sua opera è stato dapprima aiutato da volontarie; nel corso degli anni arrivò la decisione di fondare una comunità religiosa a sé stante, sorta nel 1845 con il nome di Suore della Provvidenza.

Di queste suore si ricorda anche il coraggio mostrato nell'assistenza ai feriti durante l'assedio lanciato contro la città di Udine il 22 aprile del 1848, dalle armate austriache del generale Nugent.

Morì il 3 aprile del 1884, dopo una lunga malattia.

La canonizzazione

Il processo di canonizzazione di Luigi Scrosoppi ha avuto inizio nel 1932.

I riconoscimenti ufficiali della sua santità hanno avuto luogo durante il pontificato di Giovanni Paolo II: fu proclamato beato il 4 ottobre del 1981 e fu canonizzato il 10 giugno 2001.

Queste le parole pronunciate da Giovanni Paolo II durante l'omelia tenuta nell'Eucaristia per la canonizzazione di padre Scrosoppi:

« La carità fu il segreto del suo lungo e instancabile apostolato, nutrito di costante contatto con Cristo, contemplato e imitato nell'umiltà e nella povertà della sua nascita a Betlemme, nella semplicità della vita laboriosa a Nazareth, nella completa immolazione sul Calvario, nell'eloquente silenzio dell'Eucaristia. Per questo la Chiesa lo addita ai sacerdoti e ai fedeli quale modello di profonda ed efficace sintesi tra la comunione con Dio e il servizio dei fratelli. Modello, in altre parole, di un'esistenza vissuta in comunione intensa con la Santissima Trinità »
(Giovanni Paolo II, Omelia tenuta domenica 10 giugno 2001)

Il miracolo per la canonizzazione

In generale, ai fini della canonizzazione, la Chiesa cattolica ritiene necessario un secondo miracolo, dopo quello richiesto per la beatificazione: nel caso di Luigi Scrosoppi, ha ritenuto miracolosa la guarigione di Peter Changu Shitima, malato terminale di AIDS, avvenuta nel 1996.

Peter Changu Shitima era uno studente dell'oratorio di san Filippo Neri di Oudtshoorn, città vicina alla costa meridionale del Sudafrica. Nella primavera del 1996 cominciò ad accusare disturbi sempre più gravi, tanto da essere ricoverato in ospedale, dove venne accertato che era malato di AIDS in fase terminale.

La comunità religiosa cui apparteneva iniziò preghiere incessanti, per ottenere l'intercessione dell'allora beato Luigi Scrosoppi. Nella notte fra il 9 e il 10 ottobre 1996 il giovane sognò il beato Scrosoppi e, al risveglio, si sentì improvvisamente guarito, riprendendo subito la sua normale attività[1].

La guarigione fu constatata dai medici Johannes Le Roux e Pete du Toit, entrambi non cattolici, che non seppero spiegarsi l'accaduto. Il caso, esaminato presso la Curia di Oudtshoorn, fu sottoposto alla Congregazione per le Cause dei Santi che, il 1° luglio 2000, promulgò, alla presenza di Giovanni Paolo II, il decreto sul miracolo, dove si legge: "Trattarsi di un miracolo ottenuto da Dio per intercessione del Beato Luigi Scrosoppi, Sacerdote dell'Oratorio di San Filippo Neri, Fondatore della Congregazione delle Suore della Provvidenza, ossia di una rapidissima, completa e duratura guarigione di Pietro Shungu Shitima da polineurite e cachessia in soggetto HIV positivo.[2]"

Soltanto come vox populi il santo è considerato protettore dei malati di AIDS (in forza del miracolo compiuto a sua intercessione ed approvato per la sua canonizzazione). Non vi è stata nessuna dichiarazione ufficiale della Santa Sede al riguardo.

Epistolario

  • Lettere di padre Luigi Scrosoppi, Roma, Città Nuova della P.A.M.O.M., 1987;
Note
Finti
Bibliografia
  • Guglielmo Biasutti, Tutto di Gesù! Disegno spirituale dell'anima del padre Luigi Scrosoppi D. O., Udine, Arti grafiche friulane, 1968;
  • Guglielmo Biasutti, La spiritualita delle Suore della Provvidenza nel pensiero di P. L. Scrosoppi, Udine, Arti grafiche friulane, 1969;
  • Duilio Corngali, San Luigi Scrosoppi, sacerdote per i più poveri, fondatore delle Suore della Provvidenza, testo a cura di Duilio Corngali, S.l. : s.n., 2001;
  • Maria Papasogli Zalum e Giorgio Papasogli, San Luigi Scrosoppi, prete per i più poveri, Udine, Comitato promotore padre Luigi Scrosoppi, 2001;
  • Ivo Valoppi, A rivederci in Paradiso, la storia di san Luigi Scrosoppi, illustrazioni di Emanuele Bertossi, Udine, Comitato promotore Padre Luigi Scrosoppi, 2001;
  • Roberto Meroi, "Padrut", Udine, Edizioni della Laguna, 2002;
  • Roberto Meroi, "La fiaba vera di San Luigi da Udine", Suore della Provvidenza, Mariano del Friuli, 2003;
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.