San Paolo Aureliano di Leon

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
San Paolo Aureliano di Leon
Vescovo
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
Santo

93363B.JPG

'
Titolo
Incarichi attuali
Età alla morte {{{età}}} anni


Nascita Galles
Morte 573
Sepoltura
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale
Ordinazione presbiterale VI secolo
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile
Consacrazione vescovile 529
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo
Elevazione a Patriarca
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti Vescovo di Saint-Pol-de-Léon
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Opposto a {{{Opposto a}}}
Sostenuto da {{{Sostenuto da}}}
Scomunicato da
Riammesso da da
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da Chiesa cattolica
Venerabile il [[]]
Beatificazione [[]]
Canonizzazione [[]]
Ricorrenza 12 marzo
Altre ricorrenze
Santuario principale
Attributi
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede
Successore
Nome completo {{{nome completo}}}
Trattamento {{{trattamento}}}
Onorificenze
Nome templare {{{nome templare}}}
Nomi postumi
Altri titoli
Casa reale {{{casa reale}}}
Dinastia {{{dinastia}}}
Padre {{{padre}}}
Madre {{{madre}}}
Coniuge

{{{coniuge 1}}}

Consorte

Consorte di

Figli
Religione {{{religione}}}
Firma [[File:{{{firma}}}|150x150px]]
Collegamenti esterni
Tutti-i-santi.jpgNel Martirologio Romano, 12 marzo, n. 5:
« A Saint-Pol-de-Léon in Bretagna, san Paolo Aureliano, primo vescovo di questa città. »

San Paolo Aureliano di Leon, o Pol de Léon, oppure Paolino Aureliano (Galles; † 573), fu tra i sette fondatori della Bretagna ed è venerato come santo dalla Chiesa cattolica.

La sua Vita fu completata nell'884 da un monaco di Landévennec di nome Wrmonoc.

Biografia

Paolo era figlio del capotribù Perfirio del Penychen (nel Glamorgan) (anche se forse si tratta di una confusione con re Paul Penychen). Era fratello di un certo Sidwell, che è stato a volte identificato con san Sidwell dell'Exeter. Paolo divenne pupillo di san Illtud a Llantwit Major e nell'isola di Caldey, come i santi Samson, Gildas e David. Sin dalla giovane età scelse di condurre una vita solitaria e trascorse parecchi anni pregando e studiando. Ordinato sacerdote, radunò attorno a sé dodici discepoli che vissero in celle vicine.

Fondò monasteri in Bretagna (in Francia) a Lampol sull'isola di Ouessant, su quella di Batz (dove poi morì) nell'odierna città di Saint-Pol-de-Léon nel Finistère. Particolarmente amato dalla popolazione locale, Paolo fu proposto per l'episcopato. Withur il signore locale, dovette usare uno stratagemma per indurlo ad accettare. Mandò Paolo a Parigi dal re Childerico per recapitargli un messaggio urgente, contenente in realtà la richiesta della sua consacrazione a vescovo. Il sovrano acconsentì, fece conferire l'ordinazione a Paolo e lo rimandò indietro. Il novello vescovo continuò comunque a condurre una vita improntata ad un'estrema austerità, cibandosi esclusivamente di pane ed acqua, aggiungendo un poco di pesce solo nelle grandi feste.

Pensando di essere ormai prossimo alla morte, Paolo lasciò il ministero episcopale, ma invece sopravvisse a ben due suoi discepoli che aveva designato quali suoi successori. Morì infine nel 573, fu dapprima sepolto a Saint-Pol-de-Léon, ma poi il corpo fu trasferito a Fleury, vicino ad Orléans.

Bibliografia

Bigliografia

  • (EN) G.H. Doble, Lives of the Welsh Saints, 1971

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.