San Raimondo Nonnato

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
San Raimondo Nonnato, O. de M.
Cardinale
0052.JPG
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
battezzato
Santo
'

68300D.JPG

Fransisco de Zurbaran, San Raimondo Nonnato (prima metà del XVII secolo), olio su tela
Titolo cardinalizio
Incarichi attuali
Età alla morte circa 38 anni
Nascita Portell
1200/1204
Morte Cardona
31 agosto 1240
Sepoltura
Conversione
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa 1224
Ordinato diacono
Ordinazione presbiterale
Ordinazione presbiterale 1224
Nominato Abate {{{nominatoAB}}}
Nominato amministratore apostolico {{{nominatoAA}}}
Nominato vescovo {{{nominato}}}
Nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
Nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
Nominato patriarca {{{nominatoP}}}
Nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile mai consacrato
Consacrazione vescovile [[ ]]
Elevazione ad Arcivescovo
Elevazione a Patriarca
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
Creato
Errore nell'espressione: operatore < inatteso.
(vedi)
Creato
Cardinale
1236 da Gregorio IX (vedi)
Deposto dal cardinalato
Cardinale per
Cardinale per 4 anni, 9 mesi e 1 giorno ca.
Cardinale elettore
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Creazione a
pseudocardinale
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Consacrazione {{{Consacrazione}}}
Insediamento {{{Insediamento}}}
Fine pontificato {{{Fine pontificato}}}
Pseudocardinali creati {{{Pseudocardinali creati}}}
Sede {{{Sede}}}
Opposto a
Sostenuto da
Scomunicato da
Confermato cardinale {{{Confermato cardinale}}}
Nomina a pseudocardinale annullata da {{{Annullato da}}}
Riammesso da
Precedente {{{Precedente}}}
Successivo {{{Successivo}}}
Incarichi ricoperti
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Durata del
pontificato
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato


Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi

Iter verso la canonizzazione

Venerato da Chiesa cattolica
Venerabile il [[]]
Beatificazione 9 maggio 1626, da Urbano VIII
Canonizzazione 13 agosto 1669, da Clemente IX
Ricorrenza 31 agosto
Altre ricorrenze
Santuario principale Santuario di San Raimondo Nonnato, Cardona
Attributi
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di ostetriche
[[File:|100px|Stemma]]
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede
Successore
Nome completo {{{nome completo}}}
Trattamento {{{trattamento}}}
Onorificenze
Nome templare {{{nome templare}}}
Nomi postumi
Altri titoli
Casa reale {{{casa reale}}}
Dinastia {{{dinastia}}}
Padre {{{padre}}}
Madre {{{madre}}}
Coniuge

{{{coniuge 1}}}

Consorte

Consorte di

Figli
Religione {{{religione}}}
Firma [[File:{{{firma}}}|150x150px]]
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su gcatholic.org
(EN) Scheda su Salvador Miranda
Scheda su santiebeati.it
Invito all'ascolto
Firma autografa
[[File:{{{FirmaAutografa}}}|250px]]
Tutti-i-santi.jpgNel Martirologio Romano, 31 agosto, n. 5:
« A Cardona in Catalogna, san Raimondo Nonnato, che fu tra i primi compagni di san Pietro Nolasco nell'Ordine della Beata Maria Vergine della Mercede e si tramanda che abbia molto patito in nome di Cristo per la liberazione dei prigionieri. »

San Raimondo Nonnato, in catalano Ramón Nonato (Portell, 1200/1204; † Cardona, 31 agosto 1240), è stato un cardinale spagnolo. Fu un religioso appartenuto all'Ordine mercedario che divenne cardinale; è venerato come santo dalla Chiesa cattolica.

Biografia

Raimondo, detto Nonnato (cioè "non nato", per il fatto di non essere stato partorito, ma estratto dal corpo dalla madre che era appena morta), è venuto alla luce a Portell, piccolo villaggio di Segarra, nella diocesi di Solsona, in Catalogna. Era probabilmente il quinto e più giovane figlio di Arnau de Cardona. È anche elencato come Raimundus Nonnatus; il suo nome di battesimo è Raymond; il suo cognome è elencato come Salons, Surrons e Sarroy.

Formazione

Entrò nell'Ordine di Santa Maria della Mercede (Mercedariani) a Barcellona nel 1221 (o 1224), con l'aiuto del visconte Guillén Folch di Cardona; nel 1218, aveva incontrato e divenne amico di san Pietro Nolasco, fondatore dell'ordine e futuro santo. Ha ricevuto una formazione giuridica in diritto canonico.

Ordinato nel 1224 circa. Nello stesso anno, fece il suo primo viaggio di "redenzione dei prigionieri" nel regno di Valencia, che era ancora sotto i musulmani. Dopo che i re spagnoli liberarono gran parte del territorio dal controllo musulmano, i mercedari andarono in Nord Africa, dove c'erano molti prigionieri cristiani.

Svolse la sua missione in Africa, dove si consacrò alla liberazione e alla conversione degli schiavi: egli stesso venne ridotto in schiavitù, ma venne liberato e nel 1239. Nel 1226, fece il suo primo viaggio in Algeria, liberando 140 prigionieri. Tornò in Algeria nel 1229 e a Bugía nel 1232. Non si sa se il suo ultimo viaggio, nel 1236, fu in Algeria o in Tunisia. Il suo viaggio a Roma, per sostenere le cause del suo ordine, deve aver avuto luogo tra i suoi ultimi due viaggi, ma la data è incerta.

Cardinalato

Creato cardinale diacono da papa Gregorio IX nel concistoro del 1239; ricevette la diaconia di Sant'Eustachio nel 1240. Fu chiamato a Roma da Papa Gregorio IX e morì mentre viaggiava verso quella città.

Morte

Morì il 26 agosto 1240 a Cardona, è stato sepolto nella piccola chiesa di San Nicolás (poi monastero di Sant Ramon de Portell); il suo mausoleo fu distrutto durante la guerra civile spagnola (1936-1939); le sue reliquie che ancora rimanevano sono state rubate nell'agosto 2007 da quel monastero.

Culto

Francisco de Zurbarán, Madonna della Mercede con san Pietro Nolasco e san Raimondo Nonnato (1635 - 1640), olio su tela; collezione privata

Il culto, tributatogli dai fedeli sin dalla morte, ottenne l'approvazione pontificia solo con Urbano VIII (9 maggio 1626); il 7 agosto 1657, Alessandro VII ordinò che il suo nome venisse incluso nel Martirologio Romano e Clemente IX volle che il suo culto venisse esteso alla Chiesa universale (13 agosto 1669).

Il 10 marzo 1681, papa Innocenzo XI fissò la sua memoria liturgica al 31 agosto. È il santo patrono degli ostetrici.

Successione degli incarichi

Predecessore: Cardinale diacono di Sant'Eustachio Successore: Kardinalcoa.png
Robert Somercotes 1239 - 1240 Guglielmo Fieschi I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Robert Somercotes {{{data}}} Guglielmo Fieschi
Bibliografia
  • Lorenzo Cardella Memorie storiche de' cardinali della Santa Romana Chiesa. Roma : Stamperia Pagliarini, 1793, vol. 1, parte 2, p. 260-262 online
Collegamenti esterni