Suore dei Santi Nomi di Gesù e Maria

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Suore dei Santi Nomi di Gesù e Maria
in latino Congregatio Sororum a SS. Nominibus Iesu et Mariae
SNJM.jpg
Il logo del sito della congregazione

Istituto di vita consacrata
Congregazione religiosa femminile di diritto pontificio

Altri nomi
Fondatore Beata Maria Rosa Durocher
Data fondazione 1843
Luogo fondazione Longueil
sigla S.N.J.M.
Titolo superiore
Regola Sant'Ignazio di Loyola
Approvato da Pio IX
Data di approvazione 4 settembre 1877
Scopo istruzione e catechesi
Collegamenti esterni

Sito ufficiale

Le Suore dei Santi Nomi di Gesù e Maria (in latino Congregatio Sororum a SS. Nominibus Iesu et Mariae) sono un istituto religioso femminile di diritto pontificio: i membri di questa congregazione pospongono al loro nome la sigla S.N.J.M.[1]

Storia

L'istituto venne fondato nel Québec da Marie-Rose Durocher (1811-1849), in un momento di grande tensione sociale dovuta alla conquista della regione da parte degli inglesi protestanti: per continuare ad assicurare ai giovani quebecchesi l'insegnamento del francese e della religione cattolica, il sacerdote Pierre-Adrien Telmont, religioso dei Missionari Oblati di Maria Immacolata, consigliò alla Durocher di creare una nuova congregazione di suore[2].

Le Suore dei Santi Nomi di Gesù e Maria iniziarono a condurre vita comune a Longueuil il 28 ottobre del 1843: vennero approvate dal vescovo di Montréal, Ignace Bourget, il 29 febbraio 1844 e vennero riconosciute come congregazione di diritto pontificio con il decreto di lode del 27 febbraio 1863; vennero approvate definitivamente dalla Santa Sede il 4 settembre del 1877[2].

La fondatrice è stata beatificata da papa Giovanni Paolo II nel 1982[3].

Attività e diffusione

Le suore della congregazione seguono la spiritualità ignaziana e si dedicano prevalentemente all'istruzione e alla catechesi[2].

Diffuse prevalentemente in Canada e negli Stati Uniti, nel 1931 si sono aperte all'apostolato missionario fondando case in Giappone e Lesotho, e poi anche in Brasile, Perù, Camerun, Haiti e Nigeria[4]: la sede generalizia è a Longueuil[1].

Al 31 dicembre 2005, la congregazione contava 1.332 religiose in 100 case[1].

Note
  1. 1,0 1,1 1,2 Ann. Pont. 2007, p. 1714.
  2. 2,0 2,1 2,2 DIP, vol. VIII (1988), coll. 799-800, voce a cura di G. Rocca.
  3. Omelia per la proclamazione di cinque nuovi beati (23 maggio 1982) su vatican.va. URL consultato il 30-6-2009
  4. Where we are su snjm.org. URL consultato il 30-6-2009
Bibliografia
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.