Jacopo Antonio Morigia (barnabita)

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
(Reindirizzamento da Venerabile Jacopo Antonio Morigia)
Vai alla navigazione Vai alla ricerca


Venerabile Paolo Battista Morigia, B.
Presbitero
[[File:|120px]]
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo Jacopo (Giacomo) Antonio
battezzato
Venerabile
'

[[File:|250px]]

{{{didascalia}}}
Titolo
Incarichi attuali
Superiore Generale
Età alla morte 50 anni
Nascita Milano
1497
Morte Milano
1547
Sepoltura
Conversione
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono
Ordinazione presbiterale
Ordinazione presbiterale 1535
Nominato Abate {{{nominatoAB}}}
Nominato amministratore apostolico {{{nominatoAA}}}
Nominato vescovo {{{nominato}}}
Nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
Nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
Nominato patriarca {{{nominatoP}}}
Nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile [[ {{{aC}}} ]]
Elevazione ad Arcivescovo {{{elevato}}}
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creato
Creato
Cardinale
Cardinale per
Cardinale per
Cardinale elettore
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Creazione a
pseudocardinale
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Consacrazione {{{Consacrazione}}}
Insediamento {{{Insediamento}}}
Fine pontificato {{{Fine pontificato}}}
Pseudocardinali creati {{{Pseudocardinali creati}}}
Sede {{{Sede}}}
Opposto a
Sostenuto da
Scomunicato da
Confermato cardinale {{{Confermato cardinale}}}
Nomina a pseudocardinale annullata da {{{Annullato da}}}
Riammesso da
Precedente {{{Precedente}}}
Successivo {{{Successivo}}}
Incarichi ricoperti
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Durata del
pontificato
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato


Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
[[File:|100px|Stemma]]
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede
Successore
Nome completo {{{nome completo}}}
Trattamento {{{trattamento}}}
Onorificenze
Nome templare {{{nome templare}}}
Nomi postumi
Altri titoli
Casa reale {{{casa reale}}}
Dinastia {{{dinastia}}}
Padre {{{padre}}}
Madre {{{madre}}}
Coniuge

{{{coniuge 1}}}

Consorte

Consorte di

Figli
Religione {{{religione}}}
Firma [[File:{{{firma}}}|150x150px]]
Collegamenti esterni
Invito all'ascolto
Firma autografa
[[File:{{{FirmaAutografa}}}|250px]]

Venerabile Paolo Battista Morigia, al secolo Jacopo (Giacomo) Antonio (Milano, 1497; † Milano, 1547) è stato un Presbitero, religioso e fondatore italiano. Assieme a Sant'Antonio Maria Zaccaria e al Venerabile Bartolomeo Ferrari diedero vita alla Congregazione dei Chierici regolari di San Paolo.

Biografia

Jacopo (Giacomo) Antonio nacque a Milano nel 1497, figlio di Simone e di Orsina Barzi, nobile famiglia milanese. A due anni perse il padre. Ricevette una educazione tipica dei rampolli dell'allora potente e florido Ducato di Milano.

Fu presto introdotto dalla madre nella vita mondana dell'alta società di Milano: equitazione, caccia, musica e teatro furono le sue principali attività. Fisicamente prestante e bello, alla corte di Francesco Sforza era conosciuto come l'uomo più elegante della città.

In questo mondo poco incline a orientare seriamente la vita di un giovane, Jacopo Antonio si formo da autodidatta in matematica e architettura. Nonostante le pressioni della madre rifiutò i lauti benefici provenienti dall'Abbazia di San Vittore al Corpo che gli influenti amici della madre gli avevano procurato.

Si unì invece all'Oratorio della Santa Corona la cui attività principale era la distribuzione di cibo e medicine ai poveri.

Nel 1522 fece la conoscenza del padre benedettino Giovanni Buono del monastero di San Pietro in Gessate. Su consiglio del monaco entrò nell'Oratorio dell’Eterna Sapienza, intensificò le sue opera di carità e abbandonò la vita mondana per una austera vita spirituale. Qui, da prima, fece amicizia con Bartolomeo Ferrari e nel 1531 con Antonio Maria Zaccaria.

Alla fine del 1532, i tre amici progettarono la trasformazione dell’oratorio, ormai in crisi, in qualcosa di nuovo: la Compagnia dei Figlioli e delle Figliole di Paolo Santo (o "Congregazione di san Paolo"), una formazione religiosa originale, formata da tre gruppi, uno di sacerdoti, uno di religiose e l'altro di laici.

Il collegio maschile venne approvato il 18 febbraio 1533, con il breve apostolico Vota per quae di Papa Clemente VII. Con la bolla Dudum felicis recordationis di Papa Paolo III del 25 luglio 1535, l'Ordine ricevette una nuova approvazione con la qualifica di chierici regolari.

Jacopo Antonio prese il nome di Paolo Battista e fu ordinato presbitero nel 1535. Fu il primo superiore generale della congregazione tra il 1536 e il 1542 e dopo la morte di Bartolomeo Ferrari suo successore di nuovo dal 1545, anno in cui acquistò la chiesa di San Barnaba, fino alla morte intervenuta a soli cinquant'anni, cioè l'anno successivo.

Voci correlate