Golgota

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Altare del Calvario all'interno della Chiesa del Santo Sepolcro a Gerusalemme

Calvario (dal latino Calvaria che significa "luogo del cranio") è il nome della collinetta appena fuori Gerusalemme dove Gesù fu crocifisso.

Il luogo è anche detto Golgota, dall'aramaico Gûlgaltâ, con il medesimo significato di "luogo del cranio".

Collocazione

Schema degli scavi per costruire la Chiesa del Santo Sepolcro

Secondo la tradizione il luogo è appena fuori dalle mura di Gerusalemme del tempo di Gesù, a nord-ovest, ma all'interno dell'attuale città vecchia. In epoche più recenti le mura vennero spostate verso nord.

Consiste in un rilievo roccioso di pochi metri, che attualmente è inglobato all'interno della Chiesa del Santo Sepolcro, in particolare la Cappella della Crocifissione, gestita dai Frati Minori della Custodia di Terra Santa, e la Cappella della Morte, dei greci ortodossi. Esse furono costruite rialzando di alcuni metri, in modo da ricoprire e racchiudere la roccia, che è visibile in parte attraverso un vetro e si può toccare infilando la mano in un foro nel pavimento sotto l'altare eretto sulla sua sommità, in quello che si ritiene il punto esatto dove Gesù fu crocifisso. Nella parte sinistra della chiesa invece, a poche decine di metri, si trova il sepolcro dove Gesù fu deposto.

Alcuni studiosi protestanti suggerirono nell'Ottocento che il Golgota fosse ubicato in un secondo luogo più settentrionale, perché ivi le rocce assomigliano ad un teschio; anche tale luogo è vicino ad un'antica tomba, nota come Tomba del Giardino.

Uso al tempo di Gesù

Roccia del Calvario all'interno della Chiesa del Santo Sepolcro a Gerusalemme

La collina del Golgota era usata come luogo di esecuzione della pena capitale della crocifissione, comune presso i Romani. Si suppone che il suo nome derivi da questo, oppure dalla sua forma tondeggiante come la calotta di un cranio.

Si nomina il Golgota in Matteo 27,33, in Marco 15,22, in Luca 23,33 e in Giovanni 19,17.

La versione di Origene

Origene, nel III secolo, riteneva che il Golgota fosse il luogo della sepoltura di Adamo: questo fatto ribadiva simbolicamente il ruolo di Gesù come nuovo Adamo, fondatore della nuova umanità redenta (cfr. 1Cor 15,21-22). Per questo motivo nelle rappresentazioni della crocifissione è spesso raffigurato il teschio di Adamo ai piedi della Croce.

Bibliografia
  • Amilcare Barbero (a cura di), Atlante dei Sacri Monti, Calvari e Complessi devozionali europei, De Agostini, Novara 2001
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.