Elia

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Sant'Elia
Personaggio dell'Antico Testamento
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
Santo
Profeta

USA Washington NatGal G.G.Savoldo Elia XVI.jpg

Giovanni Gerolamo Savoldo, Elia(prima metà del XVI secolo), olio su tavola trasportata su tela; Washington (USA), National Gallery
{{{motto}}}
Titolo
{{{titolo}}}
Età alla morte {{{età}}} anni
Nascita Tisbe
IX secolo a.C.
Morte Monte Carmelo
850 a.C. ca.
Sepoltura
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale [[{{{aO}}}]]
Appartenenza
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile [[ {{{aC}}} ]]
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Arcivescovo dal {{{elevato}}}
Patriarca dal {{{patriarca}}}
Arcieparca dal {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Immagini
Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da Chiesa cattolica e da tutte le altre Chiese che ammettono il culto dei santi
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[.]] [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza 20 luglio
Altre ricorrenze
Santuario principale
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di
Collegamenti esterni
Tutti-i-santi.jpgNel Martirologio Romano, 20 luglio, n. 2:
« Commemorazione di sant'Elia Tesbita, che fu profeta del Signore nei giorni di Acab e di Acazia, re di Israele, e con tale forza rivendicò i diritti dell'unico Dio contro l'infedeltà del popolo, da prefigurare non solo Giovanni Battista, ma il Cristo stesso; non lasciò profezie scritte, ma la sua memoria viene fedelmente conservata, in particolare sul monte Carmelo. »
Sant'Elia (Tisbe, IX secolo a.C.; † Monte Carmelo, 850 a.C. ca.) è un personaggio dell'Antico Testamento, profeta ebreo fra i primi d'Israele e una delle figure più carismatiche dell'Antico Testamento; le sue gesta sono narrate nei due Libri dei Re. In conformità con il giudaismo che attendeva un ritorno di Elia prima della venuta del Messia, San Giovanni Battista viene indicato da Gesù stesso come l'"Elia che deve venire" (Mt 11,4).

Tratti biografici veterotestamentari

Ambito russo, Icona con Elia (primo quarto del XVIII secolo)

Di Elia si parla in 1Re 17-21 e in 2Re 1-2. Viene presentato come un grande profeta.

Svolge la sua missione sotto il re Acab, del quale combatte aspramente la deriva idolatrica, pilotata dalla regina Gezabele.

Risuscita il figlio della vedova di Sarepta che lo ospita durante una carestia (1Re 17,17-24); ultimo fedele al Dio di Abramo, sfida, vince e uccide i falsi profeti del dio Baal sul monte Carmelo: qui dimostra poi la potenza di Dio accendendo, con la preghiera, una pira di legna verde e bagnata (1Re 18,20-40). Fugge verso il sud, e nel cammino un angelo gli porge il cibo; all'Oreb parla con Dio (1Re 19). Chiama Eliseo a seguirlo ed a essere il suo successore (1Re 19,19-21). Infine è rapito in cielo su un carro di fuoco e scompare (2Re 2,1-13).

Morto?

La scomparsa di Elia ha fatto pensare a tutta la tradizione dell'Antico Testamento che Elia non era morto, ma che era stato assunto in cielo, e che pertanto doveva riapparire sulla terra per aiutare il popolo ebraico in difficoltà. Il profeta Malachia profetizza che Elia sarebbe tornato prima del giorno del Signore (Mal 3,23)[1].

La formazione del ciclo di Elia

La tradizione orale circa le vicende di Elia mostra influssi della fantasia popolare. La fissazione di tali episodi iniziò subito dopo la scomparsa del profeta, e giunse a una prima conclusione verso la fine del IX secolo a.C.. A quell'epoca il documento scritto comprendeva due gruppi di testi:

Statua di Elia nella grotta sul Monte Carmelo, dove visse
  • Un gruppo di narrazioni e aneddoti dove Elia è presentato come profeta, taumaturgo, e dove è attivamente coinvolto nella lotta contro l'idolatria, e quindi contro la casa di Acab: 1Re 17-19.
  • Un gruppo di narrazioni dove il nome di Elia è accompagnato dal titolo il tisbita, e dove Acab è chiamato re di Samaria ed è trattato con minore durezza: 1Re 20-21; 2Re 1,2-8.
  • Un terzo elemento della tradizione comprende i due racconti di 1Re 17,17-24 e 2Re 1,9-16: in essi Elia è presentato come l'uomo di Dio, e il miracoloso è messo in massima evidenza. Tali due aneddoti sono come un trait d'union tra i due primi gruppi di testi.

L'intero ciclo di Elia subì poi una certa rielaborazione nei circoli deuteronomistici, quando questi lo introdussero nei libri dei Re.

Così come appare nei libri della Bibbia, il ciclo di Elia è tra i più antichi testimoni della letteratura biblica e tra i capolavori della prosa ebraica.

Nel Nuovo Testamento

Il Nuovo Testamento afferma che la profezia di Mal 3,23 si è adempiuta in Giovanni Battista (cfr. Mt 17,10-13; Lc 1,17).

Elia appare poi con Mosè durante la trasfigurazione di Gesù, ad esprimere il fatto che la legge (Mosè) e i profeti (Elia, appunto) trovano il loro compimento in Cristo (Mt 17,3; Mc 9,4; Lc 9,30).

I Vangeli ci informano che alcuni pensavano che Gesù fosse Elia ritornato[2].

Nella Tradizione cristiana

Nella tradizione cristiana Elia è il modello dei contemplativi e dei monaci. L'ordine del Carmelo, sorto nei luoghi in cui Elia svolse la sua missione, lo considera proprio padre e ispiratore.

Elia è invocato come protettore contro i fulmini e i temporali, poiché nella Bibbia si dice di lui che era in grado di far discendere "il fuoco dal [[cielo]". Inoltre, proprio per essere stato assunto in Cielo, è patrono degli aviatori. È poi patrono di Buonabitacolo, in provincia di Salerno, di Maschito, in provincia di Potenza, e di Peschici in provincia di Foggia.

Nell'arte

Elia è raffigurato sulla porta lignea della Chiesa di Santa Sabina a Roma (ca. 430), col cocchio di fuoco divenuto una biga, mentre un angelo strappa il profeta verso Dio.

Significativa è anche la tela settecentesca di Giovanni Battista Piazzetta, conservata alla National Gallery di Washington, di forte tensione mistica.

Nel 1846, su commissione del Festival di Birmingham che ne ospitò la prima esecuzione diretta dall'autore, Felix Mendelssohn Bartholdy compose l'oratrio Elias. Per il testo Mendelssohn si servì di passi biblici scelti in collaborazione con l'amico pastore Julius Schubring.

Martin Buber, filosofo ebreo, pubblicò nel 1963 il dramma Elia[3]: in essa il profeta entra nell'eternità senza gustare la morte per essere il messaggero dell'eterna presenza di Dio nell'uomo giusto.

Note
  1. Nel giorno di Pasqua, alcuni ebrei lasciano una coppa di vino dinanzi all'uscio o ad una finestra aperta, in attesa che Elia torni e festeggi con loro la liberazione.
  2. Nel dialogo di Cesarea di Filippo (Mt 16,14; Mc 6,15; Lc 9,19), quando Gesù chiede agli apostoli chi è lui secondo la gente, una delle risposte è appunto Elia. Quando poi Gesù agonizza sulla croce, alcuni interpretano il suo grido "Eli Eli lama sabactani" come un chiamare Elia (Mt 27,47; Mc 15,35).
  3. Traduzione italiana in: Martin Buber, Elie Wiesel, Elia, Gribaudi, 1998, ISBN 9788871524856.
Bibliografia
Voci correlate

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.