Esodo

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
(Reindirizzamento da Libro dell'Esodo)
Esodo
Michelangelo's Moses.jpg
Roma, Basilica di San Pietro in Vincoli, Michelangelo Buonarroti, Mosè, (1513-1516), marmo
Titolo originale שמות (shemòt, "nomi")
Altri titoli
Nazione [[]]
Lingua originale ebraico
Traduzione
Ambito culturale
Autore Anonimo
Note sull'autore
Pseudonimo
Serie
Collana
Editore
Datazione VI - V secolo a.C.
Datazione italiana
Luogo edizione Giudea
Numero di pagine
Genere:
Ambientazione
Ambientazione Geografica:
Ambientazione Storica: XIII secolo a.C.

Personaggi principali:

Titoli dei racconti
Libro precedente
Libro successivo Levitico, Numeri
Adattamento teatrale
Adattamento televisivo
Adattamento cinematografico
Note
Premi:
Collegamenti esterni:
ID ISBN

L' Esodo (ebraico שמות shemòt, "nomi", dall'incipit; greco Ἒξοδος, Èxodos, "uscita", latino Ἐxodus) è il secondo libro della Torah ebraica e della Bibbia cristiana.

La parola Esodo significa uscita e identifica appunto l'uscita dall'Egitto del popolo d'Israele, dove viveva come schiavo, e l'entrata nella Terra promessa (3,7-10): è il punto di partenza della storia del popolo di Dio.

È scritto in ebraico e, secondo l'ipotesi maggiormente condivisa dagli studiosi, la sua redazione definitiva, ad opera di autori ignoti, è collocata al VI-V secolo a.C. in Giudea, sulla base di precedenti tradizioni orali e scritte (vedi Ipotesi documentale).

Il libro è suddiviso in due parti, una narrativa e d una legislativa.

La parte narrativa tratta di:

La parte legislativa presenta:

Storicamente si è portati a credere che siano avvenute realmente uscite dall'Egitto: una come espulsione (3,10) e l'altra come fuga (6,1) con a capo Mosè, e poi celebrate con un rito.

L'evento principale narrato in questo libro è l'esperienza di fede che Israele ha fatto: Egli è colui che ci ha tratti fuori dalla casa di schiavitù.

JHWH si è dimostrato salvatore e liberatore, vicino al suo popolo, di conseguenza Israele intuisce che è anche il suo creatore e, essendo scelto come partner nell'Alleanza, lo sentirà accanto a sé nei momenti di pericolo quando sará minacciato dall'Assiria (Is 10,25 ; Mi 7,14-15) o da Babilonia (Ger 16,14-15; Is capitoli 63-64).

Lungo tutta la storia dell'Antico Testamento, l'Esodo rimane un momento centrale della storia di Israele e il popolo di Dio non perderà mai il ricordo di questo intervento fondamentale di Dio nelle vicende umane.

Questa esperienza di liberazione, fondamentale ed essenziale per il popolo, veniva celebrata solennemente in occasione della Pasqua, come del resto si continua a fare ancora oggi.

Oggi per noi è difficile ricostruire la storia, i fatti dell'Esodo. Ma questo libro rimane comunque fondamentale per i cristiani perché ci insegna che Dio libera da ogni forma di schiavitù e con noi uomini è sempre pronto a concludere un patto di amore, un'alleanza. Infatti, Gesù, suo Figlio incarnato, vissuto tra noi, morto e risorto ha portato a compimento lo scopo stesso dell'Esodo.

Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.