Annunciazione con sant'Emidio (Carlo Crivelli)

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
(Reindirizzamento da Annunciazione con Sant'Emidio)

1leftarrow.png Voce principale: Annunciazione a Maria.

GBR Londra NationalGallery CarloCrivelli Annunciazione+S.Emidio 1486.jpg
Carlo Crivelli, Annunciazione con sant'Emidio (1486), tempera su tavola trasportata su tela
Annunciazione con sant'Emidio
Opera d'arte
Stato

bandiera Regno Unito

Nazione [[]]
Regione ecclesiastica [[|]]
Contea
Comune

Londra

Località
Diocesi Westminster
Parrocchia o Ente ecclesiastico
Ubicazione specifica National Gallery, sala 59
Uso liturgico nessuno
Comune di provenienza Ascoli Piceno
Luogo di provenienza Chiesa della Santissima Annunziata
Oggetto dipinto
Soggetto San Gabriele arcangelo, affiancato da sant'Emidio, annuncia a Maria la nascita di Gesù
Datazione 1486
Datazione
Datazione Fine del {{{fine del}}}
inizio del {{{inizio del}}}
Ambito culturale ambito veneto
Autore

Carlo Crivelli

Altre attribuzioni
Materia e tecnica tempera su tavola trasportata su tela
Misure h. 207 cm; l. 146.7 cm
Iscrizioni OPUS CARO/LI CRIVELLI / VENETI; 1486; LIBERTAS / ECCLESIASTICA.
Stemmi, Punzoni, Marchi stemmi di papa Sisto IV, di Ascoli Piceno e del vescovo Prospero Cafferelli
Note
opera firmata e datata
Collegamenti esterni
Virgolette aperte.png

26Al sesto mese, l'angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nazaret, 27a una vergine, promessa sposa di un uomo della casa di Davide, di nome Giuseppe. La vergine si chiamava Maria. 28Entrando da lei, disse: "Rallégrati, piena di grazia: il Signore è con te". 29A queste parole ella fu molto turbata e si domandava che senso avesse un saluto come questo. 30L'angelo le disse: "Non temere, Maria, perché hai trovato grazia presso Dio. 31Ed ecco, concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù. 32Sarà grande e verrà chiamato Figlio dell'Altissimo; il Signore Dio gli darà il trono di Davide suo padre 33e regnerà per sempre sulla casa di Giacobbe e il suo regno non avrà fine"....
34 Allora Maria disse all'angelo: "Come avverrà questo, poiché non conosco uomo?". 35Le rispose l'angelo: "Lo Spirito Santo scenderà su di te e la potenza dell'Altissimo ti coprirà con la sua ombra. Perciò colui che nascerà sarà santo e sarà chiamato Figlio di Dio. 36Ed ecco, Elisabetta, tua parente, nella sua vecchiaia ha concepito anch'essa un figlio e questo è il sesto mese per lei, che era detta sterile: 37nulla è impossibile a Dio". 38Allora Maria disse: "Ecco la serva del Signore: avvenga per me secondo la tua parola". E l'angelo si allontanò da lei. 39
Virgolette chiuse.png


L'Annunciazione con sant'Emidio è un dipinto, eseguito nel 1486, ad olio su tela, da Carlo Crivelli (1430 ca. - 1494 ca.), proveniente dalla Chiesa della Santissima Annunziata ad Ascoli Piceno e conservato presso National Gallery di Londra (Gran Bretagna).

Descrizione

Carlo Crivelli, Annunciazione con sant'Emidio (part. Due frati, un magistrato ed un bambino sul balcone), 1486, tempera su tavola trasportata su tela

Ambientazione

La scena è ambientata in una via cittadina (a sinistra) e nell'abitazione della Madonna (a destra):

  • La via è affollata da personaggi ispirati alla vita civile di Ascoli dell'epoca: vi si riconoscono personaggi con l'abito da magistrato civile, frati e altri passanti; numerosi sono i dettagli tratti dal mondo quotidiano, come i tappeti stesi al sole, gli alberelli, le gabbiette d'uccellini, le colombe che stazionano su pali che escono da una piccionaia, sullo sfondo del cielo di un azzurro intenso. I piccioni, le lettere, i fogli, rimandano tutti al tema dell'attesa del messaggio papale, come sottolinea il gesto dell'uomo vicino al fulcro prospettico, sotto l'arco, che solleva la tesa all'alto, parandosi dalla luce con la mano, nell'attesa del messaggio fatidico portato da un colombo; tale messaggio arriva poi ed è letto dall'uomo che si affaccia da sopra l'arco, portato dall'uomo vicino alla gabbia.
  • La stanza della Madonna è descritta con cura del dettaglio, tra elementi simbolici calati però nella quotidianità, quali il letto accuratamente rifatto, segno di una vita casta e virginale, oppure la straordinaria natura morta d'oggetti sopra la mensola, in cui si vedono una bottiglia di vetro, simbolo di purezza, o una candela accesa, simbolo di fede. Una finestra con grata, contiene un alberello in vaso, allusione all'immancabile hortus conclusus, e premette la comunicazione ideale tra l'angelo e Maria.

Soggetto

Sulla scena del dipinto compaiono:

  • Maria Vergine è colta nella quiete domestica, mentre umilmente inginocchiata sta leggendo la Parola di Dio; ella si pone in atteggiamento di devota sottomissione alla volontà divina.
  • San Gabriele arcangelo si ferma fuori della casa della Vergine, con il giglio in mano, s'inginocchia devotamente davanti a Maria con uno sguardo concentrato, indicando il "mandante" della sua missione.
  • Dio Padre raffigurato come un alone di luce circondato da angeli, attraverso un buco nella parete invia un raggio divino che accompagna il volo della colomba dello Spirito Santo.
  • Sant'Emidio, patrono della città marchigiana e primo vescovo, che reca in mano il modello di Ascoli. La presenza del Santo affianco a san Gabriele arcangelo è spiegabile dal fatto che il dipinto fu commissionato per celebrare l'autonomia comunale, concessa dal papa alla città di Ascoli Piceno.

Note stilistiche, iconografiche ed iconologiche

  • Il dipinto testimonia la piena padronanza da parte dell'artista delle innovazioni rinascimentali. Infatti, Carlo Crivelli caratterizza la sua produzione in termini antichizzanti, in linea con la tradizione veneziana antecedente al Bellini; questo non è dovuto alla mancata conoscenza dei valori pittorici rinascimentali, ma ad una scelta voluta e consapevole dell'artista.
  • L'opera è un eloquente saggio d'applicazione delle regole prospettiche, reso ancor più peculiare dalla scelta di un punto di fuga laterale. Infatti, non mancano veri e propri virtuosismi prospettici, presenti in numerose altre opere dell'artista ed ispirate alla cultura figurativa dell'arte padovana, come ad esempio:
    • la resa della grata della finestra di Maria Vergine;
    • il cetriolo che sporge in primo piano verso lo spettatore, quasi ad invitarlo a raccoglierlo, e della mela, ombreggiata con cura, che si nota lì accanto;
    • il vertiginoso scorcio prospettico della via a sinistra, terminante in un arco.
Carlo Crivelli, Annunciazione con sant'Emidio (part. Gabbietta con cardellino), 1486, tempera su tavola trasportata su tela
  • Il Crivelli disegna la scena in modo articolato con gusto decorativo: infatti, non mancano i consueti frutti simbolici, ricca e dettagliata è la resa dei tessuti, sono minuziosamente descritti i vari uccelli che compaiono nel dipinto, secondo una declinazione quasi tardo-gotica.
  • Il pittore curò con grande attenzione la resa dei più disparati materiali, dal legno alla stoffa, dalle lucide gemme della veste e della mitria del vescovo all'opacità della terracotta o del tappeto steso sul bordo della loggia del palazzo di Maria (un edificio elaborato e pienamente rinascimentale[), dove si trova anche un pavone, altro simbolo cristologico d'immortalità. Accanto a questa fedeltà ottica c'è un vero e proprio tripudio decorativo, dato dalla ricchezza di bassorilievi che decorano l'edificio e quelli vicini. Tutto ciò è, inoltre, esaltato dalla luce dorata che pervade l'intera scena. La ricchezza dei dettagli fa sì che, quasi come in un'opera fiamminga, ciascuno di essi abbia quasi una vita indipendente, una spiccata singolarità, sebbene tutto partecipi all'unità formale e sostanziale dell'opera.

Iscrizioni

Nel dipinto è presente un'iscrizione celebrativa, collocata sul bordo inferiore del dipinto ed intervallata da tre stemmi:[1]

« LIBERTAS ECCLESIASTICA »

Inoltre, sono presenti altre due iscrizioni, ubicate alla base delle paraste della porta d'ingresso alla casa della Madonna:

  • a sinistra:
« OPUS CARO/LI CRIVELLI / VENETI »

  • a destra:
« 1486 »

Stemmi

Nell'opera sono presenti, sul bordo inferiore, intervallati con l'iscrizione celebrativa, tre blasoni:

Notizie storico-critiche

Carlo Crivelli, Annunciazione con sant'Emidio (part. Arrivo del "secondo annuncio"), 1486, tempera su tavola trasportata su tela

Il dipinto fu commissionato per la Chiesa della Santissima Annunziata dell'Ordine dei Frati Minori per commemorare la concessione ad Ascoli Piceno di una maggior autonomia statutaria. Infatti, nel 1390, la città aveva ottenuto, grazie agli "Accordi di Fano" (1357), la Libertas Ecclesiastica, ovvero una particolare condizione d'autonomia amministrativa all'interno dello Stato della Chiesa, ma tale attributo era stato poi revocato. Su probabile iniziativa del cancelliere Grazioso Benincasa furono, quindi, inviati a Roma, da papa Sisto IV, due cittadini per ripristinare tale libertà statutaria. Il pontefice prese tempo, forse sorpreso dalla richiesta, e il 16 febbraio 1482 nominò commissario mons. Silvestro de Labbro, vescovo di Camerino (1479 - 1482), affinché gli riferisse in merito; con una breve del 22 marzo il papa annunciò l'arrivo del commissario in città ("vir prudens et gravis vobisque affactissimus"), ma gli ascolani appena ricevuta la nota, procedendo i tempi e interpretando "ad arte" il testo pontificio, v'intesero un'anticipazione della concessione della Libertas e si abbandonarono all'esultanza: questo avveniva il 25 marzo, festa dell'Annunciazione.

Quando il Vescovo di Camerino giunse ad Ascoli trovò la città in giubilo e i gabellieri papali già allontanati: ne riferì al pontefice, ma questi, impegnato nella guerra contro Ferdinando I di Napoli (14241494), legato a sua volta alla città, fu costretto ad accettare i fatti compiuti e riuscì solo a pretendere, tramite una lettera del nipote Girolamo Riario (14431488), che questa versasse alla Camera apostolica la quota annua di tremila ducati.

Per celebrare l'evento la città commissionò almeno due dipinti con l'Annunciazione: uno a Pietro Alemanno nel 1483, conservato nel Museo Civico di Ascoli Piceno e quello a Carlo Crivelli.

Nel 1790, in seguito alle soppressioni napoleoniche, come molte altre opere di Carlo Crivelli, l'Annunciazione fu portata a Milano dove confluì nel 1811 nella collezione della Pinacoteca di Brera, dove venne vista e descritta da Amico Ricci nel 1834, il quale, però, ignorava che già erano state avviate dalla direzione del museo lombardo le pratiche di cessione ed esportazione dell'opera. Infatti, nel 1820 Caravaggio con Gesù Cristo e la samaritana al pozzo, opera rivelatasi poi non l'antiquario Augusto Luigi de Livry otteneva in cambio di un presunto dipinto del autografa del Merisi, ma attribuibile al Battistello, ben cinque dipinti, tra cui uno di Marco Palmezzano, due di Cima da Conegliano, una copia del Correggio e l'Annunciazione di Carlo Crivelli. Tra le attenuanti che si possono annotare a proposito del pessimo affare fatto dai responsabili della Pinacoteca di Brera, c'è quella del cattivo stato di conservazione, che richiese nel 1881 il trasferimento del supporto, dalla tavola alla tela.

L'opera del Crivelli messa, dunque, sul mercato antiquario, approdò in Inghilterra dove, dopo alcuni passaggi per collezioni private, entrò nella raccolta di Lord Taunton che nel 1864 la donò alla National Gallery di Londra.

Galleria fotografica

Note
  1. L'iscrizione celebra la concessione di una maggior autonomia comunale, concessa dal papa Sisto IV alla città di Ascoli Piceno
Bibliografia
  • Carlo Bertelli et. al., Storia dell'Arte Italiana, vol. 2, Editore Electa-Bruno Mondadori, Milano 1990, pp. 332 - 333 ISBN 9788842445227
  • Ronald Lightbown, Carlo Crivelli, Editore Yale, Londra 2004 ISBN 9780300102864
  • Rolf Toman, Arte italiana del Rinascimento: architettura, scultura e pittura, Editore Könemann, Colonia 1998, p. 363 ISBN 9783829020404
  • Pietro Zampetti, Carlo Crivelli, Editore Nardini, Firenze 1986, pp. 284 - 286 ISBN 9788840411057
  • Stefano Zuffi, La pittura italiana, Editore Mondadori-Electa, Milano 1997, p. 79 ISBN 9788843559114
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.