Cantico

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Disambig-dark.svg
Nota di disambigua - Se stai cercando il libro dell'Antico Testamento, vedi Cantico dei cantici.

Il cantico è un componimento poetico della Bibbia, con esclusione dei salmi.

Molti libri della Bibbia sono scritti in poesia: il Libro dei salmi, il Cantico dei cantici e il Libro delle Lamentazioni, ed altri.

Il primo cantico è quello cantato da Mosè e dagli israeliti dopo il passaggio del Mar Rosso, cioè dopo la liberazione dalla schiavitù d'Egitto. Altri cantici sono quello di vittoria di Debora e Barac (Gdc 5) e quello funebre di Davide per la morte del re Saul (2Sam 1,17-27). Particolarmente popolare è il cantico di Daniele o dei tre fanciulli nella fornace (Dn 3,52-57).

Circa quaranta cantici sono stati inseriti nella Liturgia delle ore e vengono recitati:

La Liturgia delle Ore valorizza poi soprattutto tre cantici evangelici:

Considerata la loro particolare importanza, questi cantici vengono recitati quotidianamente, sempre nell'ufficio quotidiano, dopo la lettura breve con il suo responsorio.

Nella Messa, i Cantici rappresentano, insieme al tratto, lo strato più antico dei canti: quello della salmodia senza ritornello o in directum, oggi praticamente scomparsa.

Mentre il tratto sopravvive sostituendo l'alleluia nelle Messe quaresimali, tre soli cantici hanno mantenuto la loro collocazione liturgica nella veglia pasquale e conservano l'antichissimo schema della lectio cum cantico[1]. Essi sono:

Note
Bibliografia
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.