Chiesa dei Santi Aquila e Priscilla (Roma)

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Disambig-dark.svg
Nota di disambigua - Se stai cercando altri significati del nome Santi Aquila e Priscilla, vedi Santi Aquila e Priscilla (disambigua).
1leftarrow.png Voce principale: Chiese di Roma.
Chiesa dei Santi Aquila e Priscilla
Flag of UNESCO.svg Bene protetto dall'UNESCO
Q11 Portuense - SS. Aquila e Priscilla 06.JPG
Roma, Chiesa dei Santi Aquila e Priscilla (1989 - 1992)
Altre denominazioni
Stato bandiera Italia
Regione bandiera Lazio


Regione ecclesiastica Lazio

Provincia Roma
Comune Stemma Roma
Località
Diocesi Roma
Religione Cattolica
Indirizzo Via Pietro Blaserna, 113
00146 Roma (RM)
Telefono +39 06 5592973
Fax +39 06 5592973
Posta elettronica SantiAquilaePriscilla@diocesidiroma.it
Sito web

Sito ufficiale

Sito web 2
Proprietà Parrocchia dei Santi Aquila e Priscilla
Oggetto tipo Chiesa
Oggetto qualificazione parrocchiale
Dedicazione Santi Aquila e Priscilla
Vescovo
Fondatore
Data fondazione
Architetto

Ignazio Breccia Fratadocchi

Stile architettonico
Inizio della costruzione 1989
Completamento 1992
Distruzione
Soppressione
Ripristino {{{Ripristino}}}
Scomparsa {{{Scomparsa}}}
Data di inaugurazione 10 maggio 1992
Inaugurato da cardinale Ugo Poletti
Data di consacrazione 15 novembre 1992
Consacrato da papa Giovanni Paolo II
Titolo Santi Aquila e Priscilla (titolo cardinalizio)
Strutture preesistenti
Pianta centrale
Tecnica costruttiva
Materiali cemento armato
Data della scoperta {{{Data scoperta}}}
Nome scopritore {{{Nome scopritore}}}
Datazione scavi {{{Datazione scavi}}}
Scavi condotti da {{{Scavi condotti da}}}
Altezza Massima
Larghezza Massima
Lunghezza Massima {{{LunghezzaMassima}}}
Profondità Massima
Diametro Massimo {{{DiametroMassimo}}}
Altezza Navata
Larghezza Navata
Altitudine {{{Altitudine}}}
Iscrizioni
Marcatura
Utilizzazione
Note
Coordinate geografiche
41°52′01″N 12°28′24″E / 41.866884, 12.473246 bandiera Italia
Patrimonio UNESCO.png Patrimonio dell'umanità
{{{nome}}}
{{{nomeInglese}}}
[[Immagine:{{{immagine}}}|240px]]
Tipologia {{{tipologia}}}
Criterio {{{criterio}}}
Pericolo Bene non in pericolo
Anno [[{{{anno}}}]]
Scheda UNESCO
[[Immagine:{{{linkMappa}}}|300px]]
[[:Categoria:Patrimoni dell'umanità in {{{stato}}}|Patrimoni dell'umanità in {{{stato}}}]]

La Chiesa dei Santi Aquila e Priscilla è un luogo di culto di Roma, situato nella periferia occidentale della città, nel quartiere Portuense.

Storia

La parrocchia è stata eretta il 5 novembre 1971 con il decreto del cardinale vicario Angelo Dell'Acqua Neminem fugit ed affidata al clero diocesano di Roma.

Il nuovo edificio parrocchiale, costruito a partire dal 1989 grazie alla donazione del marchese Alessandro Gerini (18971990), su progetto dell'ingegnere Ignazio Breccia Fratadocchi, è stato inaugurato dal cardinale Ugo Poletti il 10 maggio 1992. Venne consacrato da papa Giovanni Paolo II, in occasione della sua visita, il 15 novembre dello stesso anno.

La chiesa, inoltre, è sede del titolo cardinalizio dei "Santi Aquila e Priscilla", istituito da papa Giovanni Paolo II il 26 novembre 1994: l'attuale titolare è il cardinale Jaime Lucas Ortega y Alamino.

Descrizione

Esterno

La chiesa, costruita in cemento armato, è conformata a tamburo con volume aggettante del corpo del complesso parrocchiale.

Interno

L'interno, a pianta centrale, presenta gli ingressi sormontati da basse finestre a nastro con vetri policromi e la copertura che si rialza in corrispondenza della porzione mediana dell'aula liturgica, aperta da un grande lucernaio.

Il presbiterio è dominato da un dipinto raffigurante Maria Vergine e da un imponente organo a canne.

Lateralmente si trova la cappella feriale, dedicata al Santissimo Sacramento, ad impianto longitudinale, stretta tra due pareti di vetrate curve, di cui una con vetri policromi eseguiti da padre Costantino Ruggeri (19252007), presbitero francescano, che danno particolare risalto al tabernacolo realizzato su disegno del progettista dell'edificio, autore anche del fonte battesimale, dell'altare e dell'ambone.


Chiesa dei Santi Aquila e Priscilla, interno
Bibliografia
  • Stefano Mavilio, Guida all'architettura sacra. Roma, 1945-2005, col. "Luoghi e architetture", Mondadori-Electa, Milano, 2006, p. 251, ISBN 9788837041410
  • Claudio Rendina, Le Chiese di Roma. Storia e segreti, col. "Tradizioni italiane", Newton & Compton, Roma, 2017, pp. 39-40, ISBN 9788854188358
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.