Chiesa di Sant'Atanasio a Via Tiburtina (Roma)

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Disambig-dark.svg
Nota di disambigua - Se stai cercando altri significati del nome Atanasio, vedi Atanasio (disambigua).
1leftarrow.png Voce principale: Chiese di Roma.
Chiesa di Sant'Atanasio a Via Tiburtina
Flag of UNESCO.svg Bene protetto dall'UNESCO
Pietralata - S. Atanasio 02.JPG
Roma, Chiesa di Sant'Atanasio a Via Tiburtina (1967 - 1969)
Altre denominazioni
Stato bandiera Italia
Regione bandiera Lazio


Regione ecclesiastica Lazio

Provincia Roma
Comune Stemma Roma
Località
Diocesi Roma
Vicariatus Urbis
Religione Cattolica
Indirizzo Via Achille Benedetti, 11
00157 Roma (RM)
Telefono +39 06 4511688
Fax +39 06 4511688
Posta elettronica SantAtanasio@diocesidiroma.it
Sito web

Sito ufficiale

Sito web 2
Proprietà Pontificia Opera per la Preservazione della Fede e la Provvista di nuove Chiese in Roma
Oggetto tipo Chiesa
Oggetto qualificazione parrocchiale
Dedicazione Sant'Atanasio di Alessandria
Vescovo
Fondatore
Data fondazione
Architetto

Ernesto Vichi

Stile architettonico
Inizio della costruzione 1967
Completamento 1976
Distruzione
Soppressione
Ripristino {{{Ripristino}}}
Scomparsa {{{Scomparsa}}}
Data di inaugurazione {{{AnnoInaugur}}}
Inaugurato da {{{InauguratoDa}}}
Data di consacrazione
Consacrato da {{{ConsacratoDa}}}
Titolo Sant'Atanasio a Via Tiburtina (titolo cardinalizio)
Strutture preesistenti
Pianta basilicale
Tecnica costruttiva
Materiali pietra, profilati metallici
Data della scoperta {{{Data scoperta}}}
Nome scopritore {{{Nome scopritore}}}
Datazione scavi {{{Datazione scavi}}}
Scavi condotti da {{{Scavi condotti da}}}
Altezza Massima
Larghezza Massima
Lunghezza Massima {{{LunghezzaMassima}}}
Profondità Massima
Diametro Massimo {{{DiametroMassimo}}}
Altezza Navata
Larghezza Navata
Altitudine {{{Altitudine}}}
Iscrizioni
Marcatura
Utilizzazione
Note
Coordinate geografiche
41°54′46″N 12°32′36″E / 41.91288, 12.54323 bandiera Italia
Patrimonio UNESCO.png Patrimonio dell'umanità
{{{nome}}}
{{{nomeInglese}}}
[[Immagine:{{{immagine}}}|240px]]
Tipologia {{{tipologia}}}
Criterio {{{criterio}}}
Pericolo Bene non in pericolo
Anno [[{{{anno}}}]]
Scheda UNESCO
[[Immagine:{{{linkMappa}}}|300px]]
[[:Categoria:Patrimoni dell'umanità in {{{stato}}}|Patrimoni dell'umanità in {{{stato}}}]]

La Chiesa di Sant'Atanasio a Via Tiburtina è un edificio di culto di Roma, situato nella periferia settentrionale della città, nel quartiere di Pietralata.

Storia

La parrocchia è stata eretta l'11 marzo 1961 con il decreto del cardinale vicario Clemente Micara (1879 - 1965) Neminem sane e affidata al clero diocesano di Roma.

La chiesa fu costruita tra il 1967 e il 1969 su progetto dell'architetto Ernesto Vichi. L'edificio attuale è il risultato di un complessivo restauro effettuato nel 1976, durante il quale sono stati modificati il tetto, la pavimentazione, le pareti e il presbiterio.

Dal 28 giugno 1991, per volontà di papa Giovanni Paolo II, è sede del titolo cardinalizio di "Sant'Atanasio a Via Tiburtina": l'attuale titolare è il cardinale Gabriel Zubeir Wako.

Descrizione

La chiesa è costituita da un edificio a basso corpo centrale: la parte inferiore è rivestita da lastre di pietra, mentre quella superiore è realizzata in profilati metallici. La facciata è preceduta da un avancorpo, con un portale in ferro battuto.

L'interno è a pianta irregolare su base quadrata, con impianto liturgico di tipo basilicale, con pilastri in ferro. La luce penetra nell'ambiente da quattro vetrate, ove sono rappresentati:

Il presbiterio, a pianta semicircolare, è sopraelevato di alcuni gradini e presenta un altare in granito e sulla parete di fondo un altorilievo raffigurante:

Chiesa di Sant'Atanasio a Via Tiburtina (interno)

Nell'aula liturgica, inoltre, si notano:

Festa patronale

Unica a Roma nel suo genere, la parrocchia organizza dal 1982 il Palio di Sant'Atanasio, rievocazione storica medievale che ricalca il celebre Palio di Siena, durante la quale le sette contrade, in cui è diviso il territorio, si contendono l'ambito trofeo: Giaguaro, San Giorgio, Falco, Elefante, Farfalla, Cigno e Lumaca.

Bibliografia
  • Stefano Mavilio, Guida all'architettura sacra. Roma, 1945-2005, col. "Luoghi e architetture", Mondadori-Electa, Milano, 2006, pp. 61-62, ISBN 9788837041410
  • Claudio Rendina, Le Chiese di Roma. Storia e segreti, col. "Tradizioni italiane", Newton & Compton, Roma, 2017, p. 40, ISBN 9788854188358
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.