Eremo di Montepaolo

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Eremo di Montepaolo
Flag of UNESCO.svg Bene protetto dall'UNESCO
Eremo di monte paolo.jpg
Eremo di Montepaolo
Stato bandiera Italia
Regione Stemma Emilia Romagna


Regione ecclesiastica Emilia Romagna

Provincia Forlì-Cesena
Comune Dovadola
Località Montepaolo
Diocesi Forlì-Bertinoro
Religione Cattolica
Indirizzo
Telefono
Fax
Posta elettronica [mailto: ]
Sito web [http:// Sito ufficiale]
Sito web 2
Proprietà
Oggetto tipo Eremo
Oggetto qualificazione
Dedicazione Sant'Antonio di Padova
Vescovo
Fondatore
Data fondazione XII secolo
Architetto
Stile architettonico
Inizio della costruzione XII secolo
Completamento 1932
Distruzione
Soppressione
Ripristino {{{Ripristino}}}
Scomparsa {{{Scomparsa}}}
Data di consacrazione
Consacrato da
Data di inaugurazione
Inaugurato da
Strutture preesistenti
Pianta
Tecnica costruttiva
Materiali
Data della scoperta {{{Data scoperta}}}
Nome scopritore
Datazione scavi
Scavi condotti da
Altezza Massima
Larghezza Massima
Lunghezza Massima
Profondità Massima
Diametro Massimo {{{DiametroMassimo}}}
Altezza Navata
Larghezza Navata
Altitudine {{{Altitudine}}}
Iscrizioni
Marcatura
Utilizzazione
Note
Coordinate geografiche
44°08′35″N 11°52′33″E / 44.1431, 11.8757 Stemma Emilia Romagna
Mappa di localizzazione New: Emilia-Romagna
Eremo di Montepaolo
Eremo di Montepaolo
Forlì
Forlì
Bologna
Bologna
Patrimonio UNESCO.png Patrimonio dell'umanità
{{{nome}}}
{{{nomeInglese}}}
[[Immagine:{{{immagine}}}|240px]]
Tipologia {{{tipologia}}}
Criterio {{{criterio}}}
Pericolo Bene non in pericolo
Anno [[{{{anno}}}]]
Scheda UNESCO
[[Immagine:{{{linkMappa}}}|300px]]
[[:Categoria:Patrimoni dell'umanità in {{{stato}}}|Patrimoni dell'umanità in {{{stato}}}]]

L'Eremo di Montepaolo, ubicato presso Dovadola[1] (ad una ventina di chilometri da Forlì), dedicato a Sant'Antonio di Padova e risalente almeno al XII secolo, si trova in un'area molto verde e boscosa. Un antico percorso pedonale collega Montepaolo alla rocca di Castrocaro Terme, con una distanza di circa 8 km. Castrocaro, a sua volta, è collegata alla città di Forlì da un comodo sentiero lungo il fiume Montone. Montepaolo costituisce il principale santuario antoniano dell'Emilia-Romagna.

La presenza di Sant'Antonio di Padova

Sant'Antonio fu inviato a Montepaolo nel 1221, poco dopo che vi si era installata una piccola comunità francescana. Antonio rimase all'eremo dal 1221 al 1222; durante tale permanenza effettuò, a Forlì, la città più vicina, le sue prime predicazioni pubbliche; a causa di questo il santo fu a lungo noto anche come Antonio da Forlì.

Nei pressi dell'eremo si trova poi la grotta nella quale spesso Antonio si ritirava in meditazione ed in preghiera[2]. Attualmente, la Grotta di Antonio è facilmente raggiungibile tramite un sentiero pedonale.

Antonio, diventato poi predicatore dell'Ordine, lasciò Montepaolo per esercitare il ministero in Romagna e nel resto dell'Italia settentrionale e della Francia. A Montepaolo ebbe modo di ritornare nel 1228, quando, in qualità di Padre Provinciale, vi compì una visita canonica.

A memoria della permanenza di Sant'Antonio il santuario conserva una reliquia tratta dal corpo stesso del Santo.

I secoli seguenti

Poiché l'area di Montepaolo era soggetta a frane, l'eremo venne abbandonato dai Francescani, forse per ordine dello stesso Antonio. I frati dell'eremo si riunirono alla comunità di Castrocaro.

Non si perse però la memoria né dell'eremo né della grotta: nel 1629 un nobiluomo di Castrocaro, Giacomo Paganelli, guarito per intercessione di Sant'Antonio, come ex voto edificò un oratorio dove sorgeva l'antico eremo.

Alla fine del XVIII secolo, dopo che una nuova frana coinvolse l'oratorio, furono i padri Emanuele De Azevedo, autore di una Vita di Sant'Antonio, e Andrea Michelini a curarne la ricostruzione.

All'inizio del XX secolo, dopo che nuovi smottamenti danneggiarono il luogo, monsignor Sante Mei, vescovo di Modigliana, chiese ai frati minori di tornare a valorizzare il sito. Essi ricostruirono e ripristinarono, in zona più sicura, edifici e grotta.

Il Santuario attuale

Nel 1908 monsignor Raimondo Jaffei, vescovo di Forli, benedisse la prima pietra dell'attuale Santuario, edificato in stile neogotico ed internamente affrescato. Fra gli artisti che vi lavorarono si ricordano Giacomo Gemmi, Giovanni Bassan, Bruno Mazzoni, Venanzio Bolsi e Baccio Maria Bacci.

L'eremo costituisce oggi un importante centro di spiritualità e di preghiera. In particolare tutte le domeniche di settembre vi si svolgono celebrazioni in onore di Sant'Antonio.

Nell'area esterna al Santuario sono stati allestiti due percorsi artistici e spirituali: il Sentiero della Speranza, consistente in una serie di pannelli raffiguranti la vita di Antonio, e il Viale dei Mosaici, dedicato alla storia di Montepaolo.

Nella Diocesi di Forlì opera anche un gruppo di preghiera che si è dato il nome di Gruppo di preghiera di Montepaolo perché trova in Montepaolo, luogo dove il gruppo stesso è nato, la sua ispirazione.

Pellegrinaggi a piedi

Il 13 giugno è tradizionale il pellegrinaggio a piedi da Castrocaro a Montepaolo.

Montepaolo è anche il punto di partenza per il pellegrinaggio detto Cammino di Assisi.

Note
  1. La cittadina è conosciuta come luogo di nascita di Benedetta Bianchi Porro.
  2. Si fa notare che Sant'Antonio, scoperta in Francia, presso Brive, una grotta simile, volentieri vi si recava, dato che essa gli ricordava quella, a lui cara, di Montepaolo.
Bibliografia
  • Giacomo Paganelli, L' Eremo di Monte Paolo Diocesi di Forlì santificato da S. Antonio di Padova a Monsig. Tommaso Torrelli Vescovo di Forlì, Dandi, Forlì (post 1714).
  • Ludovico Bartolucci, La grotta di sant'Antonio a Montepaolo, Tipolitografia Valbonesi, Forlì 2005
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.