Flagellazione di Gesù Cristo (Luca Signorelli)

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Milano PinBrera L.Signorelli StendardoFlagellazione-part.recto 1480ca.jpg
Luca Signorelli, Flagellazione di Gesù Cristo (1480 ca.), tempera su tavola
Stendardo processionale della Confraternita di Santa Maria del Mercato
Opera d'arte
Stato

bandiera Italia

Regione Stemma Lombardia
Regione ecclesiastica Lombardia
Provincia Milano
Comune

Stemma Milano

Località
Diocesi Milano
Parrocchia o Ente ecclesiastico
Ubicazione specifica Pinacoteca di Brera, sala 27
Uso liturgico nessuno
Comune di provenienza Fabriano
Luogo di provenienza Chiesa di Santa Maria del Mercato
Oggetto stendardo processionale
Soggetto Flagellazione di Gesù Cristo; Madonna con Gesù Bambino
Datazione 1480 ca.
Datazione
Datazione Fine del {{{fine del}}}
inizio del {{{inizio del}}}
Ambito culturale
Autore

Luca Signorelli

Altre attribuzioni
Materia e tecnica tempera su tavola
Misure h. 85,2 cm, l. 62 cm
Iscrizioni LUCE CORTONENSIS
Stemmi, Punzoni, Marchi
Note
opera firmata

<span class="geo-dms" title="Mappe, foto aeree ed altre informazioni per Errore nell'espressione: operatore < inatteso.°Errore nell'espressione: operatore < inatteso.Errore nell'espressione: operatore < inatteso.Errore nell'espressione: carattere di punteggiatura "{" non riconosciuto. Errore nell'espressione: operatore < inatteso.°Errore nell'espressione: operatore < inatteso.Errore nell'espressione: operatore < inatteso.Errore nell'espressione: carattere di punteggiatura "{" non riconosciuto.">Errore nell'espressione: operatore < inatteso.°Errore nell'espressione: operatore < inatteso.Errore nell'espressione: operatore < inatteso.Errore nell'espressione: carattere di punteggiatura "{" non riconosciuto. Errore nell'espressione: operatore < inatteso.°Errore nell'espressione: operatore < inatteso.Errore nell'espressione: operatore < inatteso.Errore nell'espressione: carattere di punteggiatura "{" non riconosciuto. / {{{latitudine_d}}}, {{{longitudine_d}}} {{{{{sigla paese}}}}}


Collegamenti esterni
Virgolette aperte.png
16Allora i soldati lo condussero dentro il cortile, cioè nel pretorio, e convocarono tutta la coorte. 17Lo rivestirono di porpora e, dopo aver intrecciato una corona di spine, gliela misero sul capo. 18Cominciarono poi a salutarlo: «Salve, re dei Giudei!». 19E gli percuotevano il capo con una canna, gli sputavano addosso e, piegando le ginocchia, si prostravano a lui. 20Dopo averlo schernito, lo spogliarono della porpora e gli rimisero le sue vesti, poi lo condussero fuori per crocifiggerlo.
Virgolette chiuse.png

La Flagellazione di Gesù Cristo è uno stendardo processionale, realizzato nel 1480 circa, a tempera su tavola da Luca Signorelli (1445 ca. - 1523), proveniente dalla Chiesa di Santa Maria del Mercato di Fabriano (Ancona) ed attualmente conservato presso la Pinacoteca di Brera di Milano.

Lo stendardo processionale è dipinto su due lati (oggi separati, ma conservati nello stesso museo), dove sono raffigurati:

Descrizione

Luca Signorelli, Madonna con Gesù Bambino detta Madonna del latte (1480 ca.), tempera su tavola

Recto

La scena della Flagellazione di Gesù Cristo è ambientata in uno spazio classicheggiante, costruito secondo i canoni della prospettiva e sostanzialmente simmetrico attorno al fulcro della colonna, chiuso da un'architettura che riecheggia un arco di trionfo romano. Nel dipinto compaiono:

  • Gesù Cristo, seminudo con indosso solo un perizoma, è legato ad una colonna sormontata da una statua antica e resta impassibile, subendo con rassegnazione il martirio: il corpo del Cristo è reso in modo anatomicamente perfetto e con una fisionomia un po' rubiconda che si ritrova in altre opere del Signorelli.
  • Quattro aguzzini, seminudi appena coperti da un leggero perizoma:[1] le loro figure esprimono tutta la brutalità della Passione di Gesù, facendoci comprendere che una simile ottusità e violenza è sempre possibile nell'animo umano. Essi sono colti in pose scattanti e nervose, che enfatizzano l'idea di movimento e tensione muscolare.
  • Soldato armato, spettatore del supplizio.
  • Sacerdote ebreo, assiste alla scena, posto nell'estremità destra.
  • Ponzio Pilato, seduto su un alto piedistallo a sinistra, assiste alla scena e sembra comandare l'azione con un bastone. Egli compie un gesto analogo a quello del lavarsi le mani: gira lo sguardo come per non volere più vedere ed intervenire.

Verso

Il dipinto presenta l'iconografia della Madonna del latte, nel quale compaiono:

  • Madonna, seduta, avvolta in un manto azzurro, scopre il seno per offrirlo al Figlio. La sua figura monumentale e quasi dilatata, è caratterizzata da un'attenta cura dei dettagli, con una studiata posizione di mani e piedi e con una ricca serie di lumeggiature dorate sul manto.
  • Gesù Bambino, nudo, è seduto sulle ginocchia di Maria e si volge verso lo spettatore, afferrando il seno della Madre.
  • Angeli, circondano la Madonna con Gesù Bambino, componendo una teoria, che asseconda la forma centinata del dipinto entro l'originale cornice, e configurando una sorta di luminosa mandorla di gloria.

Note stilistiche, iconografiche ed iconologiche

  • L'iconografia del dipinto si basa su precise scelte dei committenti, che si dedicavano ad opere assistenziali verso l'infanzia (da cui il soggetto della Madonna con Gesù Bambino) e praticavano forme di penitenza come l'autoflagellazione in pubblico.
Luca Signorelli, Flagellazione di Gesù Cristo (part. Ponzio Pilato), 1480 ca., tempera su tavola
  • Il dipinto riprende alcuni elementi delle opere di Piero della Francesca e di Francesco di Giorgio, nonché della cultura artistica urbinate del tempo. Rispetto a Piero, però l'opera è anche aggiornata alle novità fiorentine di Antonio del Pollaiolo e Sandro Botticelli: questo si nota nella linea vibrante e tesa che fa da contorno dei corpi e nella costruzione della composizione caratterizzata da un forte dinamismo, che lo allontanano dalla lezione di Piero. Inoltre, la fattura minuta e delicata dei personaggi deriva, forse, dalla frequentazione di Bartolomeo della Gatta, altro pittore della cerchia urbinate, e l'immagine di Ponzio Pilato, riecheggia gli Uomini illustri (1476 ca.) realizzati da Giusto di Gand per lo studiolo di Federico da Montefeltro, un ulteriore indizio del passaggio del Signorelli da Urbino, durante gli anni della sua formazione.

Iscrizione

Nel dipinto figura la firma del pittore:

« LUCE CORTONENSIS »

Notizie storico-critiche

Lo stendardo processionale venne dipinto su committenza della Confraternita dei Raccomandati per la Chiesa di Santa Maria del Mercato a Fabriano, oggi distrutta.

L'opera, sebbene firmata, non presenta la data ma è attribuita, per la vicinanza con le opere di Piero della Francesca, al primo soggiorno marchigiano del giovane artista cortonese. Da molti storici è indicata come la prima opera dell'artista.

Nel 1811, in seguito alle soppressioni napoleoniche, lo stendardo giunse alla Pinacoteca di Brera già diviso e privo della cornice.

Note
  1. Alcuni perizomi nel dipinto mostrano le righe tipiche dei tessuti dell'epoca, presenti anche in altre opere come il Battesimo di Gesù Cristo (1475 ca.) di Andrea Verrocchio e Leonardo
Bibliografia
  • Carlo Bertelli et. al., Storia dell'Arte Italiana, vol. 2, Editore Electa-Bruno Mondadori, Milano 1990, p. 306 ISBN 9788842445227
  • Vittoria Garibaldi et al. (a cura di), Luca Signorelli, Editore Silvana, Milano 2012
  • Antonio Paolucci, Luca Signorelli, in "I Grandi Maestri dell'Arte", Editore Scala, Firenze 1990, pp. 5, 8 - 9 ISBN 9788881170258
  • Antonio Paolucci, Luca Signorelli, in "Pittori del Rinascimento", Editore Scala, Firenze 2004 - ISBN 978888117099X
  • Rolf Toman (a cura di), Arte italiana del Rinascimento: architettura, scultura e pittura, Editore Könemann, Colonia 1998, p. 300 - ISBN 9783829020404
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.