Gesù fra i dottori (Albrecht Dürer)

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
ESP Madrid MuThyssen A.Durer GesufraDottori 1506.jpg
Albrecht Dürer, Gesù fra i dottori (1506), olio su tavola
Gesù fra i dottori
Opera d'arte
Stato

bandiera Spagna

Comunità Escudo de Madrid.svg Madrid
Regione ecclesiastica [[|]]
Provincia Madrid
Comune

Escudo de Madrid.svg Madrid

Località
Diocesi Madrid
Parrocchia o Ente ecclesiastico
Ubicazione specifica Museo Thyssen-Bornemisza
Uso liturgico nessuno
Comune di provenienza
Luogo di provenienza
Oggetto dipinto
Soggetto Disputa di Gesù con i dottori nel Tempio
Datazione 1506
Datazione
Datazione Fine del {{{fine del}}}
inizio del {{{inizio del}}}
Ambito culturale scuola danubiana
Autore

Albrecht Dürer

Altre attribuzioni
Materia e tecnica olio su tavola
Misure h. 64,3 cm; l. 80,3 cm
Iscrizioni 1506 / A.D. / Opus Quinque Dierum
Stemmi, Punzoni, Marchi stemma famiglia Barberini
Note
opera datata e firmata
Collegamenti esterni
Virgolette aperte.png

41I suoi genitori si recavano ogni anno a Gerusalemme per la festa di Pasqua. 42Quando egli ebbe dodici anni, vi salirono secondo la consuetudine della festa. 43Ma, trascorsi i giorni, mentre riprendevano la via del ritorno, il fanciullo Gesù rimase a Gerusalemme, senza che i genitori se ne accorgessero. 44Credendo che egli fosse nella comitiva, fecero una giornata di viaggio e poi si misero a cercarlo tra i parenti e i conoscenti;...
45non avendolo trovato, tornarono in cerca di lui a Gerusalemme. 46Dopo tre giorni lo trovarono nel Tempio, seduto in mezzo ai maestri, mentre li ascoltava e li interrogava. 47E tutti quelli che l'udivano erano pieni di stupore per la sua intelligenza e le sue risposte. 48Al vederlo restarono stupiti e sua madre gli disse: «Figlio, perché ci hai fatto questo? Ecco, tuo padre e io, angosciati, ti cercavamo». 49Ed egli rispose loro: «Perché mi cercavate? Non sapevate che io devo occuparmi delle cose del Padre mio?». 50Ma essi non compresero ciò che aveva detto loro.
Virgolette chiuse.png

La Gesù fra i dottori è un dipinto, eseguito nel 1506, ad olio su tavola, dal pittore tedesco Albrecht Dürer (1471 - 1528), conservato nel Museo Thyssen-Bornemisza di Madrid (Spagna).

Descrizione

Soggetto

La scena del dipinto si svolge nel Tempio di Gerusalemme, dove compaiono:

  • al centro, Gesù dodicenne ha il volto triste, ma sereno, sta enumerando con calma i concetti, come un maestro che spiga agli allievi. Questi sono allievi particolari, ammutoliti dalla sua conoscenza della dottrina della Fede, tema per loro ben noto. Le sue mani sono molto espressive, oggetto di un disegno preparatorio, oggi conservato nella collezione Blasius a Braunschweig (Germania).
  • Sei dottori, attorno a Gesù, disputano con lui sulle verità; si stagliano quasi fluttuando, senza riferimenti spaziali precisi. Molto originali sono le loro fisionomie, una vera e propria galleria di volti che dimostrano stupore, meraviglia, perplessità e talvolta venati da un livore maligno o con atteggiamenti inquisitori, con il ricorso a pesanti tomi, aperti quasi con arroganza, nel tentativo di dimostrare i propri assiomi. Si noti in particolare:

Note stilistiche, iconografiche ed iconologiche

Albrecht Dürer, Gesù fra i dottori (part. Fariseo), 1506, olio su tavola
  • Il fulcro della scena del dipinto è il vortice costituito dalle mani di Gesù e da quelle del dottore più mostruoso, che sembrano trasferire la disputa dalla voce al gesto. Le dita di questo personaggio arrivano quasi a toccare, come in una sfida, quelle di Gesù. Spesso, nelle opere medievali e rinascimentali, non è il volto ad esprimere i moti dell’anima dei personaggi; tale compito è delegato alle mani. La cosiddetta "mano parlante" può assumere tante forme: il gesto davanti a cui ci si trova è definito disputatio, ed esprime la forza argomentativa dei personaggi, il cui confronto è rappresentato tramite il contatto fisico che intercorre tra le mani di Gesù e quelle di uno dei dottori – il cui sguardo vacuo, com’è stato evidenziato nel corso del laboratorio, denota una fede cieca nelle proprie convinzioni.
  • In modo del tutto inconsueto ma efficace, Albrecht Dürer ha concentrato la scena solo sull'immagine molto ravvicinata dei personaggi dell'episodio evangelico, ridotti a sei, rinunciando a qualunque particolare ambientale. La cronaca dettagliata del brano di Luca lascia il posto ad un serrato ed inquietante dibattito.
  • Il volto di Gesù è quello di un bel ragazzo, con i capelli fluenti, florido e colorito. La scelta dell'autore di porgli esattamente a fianco (e alla stessa altezza) un dottore particolarmente brutto (mento sporgente, labbra enormi, pelle raggrinzita) è forse un'eco dell'asserto di Leonardo da Vinci (14521519) che aveva scritto:
« Il brutto afferma ancor più la bellezza a lui vicina. »
  • Nella composizione pittorica, particolarmente accalcata e con le figure scalate senza una vera prospettiva, sono sette i volti rappresentati, ma l’unico che attira lo sguardo dello spettatore è quello di Gesù, alludendo così al Sal 26[25],8:
« Di te ha detto il mio cuore: «Cercate il suo volto»; il tuo volto, Signore, io cerco. »

Iscrizioni

Albrecht Dürer, Libri e mani (part. da Gesù fra i dottori), 1506, olio su tavola

Nel dipinto figura un'iscrizione collocata sul segnalibro nel volume che tiene il dottore, in basso a sinistra, dove si legge la datazione dell'opera ed il monogramma del pittore:

(LA) (IT)
« 1506 / A.D. / Opus Quinque Dierum » « Fatto in cinque giorni »

Inoltre, figurano alcuni versetti della Bibbia, scritti in ebraico, sul cartellino del berretto nella testa del dottore in basso a sinistra.

Stemmi

Albrecht Dürer, Mani di Gesù e di un dottore (part. da Gesù fra i dottori), 1506, olio su tavola

Nell'opera sono presenti, sul retro, due sigilli con due blasoni con:

  • stemma della famiglia Barberini.

Notizie storico-critiche

Il pittore dipinse l'opera a Venezia, tra il 1505 tarda estate e l'autunno del 1506, ossia durante il suo secondo soggiorno in Italia. Nel corso dei mesi vissuti nella città veneta, Dürer mantiene un’intensa corrispondenza con uno dei suoi amici d'infanzia, Willibald Pirckheimer (1470 - 1530), umanista e poeta. In una delle lettere indirizzate all’amico, datata 23 settembre 1506, l'artista menziona l’esecuzione di un dipinto (probabilmente questo), mentre lavorava alla pala d'altare della Festa del Rosario[1], affermando:

« Ecco, io ho finito una tavola ed anche un'altra come non ne avevo mai fatte prima »

Alcuni studiosi ipotizzano che l'opera fu donata al pittore veneziano Giovanni Bellini (1433 ca. – 1516), poiché nella casa di questi la poté probabilmente vedere Lorenzo Lotto (14801557), il quale riprese una delle figure dei dottori per un personaggio del suo dipinto con la Sacra conversazione (1508), oggi esposto nella Galleria Borghese a Roma.

Nel 1634, l'opera è registrata nell'inventario della collezione Barberini: infatti, tale passaggio è confermato anche dalla presenza nel retro dell’opera di due sigilli con lo stemma della famiglia.

Nel 1934, il dipinto si trovava presso la Galleria Mercuria di Lucerna (Svizzera), dove venne acquistato, nello stesso anno, per la raccolta Thyssen-Bornemisza.

Note
  1. La pala d'altare della Festa del Rosario (1506), olio su tavola, di Albrecht Dürer, è ora conservata nella Národní Galerie di Praga
Bibliografia
  • Costantino Porcu (a cura di), Dürer, Editore Rizzoli, Milano 2004, p. 112
  • Stefano Zuffi, Episodi e personaggi del Vangelo, col. "Dizionari dell'Arte", Editore Mondadori-Electa, Milano 2002, p. 135 ISBN 9788843582594
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.