Giornata Mondiale delle Comunicazioni Sociali

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark

La Giornata Mondiale delle Comunicazioni Sociali, è la giornata che la Chiesa cattolica dedica alla riflessione sull'impiego degli strumenti di comunicazione sociale.

È l'unica celebrazione mondiale voluta dal Concilio Vaticano II: è stata istituita con il decreto conciliare Inter Mirifica nel 1963, ed è celebrata solitamente la domenica che precede la Pentecoste.

L'istituzione

Al n.18 del decreto conciliare viene stabilito:

« Al fine poi di rendere più efficace il multiforme apostolato della Chiesa con l'impiego degli strumenti di comunicazione sociale, ogni anno in tutte le diocesi del mondo, a giudizio dei vescovi, venga celebrata una giornata nella quale i fedeli siano istruiti sui loro doveri in questo settore, invitati a speciali preghiere per questo scopo e a contribuirvi con le loro offerte. Queste saranno debitamente destinate a sostenere le iniziative e le opere promosse dalla Chiesa in questo campo, secondo le necessità dell'orbe cattolico»

La preparazione

Per far sì che le Conferenze Episcopali e gli Uffici diocesani abbiano il tempo per preparare il materiale necessario alle celebrazioni nazionali e locali, l’annuncio del tema avviene il 29 settembre, festa degli Arcangeli Michele, Raffaele e Gabriele, designati come patroni di quanti lavorano nella radio.

È poi ormai tradizione che il Santo Padre renda pubblico il suo Messaggio per la Giornata Mondiale nella giornata dedicata alla memoria di San Francesco di Sales, patrono dei giornalisti, il 24 gennaio.

I temi e i messaggi dei vari anni

Paolo VI

Giovanni Paolo II

  • 1979: Le comunicazioni sociali per la tutela e lo sviluppo dell'infanzia nella famiglia e nella società.
  • 1980: Ruolo delle comunicazioni sociali e compiti della famiglia.
  • 1981: Le comunicazioni sociali al servizio della responsabile libertà dell'uomo.
  • 1982: Le comunicazioni sociali e i problemi degli anziani.
  • 1983: Comunicazioni sociali e promozione della pace.
  • 1984: Le comunicazioni sociali, strumento di incontro tra fede e cultura.
  • 1985: Le comunicazioni sociali per la promozione cristiana della gioventù.
  • 1986: Comunicazioni sociali e formazione cristiana dell'opinione pubblica.
  • 1987: Comunicazioni sociali e promozione della giustizia e della pace.
  • 1988: Comunicazioni sociali e promozione della solidarietà e della fraternità fra gli uomini e i popoli.
  • 1989: La religione nei mass media.
  • 1990: Il messaggio cristiano nell'attuale cultura informatica.
  • 1991: I mezzi di comunicazione per l'unità e il progresso della famiglia umana.
  • 1992: La proclamazione del messaggio di Cristo nei mezzi di comunicazione.
  • 1993: Videocassette e audiocassette nella formazione della cultura e della coscienza.
  • 1994: Televisione e famiglia: criteri per sane abitudini nel vedere.
  • 1995: Cinema, veicolo di cultura e proposta di valori.
  • 1996: I media: moderno aeropago per la promozione della donna nella società
  • 1997: Comunicare Gesù: via, verità e vita.
  • 1998: Sorretti dallo Spirito, comunicare la speranza.
  • 1999: Mass media: presenza amica accanto a chi è alla ricerca del Padre.
  • 2000: Annunciare Cristo nei mezzi di comunicazione sociale all'alba del Nuovo Millennio.
  • 2001: Predicatelo dai tetti: il Vangelo nell'Era della Comunicazione Globale.
  • 2002: Internet: un nuovo Forum per proclamare il Vangelo.
  • 2003: I mezzi delle Comunicazioni Sociali a servizio dell'autentica pace nella luce della "Pacem in terris".
  • 2004: I media in famiglia: un rischio e una ricchezza.
  • 2005: I mezzi di comunicazione al servizio della comprensione tra i popoli.

Benedetto XVI

Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.