San Giuseppe Maria Tomasi

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
(Reindirizzamento da Giuseppe Maria Tomasi)
San Giuseppe Maria Tomasi, C.R.
Stemma cardinale.png
Cardinale
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
Santo

Giuseppe maria tomasi.jpg

{{{didascalia}}}
'
Titolo cardinalizio
Età alla morte 63 anni
Nascita Licata
12 settembre 1649
Morte Roma
1º gennaio 1713
Sepoltura
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione 1666
Professione religiosa [[]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale
Ordinazione presbiterale Roma, 1673
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile
Consacrazione vescovile [[ ]]
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo
Elevazione a Patriarca
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
Creazione
a Cardinale
18 maggio 1712 (vedi)
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi

Iter verso la canonizzazione

Venerato da Chiesa cattolica
Venerabile il [[]]
Beatificazione 29 settembre 1803, da Pio VIII
Canonizzazione 12 ottobre 1986, da Giovanni Paolo II
Ricorrenza 1º gennaio
Altre ricorrenze
Santuario principale
Attributi
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di liturgisti, cerimonieri e studiosi di liturgia
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su gcatholic.org
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org
(EN) Scheda su Salvador Miranda
Scheda su santiebeati.it
Tutti-i-santi.jpgNel Martirologio Romano, 1º gennaio, n. 15:
« A Roma, san Giuseppe Maria Tomasi, sacerdote dell'Ordine dei Chierici regolari, detti Teatini, e cardinale: nell'ardente desiderio di rinnovare il culto divino, passò quasi tutta la sua vita a ricercare e pubblicare antichi testi e documenti della sacra Liturgia e si adoperò nel catechizzare i fanciulli. »
(Santo di venerazione particolare o locale)

San Giuseppe Maria Tomasi (Licata, 12 settembre 1649; † Roma, 1º gennaio 1713) è stato un cardinale teatino.

Biografia

Nacque a Licata, arcidiocesi di Agrigento, il 12 settembre 1649, figlio primogenito di Giulio Tomasi e di Rosalia Traina, principi di Lampedusa e Duchi di Palma di Montechiaro. Al battesimo ricevette il nome di Giuseppe. La sua vita nella nobile casa paterna fin dai primi anni fu orientata all'edu­cazione alla fede cristiana ed alla formazione umanistica con particolare cura. Per questo fu istruito nelle lingue classiche e moderne, soprattutto nello spa­gnolo, perché già destinato dalla famiglia alla corte di Madrid, dovendo ereditare da suo padre, per i titoli nobiliari, la qualifica di Grande de Españia.

Presto si manifestò in lui la chiamata ad una vita di perfezione. In famiglia altri si erano consacrati a Cristo: lo zio Carlo, sacerdote teatino, era il più noto. Tra i familiari la madre e le quattro sorelle professarono la vita religiosa nel monastero benedettino di Palma di Monte Chiaro. La sorella Domenica gli preconizzò che anche lui, Giuseppe Maria, sarebbe diventato teatino. Il 25 marzo 1666 cedette i suoi diritti patrimoniali e feudali a suo fratello, don Ferdinando.[1]

Formazione

Studiò presso don Francesco Maria Maggio argomenti sacri e lingue orientali. I suoi studi furono condotti a Messina, Ferrara, Modena e Roma; dopo gli studi diventò diacono, nel 1671. L'anno dopo era tornato nel feudo di Palma di Montechiaro, a causa della morte del fratello; nello stesso anno andò a Palermo per terminare i suoi studi inerenti alla teologia e nell'anno successivo diventò sacerdote nella Casa Generalizia dell'Ordine a San Silvestro di Monte Cavallo, a Roma. Non ricoprì nessuna carica nell'Ordine, perché da lui rifiutate: preferì piuttosto dedicarsi agli atti di pietà, agli studi liturgici e i testi sacri. Imparò l'ebraico dal dotto Mosè da Cavè. In seguito venne ammesso al circolo degli eruditi e alla biblioteca della regina Cristina Alessandra di Svezia.[1]

Opere

Nel corso della sua vita pubblicò diverse opere riguardanti la liturgia e la scienza sacra, senza però trascurare i suoi doveri religiosi.

Nel 1690 pubblicò "Le Costituzioni", riguardanti le monache benedettine del monastero della Vergine Maria del Rosario di Palma.

Nomina a Cardinale

In seguito, nel concistoro del 18 maggio 1712 venne nominato cardinale da Papa Clemente XI. Non poté però ricoprire a lungo questa carica, perché morì il 1º gennaio 1713. La sua sepoltura avvenne nella Chiesa di San Martino ai Monti del suo titolo di cardinale; nel 1971 il suo corpo fu traslato nella basilica dei teatini di Sant'Andrea della Valle, sotto un altare laterale.[2]


Predecessore: Cardinale Presbitero dei Santi Silvestro e Martino ai Monti Successore: Stemma cardinale.png
Marcello d'Aste 1712-1713 Niccolò Caracciolo I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Marcello d'Aste {{{data}}} Niccolò Caracciolo
Note
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.