Marcello d'Aste

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Marcello d'Aste
M. d'Aste.jpg
Cardinale
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
ERRORE in "fase canonizz"
{{{note}}}

Marcello d'Aste.jpg

{{{didascalia}}}
'
Titolo cardinalizio
Incarichi attuali
Età alla morte 51 anni
Nascita Aversa
21 luglio 1657
Morte Bologna
11 giugno 1709
Sepoltura convento di San Domenico a Bologna
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale [[]]
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo 10 dicembre 1691 da Innocenzo XII
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile Santa Maria della Vittoria, Roma, 13 gennaio 1692 dal card. Galeazzo Marescotti
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo {{{elevato}}}
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
14 novembre 1699 da Innocenzo XII (vedi)
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Opposto a {{{Opposto a}}}
Sostenuto da {{{Sostenuto da}}}
Scomunicato da
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Nome completo {{{nome completo}}}
Trattamento {{{trattamento}}}
Onorificenze
Nome templare {{{nome templare}}}
Nomi postumi
Altri titoli
Casa reale {{{casa reale}}}
Dinastia {{{dinastia}}}
Padre {{{padre}}}
Madre {{{madre}}}
Coniuge

{{{coniuge 1}}}

Consorte

Consorte di

Figli
Religione {{{religione}}}
Firma [[File:{{{firma}}}|150x150px]]
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su gcatholic.org
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org
(EN) Scheda su Salvador Miranda

Marcello d'Aste (Aversa, 21 luglio 1657; † Bologna, 11 giugno 1709) è stato un arcivescovo, nunzio apostolico e cardinale italiano.

Cenni biografici

Nacque il 21 luglio 1657 ad Aversa, dove la famiglia si era rifugiata per sfuggire alla peste che imperversava a Roma. Era figlio di Maurizio, patrizio romano e barone di Acerno e fratello minore di Michele, che perse la vita combattendo contro i Turchi sotto le mura di Buda nel 1686.

Come figlio minore fu decisa per lui la carriera curiale. Nel 1667 entrò nel Collegio Clementino di Roma retto dai padri somaschi sino al 1675. Presi gli ordini minori seguì i corsi giuridici alla Sapienza, addottorandosi in utroque iure. Innocenzo XI gli conferì nel 1682 le cariche di giudice della Fabbrica di San Pietro e di presidente della congregazione di Sant'Ivo, l'ufficio di referendario delle Due Segnature e un canonicato nella Basilica di San Lorenzo in Damaso.

Sotto Alessandro VIII fu uditore di Camera, ricevendo il canonicato nella basilica di San Pietro in sostituzione di quello in San Lorenzo in Damaso. Fu consultore del Sant'Uffizio.

In vista della sua nomina a nunzio il 10 dicembre 1691 fu nominato arcivescovo titolare di Atene. Fu consacrato vescovo il 13 gennaio seguente nella chiesa romana di santa Maria della Vittoria dal cardinale Galeazzo Marescotti, coadiuvato dal mons. Giuseppe Bologna (Ch), arcivescovo di Capua e da mons. Stefano Giuseppe Menatti (Ch), vescovo titolare di Cirene. Gli fu quindi assegnata la nunziatura presso i cantoni cattolici svizzeri a Lucerna, prendendone possesso nel marzo seguente.

In Svizzera l'Aste rimase sino al maggio 1695, sostenendo dure lotte con i riformati. Si oppose con successo sia alla Dieta grigionese, che voleva espellere i cappuccini dalle Tre Leghe, sia al prevosto del capitolo cattedrale e vicario generale Rudolf von Salis, contrario alla nomina di Ulrich von Federspiel ([1])[1] a vescovo di Coira. Mons. d'Aste sostenne il vescovo di Costanza, Marquard Rudolf von Rodt (Ch),[2] riuscì a impedire che i prebendari ecclesiastici fossero soggetti a conferma annua da parte della Landsgemeinde, come invece pretendeva Uri. Nei negoziati per l'imposta sul clero per finanziare la Guardia Svizzera Pontificia postulata già al suo predecessore mons. Bartolomeo Menatti da Lucerna nel 1691, si mostrò incline al compromesso.

Rientrato in patria il 3 settembre 1695 papa Innocenzo XII lo volle segretario della Congregazione per i Vescovi e i Regolari e il 30 giugno di due anni dopo gli affidò la legazione di Urbino in sostituzione del cardinale Lorenzo Altieri. Nel concistoro del 14 novembre 1699 fu creato cardinale col titolo di san Silvestro e san Martino ai Monti e il 3 febbraio seguente trasferito al vescovato di Ancona.

Nel conclave del 1700 che vide l'elezione a pontefice del cardinale Giovanni Francesco Albani (Clemente XI) d'Aste si schierò col gruppo dei cardinali detti "zelanti", che si proponevano di mantenersi equidistanti dalle pressioni delle potenze europee e di scegliere il nuovo pontefice secondo il preminente interesse della Chiesa.

Era membro della neo fondata Accademia dell'Arcadia con lo pseudonimo di Candido Petrofacio.[3]

Lasciò Ancona per motivi di salute al principio del 1709 e fu ospitato nel convento di San Domenico a Bologna, dove morì l'11 giugno dello stesso anno e fu sepolto nella chiesa di quel cenobio.

Genealogia episcopale

Successione degli incarichi

Predecessore: Arcivescovo titolare di Atene Successore: ArcbishopCoA PioM.svg
Giacomo Altoviti 10 dicembre 1691 - 14 novembre 1699 Filippo Antonio Gualterio I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Giacomo Altoviti {{{data}}} Filippo Antonio Gualterio
Predecessore: Nunzio apostolico in Svizzera Successore: Emblem Holy See.svg
Bartolomeo Menatti 18 gennaio 1692 - 3 settembre 1695 Michelangelo dei Conti I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Bartolomeo Menatti {{{data}}} Michelangelo dei Conti
Predecessore: Segretario della Congregazione per i Vescovi e i Regolari Successore: Emblem Holy See.svg
Niccolò Radulovich 3 settembre 1695 - 14 novembre 1699 Nicola Grimaldi (1645-1717) I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Niccolò Radulovich {{{data}}} Nicola Grimaldi (1645-1717)
Predecessore: Vescovo di Ancona e Numana
(titolo personale di arcivescovo)
Successore: BishopCoA PioM.svg
Giannicolò Conti 3 febbraio 1700 - 11 giugno 1709 Giovanni Battista Bussi I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Giannicolò Conti {{{data}}} Giovanni Battista Bussi
Predecessore: Cardinale presbitero dei Santi Silvestro e Martino ai Monti Successore: CardinalCoA PioM.svg
Opizio Pallavicini 30 marzo 1700 - 11 giugno 1709 Giuseppe Maria Tomasi I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Opizio Pallavicini {{{data}}} Giuseppe Maria Tomasi
Note
  1. Pierre Surchat, Dizionario storico della Svizzera, Federspiel, Ulrich von.
  2. Herbert Frey, Dizionario storico della Svizzera, Rodt, Marquard Rudolf von.
  3. Notizie istoriche degli Arcadi morti. Tomo primo, pp. 252 ss. online.
Bibliografia
  • Gaspare De Caro, Dizionario Biografico degli Italiani, Vol. 4 (1962), online
  • Urban Fink, Dizionario storico della Svizzera, voce "Aste, Marcello d'"

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.