Litterae Encyclicae

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Litterae Encyclicae
Lettera apostolica di Giovanni Paolo II
John paul 2 coa.svg
Data 22 maggio 1988
(X di pontificato)
Traduzione del titolo Lettera enciclica
Argomenti trattati A tutte le persone consacrate delle comunità religiose e degli istituti secolari in occasione dell'anno mariano
Lettera apostolica precedente Constat intra
Lettera apostolica successiva Filiali quidem

(IT) Testo integrale sul sito della Santa Sede.

Tutti i documenti di Giovanni Paolo II
Tutte le Lettere apostoliche

Virgolette aperte.png
La vostra vita è nascosta con Cristo in Dio. (Col 3,3).
Virgolette chiuse.png
(Giovanni Paolo II, incipit del documento)

Litterae Encyclicae ("Lettera Enciclica") è il titolo latino di una Lettera Apostolica di Papa Giovanni Paolo II, pubblicata il 22 maggio 1988 in occasione dell'Anno Mariano, e indirizzata a tutte le persone consacrate delle comunità religiose e degli istituti secolari.

Il documento è così strutturato:

  • I. Introduzione
« L'enciclica Redemptoris Mater spiega il significato dell'anno mariano, che stiamo vivendo insieme con tutta la Chiesa, dalla scorsa Pentecoste alla prossima solennità dell'Assunzione. In tale periodo noi cerchiamo di seguire l'insegnamento del Concilio Vaticano II, il quale nella costituzione dogmatica sulla Chiesa ha indicato la Madre di Dio come colei che "precede" tutto il Popolo di Dio nel pellegrinaggio della fede, della carità e della perfetta unione con Cristo»
« Durante la visitazione Elisabetta, la parente di Maria, la chiamò beata a motivo della sua fede: "E beata colei che ha creduto nell'adempimento delle parole del Signore" (Lc 1,45). »
  • III. Meditiamo insieme con Maria il mistero della nostra consacrazione
« L'Apostolo scrive: "Voi infatti siete morti, e la vostra vita è ormai nascosta con Cristo in Dio" (Col 3,3). Passiamo dall'annunciazione al mistero pasquale. L'espressione paolina "siete morti" racchiude lo stesso contenuto che l'Apostolo esprime nella lettera ai Romani, quando scrive sul significato del sacramento che ci inserisce nella vita di Cristo: "Non sapete che quanti siamo stati battezzati in Cristo Gesù, siamo stati battezzati nella sua morte?" (Rm 6,3). »
  • IV. Meditiamo insieme con Maria il vostro specifico apostolato
« Gli avvenimenti pasquali ci proiettano verso la Pentecoste, verso il giorno in cui "verrà lo Spirito di verità", per guidare "alla verità tutta intera" (cfr. Gv 16,13) gli apostoli e tutta la Chiesa, costruita su di loro come su fondamento (cfr. Lumen Gentium, 19), nella storia dell'umanità. »
  • V. Conclusione
« Nell'anno mariano tutti i cristiani sono chiamati a meditare, secondo il pensiero della Chiesa, la presenza della Vergine e madre di Dio nel mistero di Cristo e della Chiesa (cfr. Lumen Gentium, 52-69). »
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.