Maria Francesca Giannetto

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Serva di Dio Maria Francesca Giannetto, F.M.I.
Religiosa
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo Carmela Giannetto
Serva di Dio
{{{note}}}

Suor Maria Francesca Giannetto.jpg

{{{didascalia}}}
{{{motto}}}
Titolo
Incarichi attuali
Età alla morte 27 anni
Nascita Camaro Superiore
30 aprile 1902
Morte Camaro Superiore
16 febbraio 1930
Sepoltura
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione 7 ottobre 1922
Professione religiosa Roma, 25 marzo 1925
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale [[{{{aO}}}]]
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile [[ {{{aC}}} ]]
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo {{{elevato}}}
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Opposto a {{{Opposto a}}}
Sostenuto da {{{Sostenuto da}}}
Scomunicato da
Riammesso da da
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerata da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrona di {{{patrono di}}}
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Nome completo {{{nome completo}}}
Trattamento {{{trattamento}}}
Onorificenze
Nome templare {{{nome templare}}}
Nomi postumi
Altri titoli
Casa reale {{{casa reale}}}
Dinastia {{{dinastia}}}
Padre {{{padre}}}
Madre {{{madre}}}
Coniuge

{{{coniuge 1}}}

Consorte

Consorte di

Figli
Religione {{{religione}}}
Firma [[File:{{{firma}}}|150x150px]]
Collegamenti esterni

Serva di Dio Maria Francesca Giannetto, al secolo Carmela Giannetto (Camaro Superiore, 30 aprile 1902; † Camaro Superiore, 16 febbraio 1930) è stata una religiosa italiana, delle Figlie di Maria Immacolata dette popolarmente Immacolatine.

La vita

Carmela Giannetto, nacque il 30 aprile 1902 a Camaro Superiore (ME), quarta di sei figli, da Vincenzo Giannetto e Maria Fleri. La famiglia era molto religiosa. La sua fanciullezza fu però segnata da due disgrazie: la morte della sorella Nunziata ad appena sedici anni dopo una breve malattia (1915) e quella del padre due anni dopo (1917). A poco a poco cominciò a farsi strada in lei la vocazione religiosa, come risulta dai suoi scritti giovanili.

Vita religiosa

Nel 1921 espresse alla madre la volontà di intraprendere la vita religiosa e ne fu sconsigliata. Il suo confessore le consigliò di recarsi all'istituto delle Figlie di Maria Immacolata (FMI) di Messina, cosa che fece il 14 gennaio 1922 ottenendo un colloquio con la fondatrice Brigida Postorino. Il giorno dopo, di domenica, mentre la madre e i fratelli erano a messa si trasferì all'istituto lasciando ai familiari una lettera di addio.

Dopo venti giorni di aspirantato fu ufficialmente accettata come postulante. A causa della sua salute malferma, la madre ne richiese il ritorno a casa, ma la giovane volle rimanere presso l'istituto. Il 19 marzo fu trasferita alla sede dell'istituto di Reggio Calabria per svolgervi il noviziato e qui il 7 ottobre rivestì l'abito religioso, prendendo il nome di suor Maria Francesca. Per un breve periodo fu rimandata a casa per riflettere sulla sua vocazione, ma successivamente rientrò nella comunità e riprese l'abito religioso.

Nel 1925 si spostò a Roma dove per l'anno santo giubilare Brigida Postorino aveva deciso di aprire una casa di accoglienza del pellegrino in viale Mazzini. Qui suor Maria Francesca professò i voti religiosi il 25 marzo. Nel 1929 fu mandata alla sede dell'istituto di Menfi in Sicilia a lavorare accanto alle giovani. A causa del peggioramento delle sue condizioni di salute, tornò per un breve riposo a Camaro, in famiglia, alla fine dell'anno e, dopo un ulteriore peggioramento, vi si ritirò nuovamente alla fine di gennaio 1930, ammalata di tisi.

Conclusione di un'esistenza

Ormai era consapevole dell'avvicinarsi della morte, chiese di essere sepolta con il libro delle costituzioni dell'istituto religioso tra le mani, la corona del rosario, una palma e un giglio. Il trapasso avvenne il 16 febbraio 1930 alle ore 5:45. Le sue ultime parole furono:

« Amate Gesù: gli amori della terra, non ordinati a Lui, sono vani. Vivete nella volontà di Dio, specialmente nelle cose avverse. Amate il sacrificio: la via del sacrificio è la via del cielo. »

I suoi biografi raccontano che sul suo letto di morte, dopo il trapasso, una misteriosa signora avrebbe portato un giglio, nonostante che questi mancassero nel periodo invernale.

Nel gennaio 1931, 11 mesi dopo la morte, in una ricognizione canonica della salma, il corpo fu trovato incorrotto e il giglio e la palma ancora freschi.

Il 15 gennaio 1989 la salma fu spostata nell'Istituto di Messina e il seguente 13 maggio fu aperto il processo per la causa di beatificazione, la cui prima fase diocesana si concluse il 24 ottobre 1991 nella cattedrale di Messina[1]. Nel 2004 è stata presentata al protocollo della "Congregazione delle cause dei santi" la positio sulla vita della suora.

Note
  1. Il documento ha il protocollo nº 1671. Dettagli sul processo di beatificazione sono presenti sul [http://newsaints.faithweb.com/year/1930.htm sito del "Circolo agiografico"
Bibliografia
  • Gaetano D'Angelo. Ogni sofferenza con Lui e per Lui. Tip. Don Guanella, Roma, 1994
  • Cristoforo M. Bove, Un' aquila sullo stretto di Messina, i sentieri dolorosi di una giovane mistica suor Maria Francesca Giannetto delle figlie di Maria Immacolata, 1902-1930, Roma, 2004;
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.