Maria Teresa d'Austria

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Maria Teresa d'Austria
Coat of Arms of Francis I, Holy Roman Emperor.svg.png
Laica
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo Maria Teresa Walburga Amalia Christina d'Asburgo
ERRORE in "fase canonizz"
{{{note}}}

[[File:Maria Teresa d'Austria (1717-1780), atelier d'Anton von Maron.jpg|250px]]

Anton von Maron, Maria Teresa d'Austria mostra le corone d'Ungheria, Austria e Boemia (1772 ca.), olio su tela; Versailles (Francia), Reggia
{{{motto}}}
Titolo
{{{titolo}}}
Età alla morte 63 anni
Nascita Vienna
13 maggio 1717
Morte Vienna
29 novembre 1780
Sepoltura Vienna, Chiesa di Santa Maria degli Angeli, Cripta imperiale
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale [[{{{aO}}}]]
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile [[ {{{aC}}} ]]
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo {{{elevato}}}
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerata da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrona di {{{patrono di}}}
Collegamenti esterni

Maria Teresa d'Austria, al secolo Maria Teresa Walburga Amalia Christina d'Asburgo (Vienna, 13 maggio 1717; † Vienna, 29 novembre 1780) è stata una regina e imperatrice austriaca, fu una delle figure di maggior rilievo nella storia della monarchia asburgica. Protagonista, nella seconda metà del XVIII secolo, della ripresa e del successo internazionale della dinastia degli Asburgo-Lorena, promosse una politica di grandi riforme da cui derivò un solido sistema amministrativo grazie al quale riuscì a governare efficacemente territori molto vasti.

Biografia

Nacque nella corte viennese nella mattina del 13 maggio 1717, secondogenita e figlia maggiore superstite dell'imperatore Carlo VI d'Asburgo e della moglie Elisabetta Cristina di Brunswick-Wolfenbüttel. Fu battezzata la sera stessa ed ebbe come madrine la zia Guglielmina Amalia di Brunswick-Lüneburg e la nonna Eleonora Maddalena del Palatinato-Neuburg.

Divenne erede al trono in virtù della "Prammatica Sanzione"[1] che suo padre emanò nel 1713. Il 12 febbraio 1736 sposò il duca Francesco Stefano di Lorena insieme al quale si stabilì nel gennaio 1739 a Firenze, dove rimase solo pochi mesi, fino alla morte del padre avvenuta inaspettatamente nel 1740.

Fu da subito impegnata a fronteggiare l'ostilità di diversi sovrani europei che, convinti della sua incapacità a governare territori così estesi, pensarono di contestare i titoli con cui aveva ottenuto l'eredità paterna. A poco più di un mese dalla sua ascesa sul trono, Federico II di Prussia invase improvvisamente la Slesia con l'evidente intento di annettere quel ducato al dominio degli Hohenzollern. A causa di questa aggressione e delle mire espansionistiche di Francia, Spagna e Baviera, la casa d'Austria fu costretta a respingere, alleata con l'Inghilterra, queste aggressioni nella cosiddetta guerra di successione austriaca.

La pace firmata ad Aquisgrana nel 1748 riconobbe a Maria Teresa tutti i domini dinastici, con l'esclusione della Slesia passata ai Prussiani e il titolo imperiale che Maria Teresa condivise col marito incoronato imperatore come Francesco I.

Devotissima cattolica, non accettò mai il principio della tolleranza religiosa entro i confini dell'impero, procedendo a ripetute deportazioni dei sudditi protestanti in Ungheria e in Transilvania, dove il loro culto era regolato da precise disposizioni emanate dal padre. Emise anche un decreto di espulsione degli ebrei nel 1744, poi abrogato.

L'alleanza con l'Inghilterra e le potenze marittime fu abbandonata nel 1756. Si pose termine al secolare contrasto tra i Borboni e gli Asburgo. La guerra settennale che ne seguì, alla quale partecipò, a fianco di Maria Teresa, anche la zarina Elisabetta, non portò al risultato sperato: la Slesia rimase a Federico II con la pace di Hubertusburg siglata il 15 febbraio 1763. Ciò non infranse lo spirito d'iniziativa dell'imperatrice: promosse nuove riforme d'accordo con il figlio Giuseppe II d'Asburgo-Lorena, eletto nel 1764 re romano-germanico.

Dopo la morte del marito Maria Teresa associò al trono il figlio Giuseppe II, la cui autorità si affermò rapidamente su quella della madre, soprattutto in politica estera: fu lui infatti l'artefice del riavvicinamento alla Prussia, cui seguì la partecipazione alla spartizione della Polonia, assieme a Federico II e alla zarina di Russia Caterina II.

Nella sua azione politica mise in gioco anche i legami matrimoniali contratti dai suoi figli, che estesero la sua influenza in Italia: Maria Amalia divenne duchessa di Parma sposando Ferdinando, figlio di don Filippo; Maria Carolina fu regina di Napoli in seguito alle sue nozze con Ferdinando IV; Ferdinando sposò Maria Beatrice Vittoria d'Este, erede del ducato di Modena e cercò di garantire amichevoli relazioni con la Francia e la Spagna: Maria Antonietta sposò il delfino, poi Luigi XVI; Leopoldo, prima granduca e poi imperatore, sposò Maria Luisa, figlia di Carlo III re di Spagna. Maria Teresa, specie negli ultimi anni, si dedicò all'attuazione di quello stato di benessere che era uno degli ideali dell'epoca. Fra le iniziative da lei patrocinate sono gli studi per una nuova legislazione Codex Theresianus; Constitutio criminalis Theresiana e l'istituzione di scuole popolari.

Il 24 novembre 1780 le condizioni di Maria Teresa divennero critiche e quattro giorni dopo chiese l'estrema unzione. Si spense alle nove di sera del 29 novembre, circondata dai suoi cari. Per sua volontà fu sepolta nella Cripta imperiale, sotto la Chiesa di Santa Maria degli Angeli a Vienna.

Successione degli incarichi

Predecessore: Arciduchessa d'Austria Successore: Gules a fess argent.svg
Carlo VI 1740 - 1780 Giuseppe II I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Carlo VI {{{data}}} Giuseppe II
Predecessore: Regina d'Ungheria Successore: Hungary Arms.svg
Carlo III 1740 - 1780 Giuseppe II I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Carlo III {{{data}}} Giuseppe II
Predecessore: Regina di Boemia Successore: Bohemia Arms.svg
Carlo II 1740 - 1741 Carlo Alberto di Baviera
(contestato; mai incoronato)
I

Carlo Alberto di Baviera
(contestato; mai incoronato)
1743 - 1780 Giuseppe II II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Carlo II {{{data}}} Carlo Alberto di Baviera
(contestato; mai incoronato)
Predecessore: Regno di Galizia e Lodomiria Successore: Wappen Königreich Galizien & Lodomerien.png
Prima partizione della Polonia 1773 - 1780 Giuseppe II I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Prima partizione della Polonia {{{data}}} Giuseppe II
Predecessore: Duchessa di Borgogna Successore: Blason fr Bourgogne.svg
Carlo VI 1740 - 1780 Giuseppe II I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Carlo VI {{{data}}} Giuseppe II
Predecessore: Duchessa di Milano Successore: Flag of Milan.svg
Carlo VI 1740 - 1780 Giuseppe II I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Carlo VI {{{data}}} Giuseppe II
Predecessore: Duchessa di Mantova Successore: Coat of arms of the House of Gonzaga (1433).svg
Carlo VI 1740 - 1745 Annesso al Ducato di Milano I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Carlo VI {{{data}}} Annesso al Ducato di Milano
Predecessore: Duchessa di Parma e Piacenza Successore: Blason famille it Farnese01.svg
Carlo VI 1740 - 1748
(come dipendenza del Ducato di Milano)
Filippo I di Parma I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Carlo VI {{{data}}} Filippo I di Parma
Predecessore: Imperatrice consorte del Sacro Romano Impero Successore: Coat of Arms of Francis I, Holy Roman Emperor.svg.png
Maria Amalia d'Austria 1745 - 1765
come moglie di Francesco I
Maria Giuseppa di Baviera I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Maria Amalia d'Austria {{{data}}} Maria Giuseppa di Baviera
Predecessore: Granduchessa di Toscana Successore: Armoiries François Ier de Lorraine.svg
Anna Maria Francesca di Sassonia-Lauenburg 1737 - 1765
come moglie di Francesco III
Maria Ludovica di Borbone-Spagna I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Anna Maria Francesca di Sassonia-Lauenburg {{{data}}} Maria Ludovica di Borbone-Spagna
Predecessore: Duchessa consorte di Lorena e di Bar Successore: Lorraine Arms 1538.svg
Elisabetta Carlotta di Borbone-Orléans 1736 - 1737
come moglie di Francesco III
Caterina Opalińska I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Elisabetta Carlotta di Borbone-Orléans {{{data}}} Caterina Opalińska
Note
  1. Nel regno di Francia e nel Sacro Romano Impero, editto sovrano che regolava una materia fondamentale per l'organizzazione dello Stato.
Bibliografia

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.