Martiri di Tibhirine

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Alcuni monaci del Monastero di Notre Dame dell'Atlas a Tibhirine (Algeria)

I Martiri di Tibhirine sono sette monaci trappisti francesi sequestrati dal Monastero di Notre Dame dell'Atlas in Algeria nella notte tra il 26 e il 27 marzo 1996 dai Gruppi Islamici Armati (GIA), ed uccisi il 21 maggio seguente.

La cronaca

Nella notte del sequestro un commando armato formato da una ventina di uomini fece irruzione nel monastero e sequestrò i sette trappisti, tutti di nazionalità francese.

Un mese dopo, l'atto criminale venne rivendicato dal capo dei Gruppi islamici armati (GIA), Djamel Zitouni. Nel comunicato proponeva alla Francia uno scambio di prigionieri.

Il mese successivo un secondo comunicato dei GIA annunciava la morte dei sette:

« Abbiamo tagliato la gola ai monaci»

Era il 21 maggio. Nove giorni dopo vennero ritrovate presso il monastero le teste decapitate, senza i corpi, dei sette monaci.

Un generale francese in pensione, François Buchwalter, addetto militare in Algeria all'epoca della strage, raccontò ai giudici un'altra versione. Secondo la sua testimonianza i monaci furono falciati dai colpi di mitragliatore sparati da un elicottero dell'esercito algerino; dall'alto erano stati scambiati per jihadisti. Resisi conto dell'errore, i militari allestirono una macabra messa in scena, decapitarono i religiosi e fecero sparire i loro corpi, crivellati di proiettili in dotazione dell'esercito. Quindi attribuirono la responsabilità del massacro al GIA. Nella sua sofferta deposizione il generale Buchwalter confessava di disubbidire all'ordine del silenzio che i suoi superiori gli avevano imposto. I responsabili del massacro sono rimasti anonimi.

I monaci

Christian de Chergé

Il testamento di fr. Christian
« Il mio corpo è per la terra, ma, per favore, nessuna barriera tra lei e me.

Il mio cuore è per la vita, ma, per favore, nessuna leziosità tra lei e me.

Le mie braccia per il lavoro, saranno incrociate molto semplicemente.

Per il mio volto: rimanga nudo per non impedire il bacio, e lo sguardo, lasciatelo vedere.

P.S.: Grazie»

Figlio di un generale, conobbe l'Algeria durante tre anni della sua infanzia, e poi nei ventisette mesi di servizio militare, in piena guerra d'indipendenza algerina.

Dopo gli studi al seminario dei carmelitani di Parigi divenne cappellano della Chiesa del Sacré Coeur di Montmartre a Parigi. Presto però entrò nel monastero di Aiguebelle, e divenne monaco nel 1969, per raggiungere Tibhirine nel 1971.

Priore della comunità, aveva 59 anni al momento della morte.

Dotato di una personalità forte, rappresentava la guida umana e spirituale del gruppo. Fu lui a far passare il monastero a priorato, per orientarlo verso una presenza di "oranti in mezzo ad altri oranti". Aveva una conoscenza profonda dell'Islam.

Luc Dochier

Nato nel Drome, fu medico durante la guerra; questa esperienza lo portò ad avere una particolare sensibilità per la sofferenza. Arrivò a prendere il posto di un padre di una famiglia numerosa in partenza per un campo di prigionia in Germania.

Divenne monaco nel 1941, e si trasferì in Algeria nel 1947. Per tutti era "il dottore" e, per usare una sua espressione, si sentiva "un vecchio consumato ma non disilluso".

Nei cinquant'anni che trascorse a Tibhirine curò tutti, gratuitamente, senza distinzioni. Nel luglio 1959 era già stato rapito dai membri del Fronte di Liberazione Nazionale. Le crisi d'asma non avevano intaccato il suo humour salace.

Al momento della morte era il più anziano della comunità, avendo 82 anni.

Christophe Lebreton

Settimo di dodici figli, aveva prestato servizio civile a titolo di cooperazione in Algeria. La radicalità di vita dei monaci lo affascinava, e a 24 anni entrò nel monastero di Tamié, divenendo monaco nel 1974.

In Algeria stava dal 1987, venne ordinato prete nel 1990, e fu nominato maestro dei novizi della comunità.

Personalità calda ed esplosiva, sapeva privilegiare i rapporti con i più umili e la caparbia volontà di spingersi sempre più lontano nella riflessione sulla fede e nel dono di sé.

All'epoca del martirio aveva 45 anni.

Bruno Lemarchand

Figlio di militare, nell'infanzia conobbe l'Indocina e l'Algeria. Fu per quattordici anni direttore del collegio Saint-Charles di Thonars di Deux-Sèvres.

Uomo posato e riflessivo, divenne monaco nel 1981, e soggiornò in Marocco dal 1990, come animatore della fraternità che la comunità aveva aperto a Fez.

Il 26 marzo 1996 si trovava a Tibhirine per caso, come Michel e Célestin, proveniente dall'abbazia di Bellefontaine per partecipare alle votazioni per il rinnovo della carica di priore.

Morì a 66 anni.

Michel Fleury

Nato da una famiglia contadina della Loire-Atlantique, era entrato nella congregazione del Prado a 27 anni, e aveva lavorato come fresatore a Lione e a Marsiglia, prima di entrare nell'abbazia di Bellefontaine; divenne monaco nel 1981. A Bellefontaine sentì la chiamata dell'Algeria, dove si trasferì nel 1985.

Uomo semplice e schivo, impregnato di povertà, a Tibhirine fu cuoco della comunità e uomo dei lavori domestici. Era sua la cocolla che venne ritrovata sulla strada di Medea dopo il rapimento.

Morì a 52 anni.

Célestin Ringeard

Durante la guerra d'Algeria, dove svolgeva l'ufficio di infermiere, curò un partigiano ferito che l'esercito francese avrebbe voluto finire.

Svolse lavoro di educatore di strada a Nantes, in mezzo ad alcolizzati, prostitute e omosessuali.

Prete diocesano, scelse poi la Trappa, e divenne monaco nel 1983. Fu inviato in Algeria nel 1987.

Estremamente sensibile, dovette subire sei by-pass coronarici dopo la prima visita che i terroristi del GIA fecero al monastero nel Natale 1993.

Fu ucciso a 62 anni.

Paul Favre-Miville

Era stato idraulico, e aveva fatto il militare in Algeria come ufficiale paracadutista.

All'età di 45 anni sentì la vocazione alla vita contemplativa, divenendo monaco nel 1984.

Trasferito in Algeria nel 1989, a Tibhirine fu "l'uomo dell'acqua", occupandosi dell'impianto di irrigazione degli orti.

Nel marzo 1996 era appena rientrato da una visita alla sua famiglia, ed era ritornato con una discreta scorta di vanghe e con dei giovani faggi da piantare, perché "in lingua cabila Tibhirine significa giardino".

Fu ucciso a 57 anni.

Filmografia

La vicenda dei monaci martiri ha ispirato il film Des hommes et de Dieu (2010) del regista Xavier Beauvois con protagonisti Lambert Wilson e Michael Lonsdale. In Italia è uscito con il titolo Uomini di Dio.

Bibliografia
  • Giovanni Ferrò, I sette martiri di Tibhirine - Algeria, in "Famiglia Cristana", n. 26, 26 giugno 1996
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.