Museo Diocesano San Sebastiano di Cuneo

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Museo Diocesano San Sebastiano di Cuneo
Cuneo MuDi SaladelConsiglio.jpg
Sala del Consiglio
Categoria Musei diocesani
Stato bandiera Italia
Regione ecclesiastica Regione ecclesiastica Piemonte
Regione Stemma Piemonte
Provincia Cuneo
Comune Cuneo
Località o frazione {{{Località}}}
Diocesi Diocesi di Cuneo
Indirizzo Contrada Mondovì
12100 Cuneo (CN)
Telefono +39 0171 67725
Fax +39 0171 480612 (curia)
Posta elettronica info@museodiocesanocuneo.it
Sito web [1]
Proprietà Diocesi di Cuneo
Tipologia arte sacra, storico
Contenuti arredi, ceramica, dipinti, paramenti sacri, sculture, suppellettile liturgica, tessuti
Servizi accoglienza al pubblico, archivio storico, audioguide, biblioteca, bookshop, caffetteria, didattica, fototeca, guardaroba, mediateca, ristorante, sale per eventi e mostre temporanee, visite guidate
Sistema museale di appartenenza Rete Museale Diocesana di Cuneo
Sede Museo Oratorio dei Santi Giacomo e Sebastiano
Datazione sede
Sede Museo 2°
Datazione sede 2°
Fondatori mons. Giuseppe Cavallotto
Data di fondazione 29 settembre 2012
Note
{{{Note}}}
Coordinate geografiche
{{ {{{sigla paese}}} }} <span class="geo-dms" title="Mappe, foto aeree ed altre informazioni per Errore nell'espressione: operatore < inatteso.°Errore nell'espressione: operatore < inatteso.Errore nell'espressione: operatore < inatteso.Errore nell'espressione: carattere di punteggiatura "{" non riconosciuto. Errore nell'espressione: operatore < inatteso.°Errore nell'espressione: operatore < inatteso.Errore nell'espressione: operatore < inatteso.Errore nell'espressione: carattere di punteggiatura "{" non riconosciuto.">Errore nell'espressione: operatore < inatteso.°Errore nell'espressione: operatore < inatteso.Errore nell'espressione: operatore < inatteso.Errore nell'espressione: carattere di punteggiatura "{" non riconosciuto. Errore nell'espressione: operatore < inatteso.°Errore nell'espressione: operatore < inatteso.Errore nell'espressione: operatore < inatteso.Errore nell'espressione: carattere di punteggiatura "{" non riconosciuto. / {{{latitudine_d}}}, {{{longitudine_d}}}

Il Museo Diocesano San Sebastiano di Cuneo, allestito nell'Oratorio dei Santi Giacomo e Sebastiano, è stato inaugurato il 29 settembre 2012 dal vescovo Giuseppe Cavallotto, per conservare, valorizzare e promuovere la conoscenza del patrimonio storico-artistico, proveniente dalla Cattedrale di Santa Maria del Bosco e dal territorio diocesano.

Percorso espositivo e opere

L'itinerario espositivo si sviluppa in diciassette sale espositive, lungo il quale sono presentate opere e suppellettile liturgica, databili dal XVII al XX secolo.

Sale I - IV

Le quattro sale introducono il visitatore alla storia della Diocesi, fondata nel 1817, che ha rappresentato il punto d'arrivo di un percorso millenario di fede e devozione che hanno visto protagonisti Cuneo e le sue vallate.

Sala V - San Giacomo e il pellegrinaggio

Ambito piemontese, Stendardo processionale con Gesù Cristo crocifisso tra san Giacomo e san Sebastiano (fine XVIII secolo), olio su tela

Il percorso proposto passa attraverso le devozioni dell'antica Confraternita e racconta così una parte significativa di spiritualità e di storia. Si parte dall'antica intitolazione medievale a san Giacomo, alla ricchezza del pellegrinaggio come un vero esercizio, una pratica privilegiata di vita cristiana. Nel Medioevo e i percorsi da questi seguiti costituirono una vera fonte di ricchezza spirituale e culturale. Di rilievo sono esposti:

Sala VI - Cappella delle reliquie

La Chiesa riconosce nei martiri e nei santi, coloro che danno la vita per testimoniare il Vangelo e seguire l'insegnamento di Cristo; spesso la loro venerazione è passata attraverso il culto delle reliquie (letteralmente "frammenti"), per portare fin nelle più piccole comunità le "prove concrete" in "carne ed ossa" che molte persone già avevano vissuto come Gesù e quindi questo era possibile per tutti. Di particolare interesse:

Sala VI - San Sebastiano

Nel XVI secolo l'antica confraternita si fuse con quella di San Sebastiano, protettore contro la peste. Fu l'epoca in cui la città si fortificò e dove il pellegrino non era più il "Cristo da ospitare", ma uno straniero ostile, portatore di assedio e di malattie. Di rilievo:

Sala VI - Madonna del Carmine

La successiva Riforma cattolica coincise con l'arte barocca, espressa nel territorio con il culto della Madonna del Carmine, le processioni, i nuovi interrogativi sull'aldilà, una rinnovata interpretazione della Chiesa: questo clima spirituale e culturale durò per oltre due secoli. Infatti, nel XVII - XVIII secolo, troviamo uno straordinario sviluppo legato alle nuove forme di devozione che condussero così ad un'enorme produzione di oggetti per il culto. Di particolare interesse:

Sala XI - Ottocento

Ambito piemontese, San Bartolomeo (1650 ca.), olio su tela

Nel 1802 il governo francese, ordina la soppressione di confraternite, conventi, monasteri e certose: uno sconvolgimento epocale che porta alla spoliazione di beni ed opere d'arte, allo sfollamento dei religiosi ed alla scomparsa di istituzioni secolari. Alcune delle opere qui esposte confluirono presso il primo nucleo del Vescovado cuneese, mentre altre andarono disperse e mai più recuperate.

Sala XV - Apparati effimeri

L'arte barocca fu uno dei grandi mezzi di riforma del Cristianesimo, durato per oltre due secoli. Lo straordinario sviluppo legato alle nuove forme di devozione portarono così ad una produzione impressionante di oggetti per il culto. Si tratta degli apparati effimeri, ossia la suppellettile ecclesiastica o liturgica, cui è riconosciuto oggi il ruolo di "arti applicate".

Nella sezione sono conservati numerosi candelieri da altare, corone decorative, tessuti pregiati, statue ed altri oggetti espressamente realizzati in relazione a luoghi o momenti di culto, che trovavano visibilità anche solo per poche giornate all'anno in occasioni di feste e processioni.

Sala XVI - Diocesi

Nel XIX secolo questa mondo vacillò e si riplasmò, quando la bufera napoleonica segnò allo stesso tempo la fine ed il rinnovamento di tutta una società. Ancora una volta la Confraternita fu testimone attiva e capace di esprimersi guardando sia ai santi antichi (addirittura ripartendo dalle catacombe) sia a quelli contemporanei che indicavano nella società del tempo le nuove urgenze in cui servire il Cristo e raccolse opere degli ordini soppressi, così come le spinte "sociali" emergenti.

Il passaggio di Pio VII, il 12 agosto 1809, prigioniero dei soldati francesi, segnò profondamente questo territorio. Infatti, caduto Napoleone, il pontefice - memore dell'accoglienza ricevuta e grazie all'intercessione di nobili cuneesi - emanò la bolla che segnò l'istituzione della Diocesi di Cuneo (17 luglio 1817) ed il nuovo riassetto ecclesiale. Di particolare rilievo sono conservati:

Sala XVII - Del Consiglio

La sala fu utilizzata sia per le riunioni del Consiglio della Confraternita di San Sebastiano, sia come archivio: funzione, quest'ultima, che ha mantenuto sino a pochi anni fa.

Galleria fotografica

Bibliografia
  • Erminia Giacomini Miari, Paola Mariani, Musei religiosi in Italia, Touring Editore, Milano 2005, p. 185 ISBN 9788836536535
  • Michele Ruffino (a cura di), Percorsi museali in Piemonte e Valle d'Aosta, Torino 2011, pp. 20 - 21
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.