Museo Diocesano della Spezia

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Museo Diocesano della Spezia
MuDiLa Spezia sede.jpg
Oratorio di San Bernardino da Siena, sede del museo
Categoria Musei diocesani
Stato bandiera Italia
Regione ecclesiastica Regione ecclesiastica Liguria
Regione Stemma Liguria
Provincia La Spezia
Comune La Spezia
Località o frazione {{{Località}}}
Diocesi Diocesi della Spezia-Sarzana-Brugnato
Indirizzo Via del Prione, 156
19100 La Spezia (SP)
Telefono +39 0187 258570,
+39 0187 734424 (curia)
Fax +39 0187 257426
Posta elettronica museosp@diocesilaspezia.it
Sito web
Proprietà Diocesi della Spezia-Sarzana-Brugnato
Tipologia arte sacra
Contenuti arredi sacri, dipinti, metalli, grafica e disegni, lapidi, libri antichi a stampa, paramenti sacri, sculture, suppellettile liturgica, tessuti
Servizi accoglienza al pubblico, audioguide, biglietteria, bookshop, didattica, fototeca, sale per eventi e mostre temporanee, visite guidate
Sistema museale di appartenenza Sistema Museale Diocesano di La Spezia
Sede Museo Oratorio di San Bernardino da Siena
Datazione sede 1455
Sede Museo 2°
Datazione sede 2°
Fondatori
Data di fondazione 28 maggio 2005
Note
{{{Note}}}
Coordinate geografiche
<span class="geo-dms" title="Mappe, foto aeree ed altre informazioni per Errore nell'espressione: operatore < inatteso.°Errore nell'espressione: operatore < inatteso.Errore nell'espressione: operatore < inatteso.Errore nell'espressione: carattere di punteggiatura "{" non riconosciuto. Errore nell'espressione: operatore < inatteso.°Errore nell'espressione: operatore < inatteso.Errore nell'espressione: operatore < inatteso.Errore nell'espressione: carattere di punteggiatura "{" non riconosciuto.">Errore nell'espressione: operatore < inatteso.°Errore nell'espressione: operatore < inatteso.Errore nell'espressione: operatore < inatteso.Errore nell'espressione: carattere di punteggiatura "{" non riconosciuto. Errore nell'espressione: operatore < inatteso.°Errore nell'espressione: operatore < inatteso.Errore nell'espressione: operatore < inatteso.Errore nell'espressione: carattere di punteggiatura "{" non riconosciuto. / {{{latitudine_d}}}, {{{longitudine_d}}} {{{{{sigla paese}}}}}

Il Museo Diocesano della Spezia ha sede nell'Oratorio di San Bernardino da Siena, edificato nel 1455 dalla confraternita omonima, ed è stato inaugurato il 28 maggio 2005, con lo scopo di conservare, valorizzare e promuovere la conoscenza del patrimonio storico-artistico proveniente dalla Cattedrale di Cristo Re e dal territorio diocesano.

Il Museo, fa parte di un Sistema Museale Diocesano, che costituisce un percorso assai articolato sul territorio, che comprendente anche i seguenti musei:

Storia

Il Museo, inaugurato il 28 maggio 2005, è il punto di arrivo di un lungo percorso di progettazione ed allestimento, che ha visto come protagonisti diverse diverse personalità religiose e politiche spezzine.

La prima idea del Museo risale agli anni Ottanta quando il vescovo Siro Silvestri (1975 - 1989), incoraggia la nascita di un'istituzione specificatamente dedicata a promuovere l'arte e la cultura e al tempo stesso volta ad impedire la dispersione del patrimonio artistico della Diocesi.

Negli anni Novanta il sindaco Lucio Rosaia propone l'Oratorio di San Bernardino, allora sede della Pubblica Assistenza, come edificio adatto ad ospitare il Museo Diocesano.

L'occasione giusta per la concretizzazione del nuovo progetto museale si è presentata con il Giubileo del 2000, grazie ai contributi accordati alle diocesi d'Italia da destinarsi specificatamente alla realizzazione di progetti a favore della cultura. Si è potuto così dare inizio ai lavori di restauro ed adattamento dell'edifico alla nuova funzione di sede espositiva.

Percorso espositivo ed opere

L'itinerario museale, sviluppato su tre livelli, si apre con la ricostruzione storica dei luoghi attraverso l'utilizzo di pannelli e l'esposizione di opere d'arte e suppellettile liturgica, databili dal XIII al XXI secolo.

Piano terra

Al piano terra sono ospitate collezioni permanenti di arte e di storia secondo un criterio cronologico con opere databili fra il XIV e il XVI secolo. Di rilievo:

La parte rialzata di questo piano è il fulcro del percorso espositivo: si tratta dell'antico coro dell'oratorio, dove sono presentati gli oggetti più preziosi della collezione, in particolare:

Sala espositiva

Secondo piano

Al secondo piano il percorso prosegue con la storia della Diocesi spezzina, dalla sua fondazione nel 1929, al lungo lavoro per la costruzione della nuova Cattedrale di Cristo Re (dal concorso nazionale degli anni Trenta del secolo scorso, fino realizzazione dell'attuale degli architetti Libera e Galeazzi conclusasi nel 1975). La diocesi, nel corso degli anni ha subito alcune trasformazioni territoriali, fino a coincidere col territorio provinciale. Tale unificazione avvenuta nel 1959 con l'acquisizione dell'Alta Val di Vara e di Portovenere è sottolineata da alcune preziose opere d'arte, provenienti da questi territori.

Ampio spazio, nel percorso museale è stato dato anche alla religiosità popolare con significativi documenti e testimonianze storico-artistiche provenienti dalle confraternite.

Terzo piano

L'ultimo piano propone opere d'arte sacra contemporanea ed è adibito a spazio per mostre temporanee.

Galleria fotografica


Note
Bibliografia
  • Erminia Giacomini Miari, Paola Mariani, Musei religiosi in Italia, Editore Touring, Milano 2005, pp. 117 - 118 ISBN 9788836536535
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.