Enrico VIII d'Inghilterra

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Enrico VIII d'Inghilterra Tudor
Coat of Arms of England (1509-1554).svg
Laico
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
ERRORE in "fase canonizz"
{{{note}}}

King Henry VIII from NPG (3).jpg

{{{motto}}}
Titolo
Incarichi attuali
Re d'Inghilterra
Età alla morte 55 anni
Nascita Greenwich
28 giugno 1491
Morte Londra
28 gennaio 1547
Sepoltura
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale [[{{{aO}}}]]
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile [[ {{{aC}}} ]]
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo {{{elevato}}}
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Opposto a {{{Opposto a}}}
Sostenuto da {{{Sostenuto da}}}
Scomunicato da
Riammesso da da
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
Re d'Inghilterra
In carica 21 aprile 1509 –
28 gennaio 1547
Incoronazione 24 giugno 1509
Investitura
Predecessore

Enrico II

Erede
Successore

Edoardo VI

Nome completo {{{nome completo}}}
Trattamento {{{trattamento}}}
Onorificenze
Nome templare {{{nome templare}}}
Nomi postumi
Altri titoli
Casa reale {{{casa reale}}}
Dinastia Tudor
Padre Enrico VII
Madre Elisabetta di York
Coniuge

{{{coniuge 1}}}

Consorte

Caterina d'Aragona
(1509-1533, ann.)
Anna Bolena
(1533-1536, ann.)
Jane Seymour
(1536-1537, def.)
Anna di Clèves
(1540, ann.)
Catherine Howard
(1540-1541, ann.)
Caterina Parr
(1543-1547)

Consorte di

Figli Enrico
Maria
Henry FitzRoy
Elisabetta
Edoardo VI
Religione cattolica
(1491-1531)
anglicana
(1531-1547)
Firma HenryVIIISig.svg
Collegamenti esterni

Enrico VIII d'Inghilterra Tudor (Greenwich, 28 giugno 1491; † Londra, 28 gennaio 1547) è stato un re inglese. Nel 1534 uscì dalla Chiesa di Roma e diede vita alla Chiesa anglicana di cui si fece proclamare capo. Grazie a questo distacco, in Inghilterra si rinsaldarono il prestigio e la forza della monarchia che andò acquisendo sempre più potere in campo politico, religioso ed economico. Si sposò sei volte e detenne il potere più assoluto tra tutti i re britannici.

Cenni biografici

Enrico VIII nacque a Greenwich, un borgo di Londra, nel 1491. Fu il secondogenito di re Enrico VII Tudor, figura principale della Guerra delle Due Rose e discendente della famiglia Lancaster e della moglie Elisabetta di York. Gli altri fratelli furono: Arturo, principe di Galles, che sposò nel 1501 Caterina d'Aragona, figlia di Ferdinando II d'Aragona; Margherita Tudor, andata sposa a Giacomo IV di Scozia, successivamente ad Arcibaldo Douglas, sesto conte di Angus, e infine a Henry Stewart, primo Lord Methven; Elisabetta Tudor, morta a tre anni; Maria Tudor, andata sposa nel 1514 al re di Francia Luigi XII e, rimasta vedova, sposò Charles Brandon, duca di Suffolk; Edmondo Tudor (1499) morto dopo un anno, duca di Somerset; Caterina Tudor (1503), morta una settimana dopo la nascita.

Divenne erede al trono dopo la morte nel 1502 del fratello Arturo. Ebbe un'educazione molto accurata e vivi interessi umanistici.

Nel 1509, alla morte del padre, a soli diciotto anni Enrico VIII venne incoronato re d'Inghilterra. Nello stesso anno sposò Caterina d'Aragona che aveva sposato in prime nozze il fratello di Enrico VIII, Arturo, morto prematuramente. Per confermare l'alleanza raggiunta tra Spagna e Inghilterra, si decise di far unire Caterina in seconde nozze con Enrico e di chiedere nel 1505 una dispensa a papa Giulio II così da rimuovere tutti i dubbi sulla legittimità dell'atto, nonostante il matrimonio precedente non fosse stato consumato.

Nel 1511 Enrico VIII cercò di espandere il suo potere all'estero e si unì alla Lega santa, un'alleanza promossa da papa Giulio II per fermare l'espansione del re francese Luigi XII, alla quale aderirono l'imperatore del Sacro Romano Impero Massimiliano I e il re di Spagna Ferdinando il Cattolico.

Dopo la pace con la Francia nel 1514 Maria, la sorella di Enrico VIII, andò sposa a Luigi XII re di Francia. Dopo l'incoronazione imperiale di Carlo V d'Asburgo, il figlio di Francesco I re di Francia sposò la figlia di Enrico. Nel 1516 la regina Caterina diede alla luce, dopo due aborti, la prima erede di Enrico VIII, Maria.

L'alleanza di Gravelines siglata il 10 luglio 1520 con Carlo V spostava l'ago della bilancia della politica estera di Enrico VIII verso la Spagna. Nel 1523 la guerra contro la Francia aveva inizio. La mancanza di denaro costrinse il suo Lord Cancelliere cardinal Thomas Wolsey a convocare il parlamento, che gli rifiutò i sussidi e costrinse la corona a ricorrere a un prestito forzoso che ebbe presto effetti insostenibili.

Nel 1521 Enrico VIII aveva composto e inviato a Roma una Assertio septem sacramentorum adversus Martinum Lutherum[1] che gli era valsa il titolo di Defensor fidei attribuitogli dal papa Leone X con una bolla dell'11 ottobre di quell'anno.

Nel 1524 Enrico VIII si ritirò dalla lotta. L'anno dopo, la vittoria di Carlo V a Pavia segnò la disfatta della diplomazia del suo cancelliere. Seguì un'alleanza precipitosa con la Francia e col Papa, quindi il sacco di Roma (1527) e la pace di Cambrai nel 1529. Con la politica diplomatica di Wolsey naufragava anche la sua politica religiosa: legato a latere a vita dal 1524, egli si era attirato l'ostilità del parlamento antipapale e del clero inglese.

Nel 1526 con il peggiorare delle condizioni di salute di Caterina e in virtù dell'impossibilità di avere altri figli, Enrico VIII, che voleva a ogni costo un erede maschio, iniziò a pensare di sposare Anna Bolena, dama di compagnia della regina.

Il cardinale e consigliere del re Thomas Wolsey pensò di far dichiarare nullo il matrimonio con la regina in base alle precedenti nozze con il fratello defunto del re, che creavano un vincolo di parentela tra Enrico e Caterina, rendendo illecita la loro unione secondo il diritto canonico. Nonostante la dispensa ottenuta nel 1505 iniziarono le trattative segrete per annullare il matrimonio.

Il tentativo di annullare il matrimonio sembrava sul punto di realizzarsi nonostante le pressioni su papa Clemente VII da parte dell'imperatore del Sacro Romano Impero, Carlo V, nipote di Caterina d'Aragona e interessato a mantenere il controllo dell'Inghilterra attraverso il matrimonio tra la regina ed Enrico VIII.

Dopo anni di trattative e di tentativi diplomatici nel 1532 Enrico VIII ripudiò Caterina e sposò Anna Bolena. Nello stesso anno si fece nominare capo della Chiesa d'Inghilterra con un documento ufficiale approvato dal Parlamento inglese: l'Atto di Supremazia. La struttura e le dottrine della Chiesa inglese non cambiarono, ma i vescovi dovettero obbedienza non più al Papa ma al re. L'Atto di Supremazia, con il quale la Chiesa anglicana si separò da quella di Roma, fu condannato dal Papa e in Inghilterra le resistenze furono piegate attraverso l'eliminazione degli oppositori e il controllo del clero, nominato direttamente dal re.

Nel 1536 Anna Bolena fu condannata a morte. La regina venne accusata di reati come l'aver praticato la stregoneria per spingere Enrico VIII a sposarla e di aver avuto vari amanti, tra cui il fratello, con i quali avrebbe progettato di uccidere il re. Ma i veri motivi sono da ricondurre al fatto che Anna Bolena non riuscì a dare alla luce un erede maschio dopo la nascita della principessa Elisabetta nel 1533.

L'atto di successione del 1534, che poneva la corona sul capo di Elisabetta, e l'atto di supremazia, dello stesso anno, secondo il quale era tradimento negare la supremazia ecclesiastica dell'erede al trono, completarono la separazione della Chiesa inglese da Roma e la sua sottomissione alla monarchia.

Intanto nel luglio 1533 Clemente VII aveva scomunicato Enrico VIII, il quale, appoggiato dal parlamento e dalla nazione, reagì giustiziando nel 1535 fra gli altri Tommaso Moro e avviando la soppressione degli Ordini religiosi. L'incameramento dei beni ecclesiastici favorì l'ascesa dei proprietari terrieri, sostenuti dai riformatori [[luterani già attivi in Inghilterra. Per un momento il re s'era lasciato persuadere da Thomas Cromwell a introdurre la Riforma protestante, ma di fronte al pericolo di organismi religiosi che sfuggissero al suo controllo, s'irrigidì nell'opposizione appoggiandosi al parlamento, e nel 1539 faceva approvare il Six Articles Act che comminava la pena di morte a chi negasse le dottrine cattoliche della transustanziazione, della comunione sotto una sola specie e del celibato dei preti.

Con altrettanta decisione Enrico VIII perseguì la sua politica matrimoniale: preoccupato della stabilità dinastica, non garantita appieno da un'erede femminile, il 18 gennaio 1536 faceva giustiziare Anna, accusata di adulterio, e sposava Jane Seymour il 30 maggio. Il 12 ottobre nasceva Edoardo, ma dieci giorni dopo la madre moriva.

Il 3 gennaio 1540 Cromwell, proseguendo la politica filoprotestante, induceva il re a sposare Anna di Clèves. Ma Anna fu subito ripudiata e Cromwell condannato e giustiziato il 28 luglio. La caduta del ministro segnò l'apice del dispotismo di Enrico VIII.

Nel 1540 Enrico VIII prese in moglie Caterina Howard, sostenuta a corte dal vescovo Stephen Gardiner, capo del partito cattolico. Due anni dopo però anche lei verrà giustiziata. Nel 1543 il re d'Inghilterra sposò la sesta e ultima moglie, la ricca vedova Caterina Parr. La donna ebbe il merito di far riconciliare Enrico con le due figlie, Maria ed Elisabetta, che nel 1544 vennero reinserite nella legge di successione al trono.

Le vicende belliche proseguirono con la campagna scozzese del 1542, conclusasi con la vittoria di Solway Moss e la lotta contro la Francia con l'occupazione di Boulogne nel 1544 legata alla Scozia.

Gli ultimi anni di vita di Enrico VIII furono segnati da un forte declino fisico e mentale. Nel 1547 re Enrico VIII morì e fu sepolto nel castello di Windsor vicino alla terza moglie Jane Seymour.

Onorificenze

Gran Maestro e Cavaliere dell'Ordine della Giarrettiera - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro e Cavaliere dell'Ordine della Giarrettiera
Rosa d'Oro (3) - nastrino per uniforme ordinaria Rosa d'Oro (3)
— 1512, 1521 e 1524

Successione degli incarichi

Predecessore: Re d'Inghilterra Successore: Royal Standard of England (1406-1603).svg
Enrico VII 21 aprile 1509- 28 gennaio 1547 Edoardo VI I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Enrico VII {{{data}}} Edoardo VI
Predecessore: Re d'Irlanda Successore: Royal Standard of Ireland (1542–1801).svg
Se stesso come Signore 1º gennaio 1542- 28 gennaio 1547 Edoardo VI I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Se stesso come Signore {{{data}}} Edoardo VI
Predecessore: Principe di Galles Successore: Coat of Arms of the Prince of Wales (France modern).svg
Arturo Tudor 18 febbraio 1504 -22 aprile 1509 [2] Edoardo VI Tudor I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Arturo Tudor {{{data}}} Edoardo VI Tudor
Predecessore: Signore d'Irlanda Successore: Banner of the Lordship of Ireland.svg
Enrico VII 21 aprile 1509- 31 dicembre 1541 Se stesso come Re I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Enrico VII {{{data}}} Se stesso come Re
Predecessore: Duca di York Successore: Arms of Henry Tudor, Duke of York.svg
Nuova creazione 1494-1509 Titolo unito alla Corona I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Nuova creazione {{{data}}} Titolo unito alla Corona
Note
  1. Assertio Septem Sacramentorum adversus Martinum Lutherum 1521 su rct.uk. URL consultato il 28-08-2020
  2. Divenuto Re d'Inghilterra
Bibliografia
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.