Presentazione di Maria Vergine al Tempio (Tiziano)

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Venezia GalAcc Tiziano PresentazioneMariaTempio.part 1534-38.jpg
Tiziano Vecellio, Presentazione di Maria Vergine al Tempio di Gerusalemme (part. Sommo sacerdote accoglie Maria bambina) 1534 - 1538, tempera su tela
Presentazione di Maria Vergine al Tempio
Opera d'arte
Stato

bandiera Italia

Regione Stemma Veneto
Regione ecclesiastica Triveneto
Provincia Venezia
Comune

Stemma Venezia

Località
Diocesi Venezia
Parrocchia o Ente ecclesiastico
Ubicazione specifica Gallerie dell'Accademia
Uso liturgico nessuno
Comune di provenienza Venezia
Luogo di provenienza Scuola di Santa Maria della Carità, Sala dell'Albergo
Oggetto dipinto
Soggetto Presentazione di Maria Vergine al Tempio di Gerusalemme
Datazione 1534 - 1538
Datazione
Datazione Fine del {{{fine del}}}
inizio del {{{inizio del}}}
Ambito culturale
Autore

Tiziano Vecellio
detto Tiziano

Altre attribuzioni
Materia e tecnica olio su tela
Misure h. 335 cm; l. 775 cm
Iscrizioni
Stemmi, Punzoni, Marchi
Note
Collegamenti esterni
Virgolette aperte.png
Quando la bambina compì i tre anni, Gioacchino disse: "Chiamate le figlie senza macchia degli Ebrei: ognuna prenda una fiaccola accesa e la tenga accesa affinché la bambina non si volti indietro e il suo cuore non sia attratto fuori del Tempio del Signore". Quelle fecero così fino a che furono salite nel Tempio del Signore. Il sacerdote l'accolse e, baciatala, la benedisse esclamando: "Il Signore ha magnificato il tuo nome in tutte le generazioni. Nell'ultimo giorno, il Signore manifesterà in te ai figli di Israele la sua redenzione". La fece poi sedere sul terzo gradino dell'altare e il Signore Iddio la rivestì di grazia; ed ella danzò con i suoi piedi e tutta la casa di Israele prese a volerle bene.
Virgolette chiuse.png

La Presentazione di Maria Vergine al Tempio è un dipinto, eseguito tra il 1534 e il 1538, ad olio su tela da Tiziano Vecellio (1490 ca. - 1576); ebbe collocazione originariamente nella Sala dell'Albergo della Scuola di Santa Maria della Carità, oggi sede delle Gallerie dell'Accademia a Venezia.

Descrizione

Soggetto

La scena è ambientata in una piazza veneziana, dove compaiono:

  • Maria bambina, circondata da un alone di luce, sale con grazia la scalinata. Il passo leggero della fanciulla si rifà alle fonti apocrife, secondo le quali Maria, giunta in cima, si sarebbe messa a danzare. Ella è completamente sola sulla scala e Tiziano sottolinea la sua solitudine rispetto alle altre figure anche per mezzo del colore azzurro della sua veste, diverso dallo sfondo, che egli simbolicamente usa anche per il cielo.
  • Sommo sacerdote, insieme ad un anziano con bastone e un giovane inserviente, accoglie la piccola Maria all'ingresso del Tempio, stupito per la sicurezza con cui la bambina sale i gradini, senza mai voltarsi indietro e senza nessun aiuto, nonostante la tenera età.
  • San Gioacchino e sant'Anna, ormai anziani, sono confusi fra la folla che assiste alla scena: si confortano a vicenda, guardando Maria che sale la gradinata senza voltarsi a salutarli.
  • Gentiluomo, all'estremità del dipinto, distribuisce le elemosine: allusione alla attività dei committenti (i confratelli della Scuola della Carità), ma anche alla tipica virtù di Maria.

Inoltre, nel dipinto figurano:

  • Vari astanti si affacciano dalle finestre e dai balconi per assistere all'evento e altri affollano la strada. Tra questi si osservano una serie di personaggi contemporanei i confratelli della Scuola, tra i quali in testa al gruppo, Andrea de' Franceschi in veste rossa ducale e Lazzaro Crasso.
Tiziano Vecellio, Presentazione di Maria Vergine al Tempio di Gerusalemme (1534 - 1538), tempera su tela

Note stilistiche, iconografiche e iconologiche

  • I gradini della scalinata sono quindici, come i Salmi detti graduali, recitati dai pellegrini, mentre salivano al Tempio di Gerusalemme.
  • La scena è organizzata grandiosamente con un'inquadratura di architetture classiche, che citano anche gli allestimenti di scenografie teatrali dell'epoca. A sinistra un grande loggiato è visto di scorcio e conduce lo sguardo dello spettatore in profondità, dove seguono una piramide e, più lontano, rupi e montagne.
  • In primo piano alcuni elementi riempiono la composizione, dando al pittore l'opportunità di inserire alcuni temi allora in auge, come il torso classico (il cosiddetto Busto Farnese), o la vecchia venditrice di uova che si gira indietro, che richiama la Sibilla Cumana di Michelangelo.
  • L'opera si contraddistingue per il grande realismo dei particolari e la cura per i dettagli, spesso di valore simbolico, come la cesta di uova in primo piano, i polli, il maialino, le colonne di marmo o la parte frontale della scala coperta di muschio.
  • La tessitura cromatica è molto ricca, con toni smaglianti e un efficace contrasto tra colori caldi, nella parte cittadina e freddi, nel paesaggio.

Notizie storico-critiche

L'opera fu eseguita su commissione della Scuola di Santa Maria della Carità, tra il 1534 e il 1538 e collocata sulla parete d'ingresso della Sala dell'Albergo, dove si trova tuttora.

Il dipinto fu eseguito da Tiziano Vecellio adattandolo alla forma della parete, che prevedeva un taglio nella zona inferiore a destra, dove c'era una porta, mentre quello a sinistra è una modifica apportata successivamente per l'apertura di una seconda porta, anteriormente al 1664.

Note
  1. Traduzione tratta da Apocrifi del Nuovo Testamento, UTET-De Agostini, Novara, online.
Bibliografia
  • John Pope Hennessy, Tiziano, Editore Mondadori-Electa, Milano 2004
  • Marion Kaminski, Tiziano, col. "Maestri dell'Arte Italiana", Editore Könemann, Colonia 1998, pp. 66 - 69 ISBN 9783829045537
  • Giovanni C.F. Villa (a cura di), Tiziano. Catalogo della mostra, Editore Silvana, Milano 2013 ISBN 9788836625451
  • Stefano Zuffi, Episodi e personaggi del Vangelo, Editore Mondadori-Electa, Milano 2002, pp. 42-43 ISBN 9788843582594
  • Stefano Zuffi, Tiziano. Il più eccellente di quanti hanno dipinto, Editore Leonardo Arte, Milano 1998, pp. 62-63, ISBN 978880452300X
Voci correlate
Collegamenti esterni
Firma documento.png

Il contenuto di questa voce è stato firmato il giorno 5 giugno 2013 da Teresa Morettoni, esperta in museologia, archeologia e storia dell'arte.

Il firmatario ne garantisce la correttezza, la scientificità, l'equilibrio delle sue parti.

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.