San Nonnoso sul Monte Soratte

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
San Nonnoso sul Monte Soratte
Religioso
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo
Santo
{{{note}}}

S.Nonnoso.JPG

Statua di san Nonnoso
{{{motto}}}
Titolo
Incarichi attuali
Età alla morte anni
Nascita VI secolo
Morte VI secolo
Sepoltura
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa VI secolo
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale [[{{{aO}}}]]
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile [[ {{{aC}}} ]]
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo {{{elevato}}}
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Opposto a {{{Opposto a}}}
Sostenuto da {{{Sostenuto da}}}
Scomunicato da
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi

Iter verso la canonizzazione

Venerato da Chiesa cattolica
Venerabile il [[]]
Beatificazione [[]]
Canonizzazione 1664
Ricorrenza 2 settembre
Altre ricorrenze
Santuario principale
Attributi Baculo pastorale
Devozioni particolari Invocato contro le malattie ai reni
Patrono di Diocesi di Nepi e Sutri, Frisinga (Baviera)
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Nome completo {{{nome completo}}}
Trattamento {{{trattamento}}}
Onorificenze
Nome templare {{{nome templare}}}
Nomi postumi
Altri titoli
Casa reale {{{casa reale}}}
Dinastia {{{dinastia}}}
Padre {{{padre}}}
Madre {{{madre}}}
Coniuge

{{{coniuge 1}}}

Consorte

Consorte di

Figli
Religione {{{religione}}}
Firma [[File:{{{firma}}}|150x150px]]
Collegamenti esterni
Scheda su santiebeati.it
Tutti-i-santi.jpgNel Martirologio Romano, 2 settembre:
« Sul monte Soratte sulla via Flaminia nel Lazio, san Nonnoso, abate. »

San Nonnoso sul Monte Soratte (VI secolo) è stato un abate italiano.

Agiografia

Di san Nonnoso si sa solo quanto scritto da san Gregorio Magno nel 593, nelle storie miracolose di santi italiani vissuti fino ad allora. Di lui vengono descritti tre suoi miracoli, senza alcun elemento cronologico che possa permettere di stabilire gli estremi della vita del santo.

Era preposito del monastero posto sul Monte Soratte, sotto il governo di un rigoroso abate, quando avvenne il primo miracolo: intorno al monastero mancava un orto per coltivarlo, ci sarebbe stato un pezzo di terreno ma era occupato da una grande roccia che lo impediva; allora Nonnoso si mise in preghiera tutta la notte e al mattino successivo la roccia si era allontanata più in là, lasciando libero il terreno: nemmeno cinquanta paia di buoi avrebbero potuto farlo.

Il santo ruppe una lampada di vetro che andò in mille pezzi, l'abate lo sgridò ma Nonnoso si mise in preghiera e la lampada miracolosamente si ricompose.

Il terzo miracolo avvenne a favore della comunità: giacché i pochi ulivi del monastero non davano olio a sufficienza per i loro bisogni, l'abate dispose che i monaci uscissero dal monastero e andassero a lavorare presso i contadini dei dintorni, ricevendo in cambio dell'olio; Nonnoso però umilmente chiese all'abate di ritirare la disposizione, che avrebbe distratto i monaci dal raccoglimento e dalla preghiera. Detto ciò fece raccogliere le poche olive dagli alberi e il pochissimo olio ricavato, lo fece dividere in piccole dosi nei recipienti vuoti, che dovevano contenere l’olio, poi trascorse la notte in preghiera e al mattino tutti i vasi si trovarono ripieni d’olio.

Oltre ai miracoli, san Gregorio Magno ne lodò l'umiltà e la capacità di calmare l'irascibile abate. Nonnoso morì attorno all'anno 560 e fu sepolto a Soratte.

Culto

A causa delle incursioni saracene, avvenute tra la fine del IX secolo e gli inizi del X secolo, che devastarono la regione del Soratte e i tre monasteri presenti allora, il suo corpo venne traslato nel monastero di Suppentonia (Castel San Elia, fra Nepi e Civita Castellana) da qui, si pensa che il vescovo Nitkero (1039-1052) le traslò a Frisinga in Baviera. Secondo altre fonti invece le spoglie bavaresi sarebbero quelle di un santo della Carinzia Diaconus Ecclesiae Tiburniensis ancora oggi venerato in quella regione.

In epoca incerta il capo fu trasferito a Bamberga dove è molto venerato; san Nonnoso è considerato protettore degli ammalati di reni, che usavano e penso che usano ancora, strisciare carponi attorno al sarcofago per tre volte, invocandone l’intercessione.

Alcune reliquie nel 1611 vennero cedute dal vescovo di Frisinga ai monaci del Soratte, che dopo le distruzioni saracene erano rifioriti; il culto per san Nonnoso, dopo una lunga interruzione dovuta all’abbandono e alla rovina del monastero, riprese nel 1655-1658 per iniziativa di Andrea di San Bonaventura religioso cistercense, al cui Ordine era stata affidata l’abbazia.

Il 2 settembre 1664 fu riconsacrato il primo altare al Soratte in onore del santo priore e fu celebrata la prima festa solenne, da allora il culto si diffuse in tutta l'Italia Centrale; egli è patrono della diocesi di Nepi e Sutri e compatrono di Frisinga.

Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.