Sant'Aspreno di Napoli

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Sant'Aspreno di Napoli
Vescovo
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
Santo
primo vescovo di Napoli

S.AsprenoNapoli.JPG

Sant'Aspreno di Napoli
'
Titolo
Incarichi attuali
Età alla morte anni


Nascita Napoli
I secolo
Morte Napoli
I secolo
Sepoltura
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale
Ordinazione presbiterale [[]]
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile
Consacrazione vescovile [[.]] [[ ]]
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo
Elevazione a Patriarca
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti Vescovo di Napoli
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Opposto a {{{Opposto a}}}
Sostenuto da {{{Sostenuto da}}}
Scomunicato da
Riammesso da da
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da Chiesa cattolica
Venerabile il [[]]
Beatificazione [[]]
Canonizzazione [[]]
Ricorrenza 3 agosto
Altre ricorrenze
Santuario principale
Attributi Bastone pastorale
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di Napoli; invocato contro l'emicrania
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede
Successore
Nome completo {{{nome completo}}}
Trattamento {{{trattamento}}}
Onorificenze
Nome templare {{{nome templare}}}
Nomi postumi
Altri titoli
Casa reale {{{casa reale}}}
Dinastia {{{dinastia}}}
Padre {{{padre}}}
Madre {{{madre}}}
Coniuge

{{{coniuge 1}}}

Consorte

Consorte di

Figli
Religione {{{religione}}}
Firma [[File:{{{firma}}}|150x150px]]
Collegamenti esterni
Scheda su santiebeati.it
Tutti-i-santi.jpgNel Martirologio Romano, 3 agosto, n. 1:
« A Napoli, sant'Asprenato, primo Vescovo della città. »

Sant'Aspreno di Napoli (Napoli, I secolo; † Napoli, I secolo) è stato il primo vescovo di nazionalità ignota della città Napoli. Visse sotto gli imperatori Traiano e Adriano.

Agiografia

Il Calendario Marmoreo di Napoli, un'antica stele in cui ci sono i nomi dei vescovi di Napoli sino al IX secolo, riporta la sua guida pastorale per una durata di circa 23 anni.

Fu particolarmente ricolmo d'amore verso i poveri e si dimostrò sempre disponibile verso qualsiasi persona al di là del ceto e della condizione sociale. Il suo speciale carisma fece crescere la comunità cristiana napoletana.

La sua memoria cade il 3 agosto.

La leggenda

Secondo la tradizione Aspreno avrebbe ricevuto il kerygma dall'apostolo Pietro che, giunto da Antiochia diretto a Roma, si sarebbe fermato a Napoli, dove avrebbe guarito da un male una vecchia signora, la quale, convertita, sarebbe poi divenuta Santa Candida la Vecchia.

Candida avrebbe portato da Pietro lo stesso Aspreno, anch'egli infermo. La leggenda narra che, a guarigione avvenuta, Aspreno si convertì, e, quando Pietro dovette lasciare Napoli per Roma, lo consacrò vescovo, poiché nel frattempo la comunità cristiana era divenuta ampia e necessitava di un pastore.

Si narra che Aspreno fece costruire la chiesa di Santa Maria del Principio, dove poi sarebbe sorta la Basilica di Santa Restituta, e quindi il Duomo di Napoli.

La leggenda attribuisce ad Aspreno anche la fondazione della Basilica di San Pietro ad Aram, prima chiesa napoletana, dove è ancora presente l'altare su cui Pietro avrebbe celebrato l'Eucaristia.

Reliquie

Sepolto secondo la tradizione nell'oratorio della chiesa napoletana di Santa Maria del Principio, recenti ricerche hanno affermato che i suoi resti si troverebbero nelle Catacombe di San Gennaro, e sarebbero stati traslati per decisione del vescovo di Napoli Giovanni IV lo Scriba (842-849) nella basilica Stefania, dove a tutt'oggi riposano, sotto l'altare della cappella che porta il suo nome.

Nella Cappella del Tesoro di San Gennaro vi è, insieme a quello di Gennaro e degli altri cinquanta Santi Patroni della città di Napoli, il suo busto d'argento, e si ritiene che nel tesoro ci sia il bastone con cui l'apostolo Pietro lo guarì dalla malattia.

Nella Chiesa di Sant' Aspreno al Porto, a lui dedicata, si trova il suo Pastorale.

A Napoli vi è una seconda chiesa a lui dedicata: chiama Sant'Aspeno ai Crociferi.

Patrono

Aspreno fu il primo patrono di Napoli; dal 1673 è però venerato come secondo Patrono della città.

È particolarmente invocato negli attacchi di emicrania.

Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.