Santa Margherita Ward

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Santa Margherita Ward
Laica · Martire
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
Santa
{{{note}}}

68150.JPG

{{{didascalia}}}
{{{motto}}}
Titolo
Incarichi attuali
Età alla morte 38 anni
Nascita Congleton
1550
Morte Tyburn
30 agosto 1588
Sepoltura
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale [[{{{aO}}}]]
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile [[ {{{aC}}} ]]
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo {{{elevato}}}
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Opposto a {{{Opposto a}}}
Sostenuto da {{{Sostenuto da}}}
Scomunicato da
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi

Iter verso la canonizzazione

Venerata da Chiesa cattolica
Venerabile il [[]]
Beatificazione 15 dicembre 1929, da Pio XI
Canonizzazione 25 ottobre 1970, da Paolo VI
Ricorrenza 30 agosto
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrona di {{{patrono di}}}
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Nome completo {{{nome completo}}}
Trattamento {{{trattamento}}}
Onorificenze
Nome templare {{{nome templare}}}
Nomi postumi
Altri titoli
Casa reale {{{casa reale}}}
Dinastia {{{dinastia}}}
Padre {{{padre}}}
Madre {{{madre}}}
Coniuge

{{{coniuge 1}}}

Consorte

Consorte di

Figli
Religione {{{religione}}}
Firma [[File:{{{firma}}}|150x150px]]
Collegamenti esterni
Tutti-i-santi.jpgNel Martirologio Romano, 30 agosto, n. 9:
« A Londra in Inghilterra, santa Margherita Ward, martire, che, sposata, fu condannata a morte sotto la regina Elisabetta I per avere aiutato un sacerdote e accolse con animo lieto il martirio dell'impiccagione a Tyburn. Nello stesso luogo, subirono insieme a lei il martirio i beati Riccardo Leigh, sacerdote e i laici Edoardo Shelley e Riccardo Martin, inglesi, Giovanni Roche, irlandese e Riccardo Lloyd, gallese, il primo perché sacerdote, gli altri per avere dato ospitalità a dei sacerdoti. »

Santa Margherita Ward (Congleton, 1550; † Tyburn, 30 agosto 1588) è stata una martire inglese, uccisa durante le persecuzioni messe in atto dai sovrani inglesi dell'epoca.

Vita

Nacque a Congleton nel Cheshire intorno al 1550, da una distinta famiglia inglese. Durante la sua vita, ebbe occasione di frequentare nobili di vario genere e negli ultimi anni della sua vita, frequentò la casa della nobile signora Whitall, della quale era dama di compagnia.

Margherita sposò la religione cattolica, in un paese, l'Inghilterra, dove la Monarchia protestante prevedeva severe persecuzioni nei confronti degli altri credi religiosi. Le più dure repressioni si ebbero tra il 1535 e il 1679 e furono inizialmente compiute per volere di Elisabetta I (1533-1603) e poi dai suoi successori, Carlo I e Carlo II.

Margherita fu moralmente e umanamente vicina a un sacerdote cattolico, Guglielmo Watson, il quale durante il regno di Elisabetta I fu arrestato e più volte torturato nelle prigioni inglesi, al fine di abiurare la propria religione e convertirsi al protestantesimo. Molte furono le visite di Margherita a questo sacerdote, che però in un momento di debolezza, decise di convertirsi e avere così restituita la libertà. Amaramente pentito del suo gesto, decise di rinnegare pubblicamente la sua conversione e così fu arrestato nuovamente e condotto nel carcere di Bridewell. Fu durante questa seconda prigionia che Margherita decise di aiutare il sacerdote a fuggire e così, con un piano decisamente improvvisato, diede a Watson la possibilità di fuggire. La libertà del sacerdote, costò cara a Margherita Ward, la quale fu subito accusata di aver favorito la fuga del presbitero; condotta davanti a un tribunale locale, non negò nulla, non abiurò mai la sua fede e non chiese mai la grazia alla regina. Venne così condannata a morte.

Accusata di tradimento, Margherita Ward fu impiccata il 30 agosto 1588 a Tyburn. Assieme a lei, furono condannati a morte anche il sacerdote Riccardo Leigh, i laici inglesi Edoardo Shelley e Riccardo Martin, oltre all'irlandese Giovanni Roche e al gallese Riccardo Lloyd, anch'essi sacerdoti.

Culto

Il processo canonico di Margherita Ward, fu portato avanti insieme a quello di altri 40 martiri che furono beatificati da Pio XI il 15 dicembre 1929 e poi nominati santi da papa Paolo VI il 25 ottobre 1970 venerati dalla Chiesa come i Santi quaranta martiri di Inghilterra e Galles.

Voci correlate

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.