Santo Stefano Teodoro Cuénot

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Disambig-dark.svg
Nota di disambigua - Se stai cercando altri significati del nome Stefano, vedi Stefano (disambigua).
Santo Stefano Teodoro Cuénot, M.E.P.
Stemma vescovo.png
Vescovo · Martire
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo
Santo
martire

Etienne theodore cuenot 1.gif

'
Titolo
{{{titolo}}}
Età alla morte 59 anni
Nascita Bélieu
8 febbraio 1802
Morte Binh Dịnh
14 novembre 1861
Sepoltura
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale
Ordinazione presbiterale 24 settembre 1825
Appartenenza
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
Consacrazione
Consacrazione 3 maggio 1835 da Jean Luis Taberd,M.E.P.
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Arcivescovo dal
Patriarca dal
Arcieparca dal {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti Vescovo titolare di Metellopolis
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi

Iter verso la canonizzazione

Venerato da Chiesa cattolica
Venerabile il [[]]
Beatificazione 11 aprile 1909, da Pio X
Canonizzazione 19 giugno 1988, Giovanni Paolo II
Ricorrenza 14 novembre
Altre ricorrenze
Santuario principale
Attributi
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org
Scheda su santiebeati.it
Tutti-i-santi.jpgNel Martirologio Romano, 14 novembre, n. 12:
« Nella fortezza di Binh Dinh in Cocincina, ora Viet Nam, santo Stefano Teodoro Cuénot, vescovo della Società per le Missioni Estere di Parigi e martire, che, dopo venticinque anni di impegno nell'apostolato, durante la persecuzione contro i cristiani scatenata dall’imperatore Tu Duc, fu gettato nella gabbia di un elefante e morì sfinito dalle sofferenze. »
Santo Stefano Teodoro Cuénot Etienne-Théodore (Bélieu, 8 febbraio 1802; † Binh Dịnh, 14 novembre 1861) è stato un vescovo, missionario e martire francese.

Biografia

Nacque il 8 febbraio 1802 a Bélieu, in una famiglia di contadini molto povera.

Studiò a Ouvans, a Cerneux-Monnot, a Ornans, a Saint Étienne-Théodore Cuenot, nel grande seminario di Besançon, e dal 1823 nella casa della Retraite chrétienne a Aix-en-Provence, qui fu ordinato sacerdote il 24 settembre 1825.

Fu catechista e insegnante nel gruppo detto "il ritiro cristiano". Nel 1827, entrò nella Società per le Missioni Estere di Parigi.

L'anno dopo giungeva in Indocina. Il 3 maggio del 1835 venne consacrato vescovo titolare di Metellopolis. Il 21 giugno entrava in Cocincina, in assenza del vicario apostolico che non poté mai raggiungere la regione governò la missione, nascondendosi presso cristiani sicuri sia a Go-thi che a Gia-huu. Si occupò del clero indigeno e costituì due seminari e in pochi anni riuscì a far crescere notevolmente la chiesa locale.

Nel 1839 la Santa Sede gli indirizzò due brevi:

  • Quod nuncia del 4 agosto, che lodava i cristiani di Cocincina e il loro coraggio nella persecuzione[1]
  • Apostolatus officium del 10 dicembre, che gli conferiva il diritto di scegliersi un coadiutore[2].

Il 31 luglio 1840 morì Monsignor Taberd e Cuenot divenne vicario apostolico. Per facilitare l'istruzione del clero locale nel 1841 compose un prontuario in lingua con le principali leggi della Chiesa e come dovevano essere applicate in Cocincina. Nello stesso anno, in maggio, tenne un sinodo a Go-thi, dove si emanarono delle regole uniformi di condotta e il 1 agosto consacrò Monsignor Lefebvre suo coadiutore, incarico che tenne fino al 1844.

Esercitò un forte influenza nel suo vicariato. Con molte lettere cercava di rafforzare il coraggio dei suoi collaboratori e li incitava a non trascurare lo studio della teologia. In quel periodo si intraprese l'evangelizzazione dei popoli delle montagne, e compose con molta cura gli atti dei confessori e martiri della regione.

L'11 marzo 1844 con la bolla Exponendum Nobis curavit, il suo vicariato fu diviso in due, con i nomi di Cocincina orientale e occidentale e con il breve Exponendum Nobis curasti dello stesso giorno venne nominato vicario apostolico della Cocincina orientale, che contava nove province da Binh-thuan fino a Quang-binh incluso, nel breve ottenne il diritto di nominarsi un coadiutore, ciò che fece nel 1846 consacrando Monsignor Pellerin.

Con il breve Postulat apostolici del 27 agosto 1850 la Cocincina orientale fu divisa in due vicariati. Quello meridionale fu retto da lui mentre quello settentrionale dal suo coadiutore Monsignor Pellerin[3]

Nonostante fosse molto preso nella conduzione del suo vicariato, sempre sotto persecuzione, studiò e diede le suo opinioni sulla conduzione del suo ordine, che in quel periodo stava rivedendo il Regolamento generale.

Nel 1854 rischiò di essere arrestato, fu salvato dalla devozione dei suoi fedeli. Poco a poco le sue forze si affievolirono per l'avanzare di una anemia cerebrale e ai fedeli e missionari che gli chiedevano di mettersi in salvo rispondeva. "Il Buon Pastore dona la vita per le sue pecore". Quando Saigon venne occupata dai francesi e la persecuzione crebbe nella regione, volle che il suo provicario Herrengt abbandonasse la missione per salvare la vita.

Nel 1861 informato di una perquisizione nella sua parrocchia si trasferì a Go-boi, ma poco tempo dopo fu scoperto ed arrestato. Venne condotto a Binh-dinh con altri fedeli e rinchiuso nella stalla degli elefanti da guerra, dove si ammalò quasi subito gravemente. Morì il 14 novembre 1861. Mentre spirava giunse l'ordine del re Tu-duc di decapitarlo, per aver commesso il crimine di predicare la propria fede.

Venne seppellito in una fossa comune. Nel 1862 il re Tu-duc ordinò che i corpi dei cattolici uccisi fossero gettati in mare. Il corpo del vescovo fu esumato e trovato ancora intatto. Fu gettato nel fiume e il corpo, nonostante le ricerche dei fedeli, non venne più ritrovato.

Note
  1. Jus Pont. de Prop. Fid., v, p. 219
  2. Jus Pont. de Prop. Fid., v, p. 225
  3. Jus Pont. de Prop. Fid., vi, 1re part., p. 103
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.