Alfonso Maria Riberi

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Alfonso Giovanni Maria Riberi
Presbitero
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
ERRORE in "fase canonizz"

Riberi.jpg

Alfonso Maria Riberi
{{{motto}}}
Titolo
Incarichi attuali
Età alla morte 76 anni
Nascita Monterosso Grana
4 marzo 1876
Morte Cuneo
1º aprile 1952
Sepoltura
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale Cuneo, 4 settembre 1898
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile [[ {{{aC}}} ]]
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo {{{elevato}}}
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Opposto a {{{Opposto a}}}
Sostenuto da {{{Sostenuto da}}}
Scomunicato da
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Nome completo {{{nome completo}}}
Trattamento {{{trattamento}}}
Onorificenze
Nome templare {{{nome templare}}}
Nomi postumi
Altri titoli
Casa reale {{{casa reale}}}
Dinastia {{{dinastia}}}
Padre {{{padre}}}
Madre {{{madre}}}
Coniuge

{{{coniuge 1}}}

Consorte

Consorte di

Figli
Religione {{{religione}}}
Firma [[File:{{{firma}}}|150x150px]]
Collegamenti esterni

Alfonso Giovanni Maria Riberi (Monterosso Grana, 4 marzo 1876; † Cuneo, 1º aprile 1952) è stato un presbitero, storiografo e archeologo italiano.

Formazione e attività religiosa

Nato a Monterosso Grana il 4 marzo 1876, primo di sei fratelli e figlio di Giovanni Battista Ribero (per un errore di trascrizione portò da allora il cognome Riberi anziché Ribero), venne battezzato il giorno stesso della nascita (come prescritto dal Sinodo diocesano).[1] Curiosamente, il medico che assistette la nascita diagnosticò subito la sua cagionevole salute tanto da affermare che il piccolo era "vivo ma non vitale" e aggiunse che "data la cattiva conformazione del cranio non poteva che essere un povero idiota".

Trasferitosi con la famiglia a Valgrana nel 1882 dove compì i primi studi, si sposto successivamente a Cuneo dove frequentò il Regio Liceo-Ginnasio Silvio Pellico presso il quale si diplomò con licenza d'onore. A 18 anni, nel 1894, chiese di entrare nel Seminario diocesano di Cuneo per compiere gli studi di teologia. Per via della sua cagionevole salute il Riberi frequentò il Seminario come alunno esterno.

Il chierico Riberi divenne sacerdote il 4 settembre 1898 ma già ad aprile il Vescovo di Cuneo, Andrea Fiore, lo aveva nominato suo segretario-collaboratore.[2] In tale veste il 10 giugno 1904 riceve la nomina di canonico onorario e il 16 luglio, con una Bolla pontificia nella quale il Canonico Riberi era esortato a conseguire i titoli accademici indispensabili entro due anni, gli viene assegnato il titolo di coadiutore dell'ottantaquattrenne teologo Giovanni Rossi, ormai malato e non più in grado di tenere le "lezioni di scrittura" da solo. [2]

Nel 1907 conseguì a Roma la laurea in teologia, ma già nell' autunno 1906 aveva cominciato a insegnare presso la cattedra di Sacre Scritture (che condurrà per 45 anni fino alla sua morte).[1] Durante la Grande Guerra rimpiazzò gli insegnati del Seminario che erano partiti per il fronte e diresse l'Ufficio notizie per combattenti che si occupava di cercare informazioni sui soldati. Nel 1915 assume la direzione della Banca del Piccolo Credito nata nel 1900 su iniziattiva diocesana. Collaboratore de Lo Stendardo prima, poi de Il Dovere, ricoprì numerosi incarichi istituzionali, tra i quali quello di cappellano dell'Ospedale di Cuneo e di direttore ecclesiastico della Giunta diocesana di Azione cattolica dal 1922 al 1925.[1]

Nel campo sociale diresse la Pia Società della Misericordia per l'assistenza ai poveri. Nel 1926 ricevette le onorificenze di Cavaliere della Corona d'Italia e di Prelato domestico di Sua Santità.[3]

Attività ed eredità storiografica

Alfonso Riberi è conosciuto principalmente come storico e storiografo. La sua prima attività da storico partì con il centenario della diocesi di Cuneo nel 1917 quando ricevette dal vescovo Natale Gabriele Moriondo l'incarico di redigere le "Memorie storiche della Diocesi di Cuneo".

Il suo impegno di storico continuò fino alla sua morte, tenne lezioni di storia al Regio Liceo di Cuneo e di Arte Sacra presso il Seminario. Nel 1928 rilasciò una lunga intervista, poi pubblicata sul Momento, a un inviato del quotidiano giunto da Torino in cui illustrò il suo lavoro su San Dalmazzo, che gli richiese complessivamente ben dodici anni di lavoro. [1]

Nel 1929 fondò la Società degli studi storici, archeologici e artistici di Cuneo ancora oggi attiva, di cui fu consigliere fino alla sua morte; nel 1931 si dedicò alla storia dei Santuari piemontesi: Madonna della Riva, San Magno di Castelmagno, Sant'Anna di Vinadio (che riprese nel 1950 in un'opera più completa).[4]

Membro della Deputazione di Storia Patria, fu nominato Regio ispettore onorario dei monumenti e fu tra i principali fautori del Museo Civico di Cuneo grazie alla sua produzione storica e soprattutto alla sua attività archeologica fatta di numerosi rinvenimenti, favoriti dall'ottimo rapporto che il Riberi aveva instaurato con la popolazione del Cuneese che gli permise di esercitare la sua attività senza ostacoli.[4]

Con la nascita del settimanale La Guida, tuttora esistente, il Riberi iniziò una collaborazione ininterrotta, firmando più articoli per ogni numero fino al gennaio 1952, poco prima della sua morte. Scrisse nella sua vita centinaia di articoli scientifici e storiografici (365 dal 3 settembre 1919 al 3 gennaio 1952) che prima pubblicò su giornali come Lo Stendardo, Il Dovere poi raccolse tutti nel Repertorio di Antiche Memorie. [2]

Morì settantaseienne la sera del 1º aprile 1952 a Cuneo. La diocesi gli ha dedicato una struttura: il Dipartimento per i Beni Culturali Ecclesiastici (BCE) e il Dipartimento di Custodia della Memoria "Mons. Riberi".[4] La sua città, Cuneo, lo ricorda oggi come ecclesiastico e soprattutto come un grande storico, a lui è intitolata anche una via, mentre a Caraglio un istituto comprensivo statale porta il suo nome.

Onoreficenze

Cavaliere OCI BAR.png Cavaliere dell'Ordine della Corona d'Italia

Honorpr.png Prelato d'onore di Sua Santità

Opere

  • "Memorie del Santuario di Sant'Anna di Vinadio", Torino, Tip. Artigianelli, 1904;
  • "San Dalmazzo di Pedona e la sua abbazia", Torino, Biblioteca Società Storica Subalpina, 1929 (BSSS, 110);
  • "Folklore poetico cuneese dei secoli XV e XVI", in Miscellanea Cuneese, Torino, Biblioteca Società Storica Subalpina, 1930 (BSSS, 111);
  • "Cenni storici sulla città di Cuneo", in Guida della Provincia Granda, Cuneo, SASTE, 1930;
  • "Brevi postille a un bel libro di storia cuneese", Cuneo, SASTE, 1931;
  • "Il Santuario della Madonna della Riva presso Cuneo", Cuneo, Tip. S. Francesco, 1931;
  • "San Magno martire. Notizie della sua vita e del suo culto nel santuario di Castelmagno (Cuneo)", Cuneo, Tip. S. Francesco, 1932;
  • "San Dalmazzo martire e compagni. Storia popolare della vita, del culto e dell'Abbazia omonima in Pedona", Bertello, 1935;
  • "Gli scrittori latini anonimi di storia cuneese e il padre Francesco Bava da Fossano", in Fonti e studi di Storia Fossanese, Torino, Biblioteca Società Storica Subalpina, 1936, pp.163-204;
  • "Cuneo nella storia" in L. Barchi, "La provincia Granda", Cuneo, SASTE, 1938, pp.11-50;
  • "S. Anna di Vinadio, storia, culto, prodigi", (3ª ed. rifatta), Cuneo, Ghibaudo, 1950;
  • "Il Santuario di Madonna della Riva presso Cuneo. Memorie storiche", (2ª ed.), Cuneo, Ghibaudo, 1951.
  • "RAM - Repertorio di Antiche Memorie", opera in tre tomi, edizioni Primalpe, Cuneo, ultima edizione, 2002
Note
  1. 1,0 1,1 1,2 1,3 Autori Vari, Monografia su Alfonso Riberi in 70 anni per la "Granda", la Società per gli Studi Storici della Provincia di Cuneo dal 1929 al 1999", nuova edizione accresciuta e corretta a cura di Emanuele Forzinetti e Giuseppe Griseri, Cuneo, 2002. URL consultato il 09-08-2010
  2. 2,0 2,1 2,2 Riberi, Alfonso Maria cenni biografici, Biblioteca Diocesiana - gli autori, URL consultato il 09-08-2010
  3. Raffaella Curetti, Mons. Alfonso Maria Riberi (1876-1952), biografia. URL consultato il 10-08-2010
  4. 4,0 4,1 4,2 Gianmichele Gazzola, Livio Mano e mons. Alfonso M. Riberi, rendiconti 2007, Comune di Cuneo, URL consultato il 09-08-2010
Bibliografia
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.