Annunciazione (Pontormo)

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Firenze ChS.Felicita Pontormo Annunciazione 1527-1528.jpg
Pontormo, Annunciazione (1527 - 1528), affresco
Annunciazione
Opera d'arte
Stato

bandiera Italia

Regione Stemma Toscana
Regione ecclesiastica Toscana
Provincia Firenze
Comune

Stemma Firenze

Località
Diocesi Firenze
Parrocchia o Ente ecclesiastico
Ubicazione specifica Chiesa di Santa Felicita, Cappella Capponi, parete occidentale
Uso liturgico quotidiano
Comune di provenienza Firenze
Luogo di provenienza ubicazione originaria
Oggetto dipinto murale
Soggetto San Gabriele arcangelo annuncia a Maria Vergine la nascita di Gesù
Datazione 1527 - 1528
Datazione
Datazione Fine del {{{fine del}}}
inizio del {{{inizio del}}}
Ambito culturale
Autore

Pontormo (Jacopo Carucci)
detto Pontormo

Altre attribuzioni
Materia e tecnica affresco
Misure h. 368 cm; l. 168 cm.
Iscrizioni
Stemmi, Punzoni, Marchi
Note
Collegamenti esterni
Virgolette aperte.png

26Al sesto mese, l'angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nazaret, 27a una vergine, promessa sposa di un uomo della casa di Davide, di nome Giuseppe. La vergine si chiamava Maria. 28Entrando da lei, disse: "Rallégrati, piena di grazia: il Signore è con te". 29A queste parole ella fu molto turbata e si domandava che senso avesse un saluto come questo. 30L'angelo le disse: "Non temere, Maria, perché hai trovato grazia presso Dio. 31Ed ecco, concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù. 32Sarà grande e verrà chiamato Figlio dell'Altissimo; il Signore Dio gli darà il trono di Davide suo padre 33e regnerà per sempre sulla casa di Giacobbe e il suo regno non avrà fine"....
34Allora Maria disse all'angelo: "Come avverrà questo, poiché non conosco uomo?". 35Le rispose l'angelo: "Lo Spirito Santo scenderà su di te e la potenza dell'Altissimo ti coprirà con la sua ombra. Perciò colui che nascerà sarà santo e sarà chiamato Figlio di Dio. 36Ed ecco, Elisabetta, tua parente, nella sua vecchiaia ha concepito anch'essa un figlio e questo è il sesto mese per lei, che era detta sterile: 37nulla è impossibile a Dio". 38Allora Maria disse: "Ecco la serva del Signore: avvenga per me secondo la tua parola". E l'angelo si allontanò da lei.
Virgolette chiuse.png

L'Annunciazione è un dipinto murale, eseguito fra il 1527 ed il 1528, ad affresco, da Jacopo Carucci, detto il Pontormo (1494 - 1556), ubicato nella parete occidentale della Cappella Capponi all'interno della Chiesa di Santa Felicita a Firenze.

Descrizione

Nel dipinto murale compaiono:

  • a sinistra, San Gabriele arcangelo, sospeso da terra avvolto da una veste rosa con effetti cangianti, una fascia come cinta bianca e da un vaporoso mantello color arancio, gonfiato da un'impercettibile massa ariosa. Il suo volto, di tre quarti, cerca quello della Madonna con una leggera torsione del capo e la guarda timidamente con dolcezza, stabilendo con lei un serrato dialogo visivo che rende la scena straordinariamente leggera e viva.
  • a destra, Maria Vergine è raffigurata in piedi, tiene il manto azzurro con un presa salda della mano e vigorosamente solleva la gamba per salire il gradino, in pietra serena, verso un ripiano, che assomiglia ad un altare, su quale si trova un candelabro con eleganti volute; ella è colta di sorpresa, ha una quasi reazione controllata, con lo sguardo rivolto all'Arcangelo. Nel volto si legge una serena espressione di stupore, umiltà e gratitudine.
Cappella Capponi, parete occidentale, Pontormo, Annunciazione (1527 - 1528), affresco

Le due figure della scena sono separate da:

Notizie storico-critiche

Nel 1525, Ludovico Capponi affidò a Pontormo la decorazione pittorica della cappella, appena acquistata da Bernardo Paganelli, nella Chiesa di Santa Felicita, situata a poca distanza dal suo palazzo e destinata ad essere la tomba per sé e la sua famiglia.

Per la cappella, oltre all'Annunciazione, il Pontormo dipinse:

Secondo Giorgio Vasari, i lavori furono tenuti in gran segreto dall'artista, che si fece coprire appositamente da una protezione lignea, e vennero completati nel 1528, suscitando al loro termine grande stupore in tutta la città:[1]

« Ella (la decorazione pittorica della cappella) fu finalmente con meraviglia di tutta Firenze scoperta e veduta. »

Dopo l'alluvione di Firenze del 1966, per motivi di conservazione l'affresco con l'Annunciazione venne staccato dalla parete, e solo in seguito ad un restauro complessivo è stato ricollocato nella sua ubicazione originaria.

Note
  1. Giorgio Vasari, Le vite dei più eccellenti pittori, scultori e architetti (1568), col. "Mammut Gold", Editore Newton Compton, Milano 2016, p. 1019
Bibliografia
  • Marco Cianchi, La Cappella Capponi a Santa Felicita, in "Cappelle del Rinascimento a Firenze", Editore Giunti, Firenze 1988 ISBN 9788882000176
  • Elisabetta Marchetti Letta, Pontormo, Rosso Fiorentino, Editore Scala, Firenze 1994 ISBN 9788881170280
  • Rolf Toman, Arte italiana del Rinascimento: architettura, scultura e pittura, Editore Könemann, Colonia 1998, p. 343 ISBN 9783829020404
Voci correlate

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.