Antiquorum Habet

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Antiquorum Habet
Bolla pontificia di Bonifacio VIII
Stemma-Bonifacio-VIII.jpg
Data 22 febbraio 1300
(VI di pontificato)
Traduzione del titolo Un documento degno di fede
Argomenti trattati Giubileo
Bolla precedente
Bolla successiva Nuper Per Alias


Tutti i documenti di Bonifacio VIII
Tutte le Bolle pontificie

Antiquorum Habet Fida Relatio (trad. dal latino: C'è una relazione degna della fede degli antichi) è la bolla di indizione del primo Giubileo e della remissione plenaria dei peccati, promulgata da papa Bonifacio VIII il 22 febbraio del 1300.

Contenuto del documento

Con questa bolla venne annunciata la prima celebrazione di un anno santo alla quale veniva associata l'indulgenza plenaria.

Infatti, grazie a questo documento, tutti coloro che nell'anno 1300 visitarono la basilica di San Pietro e quella di San Paolo in Roma poterono lucrare l'indulgenza plenaria, a partire dalla solennità di Natale del 1299, fino alla successiva festività natalizia dello stesso anno 1300.

Le modalità per l'acquisto della indulgenza plenaria sono così indicate:

« Stabiliamo che i Romani, che volessero rendersi partecipi delle indulgenze da Noi concesse, accedano almeno una volta al giorno alle basiliche per trenta giorni, di seguito o intervallati, mentre i pellegrini o forestieri, seguendo le stesse modalità appena indicate, per quindici giorni consecutivi o interpolati. Tuttavia, farà un'azione più lodevole e godrà di un'indulgenza più efficace chi frequenterà le stesse basiliche con maggiore frequenza e devozione»

I fedeli dovevano recarsi alle basiliche indicate "con riverenza, veramente pentiti e confessati", e il beneficio venne accordato anche a tutti coloro che avrebbero compiuto lo stesso pellegrinaggio in qualsiasi anno centesimo a venire.

Precedenti storici

Il condono di tutte le pene dei peccati non era nuovo: già il sinodo di Clermont, convocato nel 1095 da Urbano II, aveva stabilito (c. 2) che a quanti si fossero messi in cammino verso Gerusalemme solo per devozione, non per ottenere onore o denaro, ma per liberare la chiesa di Dio, questo cammino venisse attribuito a penitenza completa.

Ancor prima, Alessandro II sembra avesse concesso nel 1063 ai soldati cristiani che combattevano contro i saraceni una analoga indulgenza plenaria.[1]

Note
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.