Beata Savina Petrilli

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Beata Savina Petrilli, S.d.P.
Religiosa
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
Beata

90836A.JPG

{{{motto}}}
Titolo
{{{titolo}}}
Età alla morte 71 anni
Nascita Siena
29 agosto 1851
Morte Siena
18 aprile 1923
Sepoltura
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa 1873
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale [[{{{aO}}}]]
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile [[ {{{aC}}} ]]
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo {{{elevato}}}
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi

Iter verso la canonizzazione

Venerata da Chiesa cattolica
Venerabile il [[]]
Beatificazione 24 aprile 1988, da Giovanni Paolo II
Canonizzazione [[]]
Ricorrenza 18 aprile
Altre ricorrenze
Santuario principale
Attributi
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrona di
Collegamenti esterni
Scheda su santiebeati.it
Tutti-i-santi.jpgNel Martirologio Romano, 18 aprile, n. 16:
« A Siena, beata Sabina Petrilli, vergine, che fondò la Congregazione delle Suore di Santa Caterina da Siena per sovvenire alle necessità delle ragazze bisognose e dei poveri. »
(Santo di venerazione particolare o locale)

Beata Savina Petrilli (Siena, 29 agosto 1851; † Siena, 18 aprile 1923) è stata una religiosa e fondatrice italiana della fraternità delle Sorelle dei Poveri di Santa Caterina da Siena (Siena 1873).

Vita

Fu la secondogenita degli otto figli dei coniugi Celso e Matilde Vetturini; la famiglia era di modeste con­dizioni. Al bat­tesimo le venne imposto il nome di Savina. A causa di una gra­ve malattia, le venne amministrata la cresima nel settembre 1852.

Passò gli anni dell'infanzia e della fanciullezza nella sofferenza fisica più o meno accentuata, fu sempre amorevolmente assistita dalla madre e a nove anni potè frequentare la scuola delle Figlie della Carità di San Girolamo, dove trovò un ambiente congeniale alla sua già matura fede.

II 7 luglio 1869 fu accolta, assieme a un gruppo di concittadini, in udienza da Papa Pio IX, e il Papa le disse Cammina sulle orme di Caterina da Siena e seguine gli esempi. La giovane, non ancora diciottenne, non aveva rivelato al Pontefice i suoi pro­getti, ma accolse le parole come consiglio di quello che il Signore voleva da lei. Alcuni giorni dopo, nella festa dell'Assunta, confermò davanti al confes­sore in modo formale il voto di castità.

Nel 1872 la ventiduenne Savina fondò nella casa paterna con Giuseppa Niccolini e Fortunata Medici, sue fedelissime compagne, la Congregazione delle Sorelle dei Poveri di Santa Caterina da Siena e il 15 agosto le quattro giovani emisero i voti, pur continuando a vivere nelle loro fami­glie. L'opera iniziò concretamente nell'accogliere la piccola orfana Nazarena Cancogni. Otte­nuta la prima approvazione diocesana il 4 agosto 1873 iniziarono la vita comune nella casa della fondatrice.

La prima casa fu aperta nel 1874, l'anno successivo la fraternità ottenne l'approvazione diocesana delle Regole. Nel 1899 arrivò l'approvazione pontificia delle Costi­tuzioni, perciò Savina ed alcune compagne 1'8 dicembre 1900 poterono emettere i voti religiosi « ad experimentum ». L'opera si sviluppò presto, abbracciando in seguito i vari campi dove la miseria e il dolore si presentavano nelle sembianze di ignoranza, handicap fi­sico e psichico, vecchiaia, solitudine, abbandono, malattia e assenza del senso di Dio.

L'approvazione apostolica definitiva delle Costituzioni dell'Istituto fu ottenuta nel 1906 La beata nello stendere le Regole era stata sempre guidata da un criterio di stretta rigidità: era infatti persuasa che solo una vita veramente impegnata ed assorta poteva sufficientemente ve­nire incontro alle necessità dei poveri e degli abbandonati. Fu perciò alquan­to perplessa quando il consultore, incaricato di esaminare a Roma le Costitu­zioni, voleva eliminare l'austerità voluta da Savina che chiese e ottenne che fosse nominato un altro consultore che si attenne all'austerità voluta dalla fondatrice.

Savina ripeteva spesso alle sue consorelle:

« La vera sorella dei poveri, risparmi con scrupolo il tem­po, mai se stessa. La sorella dei poveri, da povera lavora molto, senza temere la fatica. (...) Un cuore buono non si abitua a vedere la miseria, né si stanca di sollevarla, ovunque la incontri si inchina verso di essa. »

Madre Savina aveva un carattere impulsivo, forte e deciso, che la portava spesso a rimproverare aspramente le collaboratrici. Queste sue inclinazioni a poco a poco, sotto la guida di un saggio direttore spirituale, riuscì a vincerle e fu più materna verso le sorelle, nonostante le diverse sofferenze fisiche che si facevano sempre più pale­si. Savina per tutta la vita fu sempre di salute molto cagionevole, oltre a un piede deforme fin dalla nascita, dal 1890 fu affetta da fibromi multipli diffusi in tutto il corpo. Malgrado queste sofferenze la beata continuò a svolgere un'intensa attività in qualità di superiora generale, incarico che assunse fino al 1911.

Negli ultimi anni i fibromi si diffusero nel petto, a questi si aggiunsero ascessi in bocca e un tumore sotto il braccio che causarono un'infezione generale che la portarono alla morte. Savina Petrilli morì il 18 aprile 1923 a Siena. Venne sepolta con immensa partecipazione di popolo nel cimitero dell'Arciconfraternita della Misericordia, nella cappella dell'Istituto.

Il 20 aprile 1925 avvenne la traslazione nel corpo nella Chiesa della Visitazione di Siena.

Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.