Chiesa dei Santi Fabiano e Venanzio (Roma)

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Disambig-dark.svg
Nota di disambigua - Se stai cercando altri significati del nome Santi Fabiano e Venanzio, vedi Santi Fabiano e Venanzio (disambigua).
1leftarrow.png Voce principale: Chiese di Roma.
Chiesa dei Santi Fabiano e Venanzio
Flag of UNESCO.svg Bene protetto dall'UNESCO
Tuscolano - SS. Fabiano e Venanzio.JPG
Roma, Chiesa dei Santi Fabiano e Venanzio (1936)
Altre denominazioni
Stato bandiera Italia
Regione bandiera Lazio


Regione ecclesiastica Lazio

Provincia Roma
Comune Stemma Roma
Località
Diocesi Roma
Vicariatus Urbis
Religione Cattolica
Indirizzo Via Terni, 92
00182 Roma (RM)
Telefono +39 06 7012763
Fax
Posta elettronica SantiFabianoeVenanzio@diocesidiroma.it
Sito web

Sito ufficiale

Sito web 2
Proprietà Pontificia Opera per la Preservazione della Fede e la Provvista di nuove Chiese in Roma
Oggetto tipo Chiesa
Oggetto qualificazione parrocchiale
Dedicazione San Fabiano
San Venanzio di Camerino
Vescovo
Fondatore
Data fondazione
Architetto

Clemente Busiri Vici

Stile architettonico Razionalismo
Inizio della costruzione
Completamento 1936
Distruzione
Soppressione
Ripristino {{{Ripristino}}}
Scomparsa {{{Scomparsa}}}
Data di inaugurazione {{{AnnoInaugur}}}
Inaugurato da {{{InauguratoDa}}}
Data di consacrazione 5 novembre 1959
Consacrato da cardinale Luigi Traglia
Titolo Santi Fabiano e Venanzio a Villa Fiorelli (titolo cardinalizio)
Strutture preesistenti
Pianta
Tecnica costruttiva
Materiali cemento armato
Data della scoperta {{{Data scoperta}}}
Nome scopritore {{{Nome scopritore}}}
Datazione scavi {{{Datazione scavi}}}
Scavi condotti da {{{Scavi condotti da}}}
Altezza Massima
Larghezza Massima
Lunghezza Massima {{{LunghezzaMassima}}}
Profondità Massima
Diametro Massimo {{{DiametroMassimo}}}
Altezza Navata
Larghezza Navata
Altitudine {{{Altitudine}}}
Iscrizioni
Marcatura
Utilizzazione
Note
Coordinate geografiche
41°53′06″N 12°31′19″E / 41.88488, 12.52200 bandiera Italia
Patrimonio UNESCO.png Patrimonio dell'umanità
{{{nome}}}
{{{nomeInglese}}}
[[Immagine:{{{immagine}}}|240px]]
Tipologia {{{tipologia}}}
Criterio {{{criterio}}}
Pericolo Bene non in pericolo
Anno [[{{{anno}}}]]
Scheda UNESCO
[[Immagine:{{{linkMappa}}}|300px]]
[[:Categoria:Patrimoni dell'umanità in {{{stato}}}|Patrimoni dell'umanità in {{{stato}}}]]

La Chiesa dei Santi Fabiano e Venanzio è un luogo di culto di Roma, situato all'angolo tra piazza di Villa Fiorelli e via Terni, nel quartiere Tuscolano; questa è la chiesa regionale dei camerinesi.

Storia

Il progetto di edificare una nuova parrocchiale, in questo sobborgo situato vicino al nodo ferroviario principale di Roma, prevedeva originariamente di dedicarla solo a san Fabiano. Tuttavia, prima dell'inizio della costruzione, fu deciso di farne la chiesa regionale dei camerinesi, per sostituire la loro antica Chiesa di San Venanzio al Foro Romano,[1] situata in Piazza dell'Aracoeli che era stata demolita nel 1928 per allargare la via del Teatro Marcello, perciò si optò per la doppia intitolazione.

La chiesa è sede parrocchiale, istituita il 10 agosto 1933 dal cardinale vicario Francesco Marchetti Selvaggiani (18711951) con il decreto Super gregem Christi ed affidata al clero diocesano di Roma.

L'edificio fu costruito nel 1936 su progetto dell'architetto Clemente Busiri Vici (1887 - 1965) e consacrato il 5 novembre 1959 dal cardinale vicario Luigi Traglia (1895 - 1977).

Essa, inoltre, è sede del titolo cardinalizio di Santi Fabiano e Venanzio a Villa Fiorelli, istituito da papa Paolo VI il 5 marzo 1973: l'attuale titolare è il cardinale Carlos Aguiar Retes.

Descrizione

Chiesa dei Santi Fabiano e Venanzio (interno)

Esterno

La facciata della chiesa, molto particolare, si presenta con il timpano sporgente sopra la linea del tetto sorretto da due contrafforti che s'innalzano sopra le grondaie laterali della navata centrale. Sul prospetto si aprono tre monofore delle quali la centrale, posta ad un livello leggermente più alto, contiene una croce.

Ai lati del portale centrale, accessibile attraverso una breve scalinata, sono collocate due lapidi commemorative:

Sul fianco destro della chiesa s'innalza il campanile quadrangolare, che sulla sommità presenta una cella campanaria aperta da una monofora per ogni lato.

Interno

L'interno si presenta a tre navate divisa da colonne in marmo verde che sorreggono un notevole architrave in cemento armato. Le navate laterali, più piccole rispetto a quella centrale, terminano in due cappelle, dedicate rispettivamente al Sacro Cuore (a sinistra) e alla Madonna della Misericordia (a destra), con pale d'altare provenienti dall'antica Chiesa di San Venanzio.

Il presbiterio semicircolare è coperto da un soffitto piatto recante una croce ed decorata sulla parete da un imponente mosaico raffigurante:

Negli ambienti annessi si conservano opere del XVIII secolo, provenienti dalla distrutta Chiesa di San Venanzio al Foro Romano.

Note
  1. San Venanzio di Camerino († 250), nobile romano che, convertitosi al cristianesimo, subì il martirio sotto l'imperatore Decio. È patrono della città di Camerino.
Bibliografia
  • Claudio Rendina, Le Chiese di Roma. Storia e segreti, col. "Tradizioni italiane", Newton & Compton, Roma, 2017, pp. 102, 368, ISBN 9788854188358
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.