Chiesa della Gran Madre di Dio (Roma)

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Disambig-dark.svg
Nota di disambigua - Se stai cercando altri significati del nome Gran Madre di Dio, vedi Gran Madre di Dio (disambigua).
1leftarrow.png Voce principale: Chiese di Roma.
Chiesa della Gran Madre di Dio
Flag of UNESCO.svg Bene protetto dall'UNESCO
Chiesa Gran Madre di Dio Roma.jpg
Roma, Chiesa della Gran Madre di Dio (1931 - 1933)
Altre denominazioni
Stato bandiera Italia
Regione bandiera Lazio


Regione ecclesiastica Lazio

Provincia Roma
Comune Stemma Roma
Località
Diocesi Roma
Vicariatus Urbis
Religione Cattolica
Indirizzo Via Cassia 1 - 00191 Roma
Telefono +39 06 3339340
Fax +39 06 3331681
Posta elettronica GranMadrediDio@VicariatusUrbis.org
Sito web

Sito ufficiale

Sito web 2
Proprietà
Oggetto tipo Chiesa
Oggetto qualificazione parrocchiale
Dedicazione Maria Vergine
Vescovo
Fondatore papa Pio XI
Data fondazione 1931
Architetti

Cesare Bazzani (progettista)
Clemente Busiri Vici (esecuzione e direzione dei lavori)

Stile architettonico Neoclassico
Inizio della costruzione 1931
Completamento 1933
Distruzione
Soppressione
Ripristino {{{Ripristino}}}
Scomparsa {{{Scomparsa}}}
Data di inaugurazione {{{AnnoInaugur}}}
Inaugurato da {{{InauguratoDa}}}
Data di consacrazione
Consacrato da {{{ConsacratoDa}}}
Titolo Gran Madre di Dio (titolo cardinalizio)
Strutture preesistenti
Pianta croce greca
Tecnica costruttiva
Materiali
Data della scoperta {{{Data scoperta}}}
Nome scopritore {{{Nome scopritore}}}
Datazione scavi {{{Datazione scavi}}}
Scavi condotti da {{{Scavi condotti da}}}
Altezza Massima
Larghezza Massima
Lunghezza Massima {{{LunghezzaMassima}}}
Profondità Massima
Diametro Massimo {{{DiametroMassimo}}}
Altezza Navata
Larghezza Navata
Altitudine {{{Altitudine}}}
Iscrizioni
Marcatura
Utilizzazione
Note
Coordinate geografiche
45°03′45″N 7°41′57″E / 45.06240, 7.69904 bandiera Italia
Patrimonio UNESCO.png Patrimonio dell'umanità
{{{nome}}}
{{{nomeInglese}}}
[[Immagine:{{{immagine}}}|240px]]
Tipologia {{{tipologia}}}
Criterio {{{criterio}}}
Pericolo Bene non in pericolo
Anno [[{{{anno}}}]]
Scheda UNESCO
[[Immagine:{{{linkMappa}}}|300px]]
[[:Categoria:Patrimoni dell'umanità in {{{stato}}}|Patrimoni dell'umanità in {{{stato}}}]]

La Chiesa della Gran Madre di Dio, situata a Roma, nel quartiere Della Vittoria.

Storia

Roma, Chiesa della Gran Madre di Dio (1931), interno

La chiesa fu voluta da papa Pio XI nel 1931 in ricordo delle celebrazioni indette per commemorare il XV centenario del Concilio di Efeso (431), che sancì i dogmi della maternità divina e della verginità perpetua di Maria, presenti nella devozione popolare fin dalle origini della Chiesa.

Essa fu costruita tra il 1931 ed il 1933 su progetto dell’ingegnere bolognese Cesare Bazzani (1873 - 1939), realizzato dall'architetto romano Clemente Busiri Vici (1887 - 1965).

È sede della parrocchia omonima, eretta da Pio XI il 1º dicembre 1933, anno del Giubileo straordinario della Redenzione, con la costituzione apostolica "Quo perennius".

Alla chiesa è legato il titolo cardinalizio di Gran Madre di Dio istituito nel 1965: l’attuale titolare è il cardinale Angelo Bagnasco.

Descrizione

La chiesa è a pianta a croce greca. L’ingresso centrale è preceduto da un pronao con frontone triangolare e colonne; vi sono inoltre due ingressi laterali.

Due piccoli campanili laterali affiancano la grande cupola.


Bibliografia
  • C. Rendina, Le Chiese di Roma, Newton & Compton Editori, Milano 2000
  • M. R. Grifone C. Rendina, Quartiere XVIII. Tor di Quinto, in AA.VV, I quartieri di Roma, Newton & Compton Editori, Roma 2006
  • Touring Club Italiano (a cura di), Roma, col. "Guide Rosse", Touring Editore, Milano 2008, p. 768 ISBN 9788836538966
Voci correlate
Collegamenti esterni


Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.