Chiesa della Gran Madre di Dio (Roma)

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Disambig-dark.svg
Nota di disambigua - Se stai cercando altri significati del nome Gran Madre di Dio, vedi Gran Madre di Dio (disambigua).
1leftarrow.png Voce principale: Chiese di Roma.
Chiesa della Gran Madre di Dio
Flag of UNESCO.svg Bene protetto dall'UNESCO
Chiesa Gran Madre di Dio Roma.jpg
Roma, Chiesa della Gran Madre di Dio (1931-1933)
Altre denominazioni
Stato bandiera Italia
Regione bandiera Lazio


Regione ecclesiastica Lazio

Provincia Roma
Comune Stemma Roma
Località
Diocesi Roma
Vicariatus Urbis
Religione Cattolica
Indirizzo Via Cassia, 1
00191 Roma (RM)
Telefono +39 06 3339340
Fax +39 06 3331681
Posta elettronica granmadredidioroma@gmail.com
Sito web

Sito ufficiale

Sito web 2
Proprietà Pontificia Opera per la Preservazione della Fede e la provvista di nuove Chiese in Roma
Oggetto tipo Chiesa
Oggetto qualificazione parrocchiale
Dedicazione Maria Vergine
Vescovo
Fondatore papa Pio XI
Data fondazione 1931
Architetti

Cesare Bazzani (progettista)
Clemente Busiri Vici (esecuzione e direzione dei lavori)

Stile architettonico Neoclassico
Inizio della costruzione 1931
Completamento 1933
Distruzione
Soppressione
Ripristino {{{Ripristino}}}
Scomparsa {{{Scomparsa}}}
Data di inaugurazione {{{AnnoInaugur}}}
Inaugurato da {{{InauguratoDa}}}
Data di consacrazione 29 maggio 1937
Consacrato da Francesco Beretti
Titolo Gran Madre di Dio (titolo cardinalizio)
Strutture preesistenti
Pianta croce greca
Tecnica costruttiva
Materiali
Data della scoperta {{{Data scoperta}}}
Nome scopritore {{{Nome scopritore}}}
Datazione scavi {{{Datazione scavi}}}
Scavi condotti da {{{Scavi condotti da}}}
Altezza Massima
Larghezza Massima
Lunghezza Massima {{{LunghezzaMassima}}}
Profondità Massima
Diametro Massimo {{{DiametroMassimo}}}
Altezza Navata
Larghezza Navata
Altitudine {{{Altitudine}}}
Iscrizioni PRAECELSAE DEI GENITRICI DICATUM
Marcatura stemma di papa Pio XI
Utilizzazione
Note
Coordinate geografiche
41°56′19″N 12°27′56″E / 41.9385, 12.4656 Stemma Roma
Mappa di localizzazione New: Roma
Chiesa della Gran Madre di Dio
Chiesa della Gran Madre di Dio
Basilica di S. Pietro
Basilica di S. Pietro
Basilica di S. Giovanni in Laterano
Basilica di S. Giovanni in Laterano
Patrimonio UNESCO.png Patrimonio dell'umanità
{{{nome}}}
{{{nomeInglese}}}
[[Immagine:{{{immagine}}}|240px]]
Tipologia {{{tipologia}}}
Criterio {{{criterio}}}
Pericolo Bene non in pericolo
Anno [[{{{anno}}}]]
Scheda UNESCO
[[Immagine:{{{linkMappa}}}|300px]]
[[:Categoria:Patrimoni dell'umanità in {{{stato}}}|Patrimoni dell'umanità in {{{stato}}}]]

La Chiesa della Gran Madre di Dio è un luogo di culto di Roma, situato nella periferia settentrionale della città, all'inizio della via Cassia, nel quartiere Della Vittoria.

Storia

Dalla fondazione ad oggi

La chiesa fu voluta da papa Pio XI (1922-1939) nel 1931 in ricordo delle celebrazioni indette per commemorare il XV centenario del Concilio di Efeso (431), nel quale, contro l'eresia di Nestorio, furono proclamati i dogmi della maternità divina e della verginità perpetua di Maria, presenti nella devozione popolare fin dalle origini della Chiesa.

L'allora cardinale vicario Francesco Marchetti Selvaggiani (1871-1951) volle che la nuova chiesa sorgesse sulla riva del Tevere nei pressi di Ponte Milvio, un sito particolarmente significativo per la storia della Chiesa, poco distante cioè dal luogo dove la Croce apparve a Costantino (274-337), prima della battaglia (312) nella quale sconfisse Massenzio (278-312) e dove confluiscono due grandi arterie consolari, la Flaminia e la Cassia e l'antica via Francigena che i pellegrini, provenienti da Nord, percorrevano per raggiungere Roma.

L'imponente edificio venne progettato da Cesare Bazzani (1873-1939) e costruito da Clemente Busiri Vici (1887-1965) tra il 1931 e il 1933. Fu consacrata il 29 maggio 1937 da Francesco Beretti, vescovo di Cesarea di Filippo.

È sede della parrocchia omonima, eretta da Pio XI il 1º dicembre 1933, anno del Giubileo straordinario della Redenzione, con la costituzione apostolica Quo perennius e affidata al clero diocesano di Roma.

Titolo cardinalizio

La chiesa è sede del titolo cardinalizio di Gran Madre di Dio, istituito da papa Paolo VI il 5 febbraio 1965: l'attuale titolare è il cardinale Angelo Bagnasco.

Descrizione

Esterno

La chiesa, in stile neo-rinascimentale, è caratterizzata da una grande cupola che poggia su un tamburo ottagonale con finestroni rettangolari, sormontata da una lanterna, anch'essa ottagonale. Due piccoli campanili laterali, a base quadrangolare, affiancano la facciata rettangolare definita da lesene, cornicioni aggettanti e balaustre di coronomento.

L'edificio è preceduto da un pronao con due colonne monumentali corinzie e setti laterali in muratura, decorati con nicchie, che sorreggono un frontone triangolare con al centro lo stemma di papa Pio XI e alla base l'iscrizione dedicatoria nella quale si legge:

(LA) (IT)
« PRAECELSAE DEI GENITRICI DICATUM » « Dedicato alla Gran Madre di Dio »
Chiesa della Gran Madre di Dio (interno)

All'interno del pronao si trova il portale centrale sormontato da un timpano spezzato; vi sono, inoltre, due ingressi laterali che si aprono nei due corpi di fabbrica curvilinei, posti a lato del pronao.

Interno

L'interno della chiesa, a pianta a croce greca, luminoso e semplice, è dominato dai piloni e dalle arcate sui quali si imposta l'imponente cupola, mentre le absidi accolgono le raccolte cappelle, dedicate al Sacro Cuore di Gesù (a sinistra) e a san Giuseppe (a destra).

L'abside semicircolare, rivestito da marmi policromi e aperto da cinque grandi monofore, alternate a paraste ioniche, presenta:

(LA) (IT)
« SANCTA MARIA MATER DEI ORA PRO NOBIS » « Santa Maria, Madre di Dio, prega per noi »
Bibliografia
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.