François-René de Chateaubriand

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
François-René de Chateaubriand
Laico
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
ERRORE in "fase canonizz"

Chateaubriand (NYPL b13049823-423586).jpeg

{{{motto}}}
Titolo
{{{titolo}}}
Età alla morte anni
Nascita Saint-Malo
14 settembre 1768
Morte Parigi
4 luglio 1848
Sepoltura
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale [[{{{aO}}}]]
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile [[ {{{aC}}} ]]
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo {{{elevato}}}
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
Collegamenti esterni

François-René de Chateaubriand (Saint-Malo, 14 settembre 1768; † Parigi, 4 luglio 1848) è stato uno scrittore, diplomatico e politico francese. Figura di rilievo nella letteratura francese del primo Ottocento, è considerato il fondatore del Romanticismo letterario francese. In un periodo dove molti intellettuali suoi contemporanei si scagliarono contro la Chiesa, Chateaubriand scrisse una delle sue più importanti opere Génie du christianisme in difesa dalla fede cattolica.

Cenni biografici

Nacque a Saint-Malo in Normandia il 14 settembre 1768, figlio del conte René Auguste de Chateaubriand, armatore e commerciante, e della moglie Appoline Jeanne Suzanne de Chateaubriand nata de Bédée.

Visse i primi anni nella cittadina natale. Ebbe una buona formazione scolastica presso vari collegi religiosi a Dol, Rennes, Dinan. Molto giovane, stimolato dal fratello maggiore, intraprese la carriera militare, ma dopo la morte del padre nel 1786 alla vita di guarnigione preferì quella di Parigi, dove fu ricevuto a corte, frequentò i salotti e il mondo letterario.

Con lo scoppio della rivoluzione lasciò per un breve periodo la Francia per recarsi in Nord America, dove esplorò le regioni settentrionali tra Stati Uniti e Canada.

Alla notizia dell'arresto del re rientrò in Francia. Alla fine di marzo del 1792 sposò la diciassettenne Céleste Buisson de la Vigne, discendente da una famiglia di armatori di Saint-Malo e subito raggiunse l'esercito degli emigrati. Prese parte all'assedio di Thionville dove fu ferito e ferito raggiunse il Belgio. In seguito si recò in Inghilterra dove, dal 1793 al 1800, visse in ristrettezze finanziarie che non gli impedirono di approfondire i suoi studi e di affinare le sue doti di scrittore.

Nel 1797 pubblicò a Londra la sua prima opera, Essai historique, politique et moral sur les révolutions anciennes et modernes, considérées dans leurs rapports avec la Révolution française, d'impronta ancora tutta illuministica, dove espresse idee politiche e religiose non in armonia con quelle che esprimerà in seguito, ma dove già emergeva il suo talento di scrittore. Dopo una profonda crisi religiosa, innescata da una lettera della madre morente del 1798, ritornò alla fede cattolica.

Interpretando il profondo cambiamento intervenuto nella coscienza collettiva del suo paese, stravolto dalla rivoluzione, compose l'apologia del cristianesimo, Génie du Christianisme ou Beauté de la religion chrétienne, che pubblicò nel 1802 dopo il suo rientro in Francia. L'opera ebbe un grande successo e una grande influenza nel mondo intellettuale del suo paese che subiva in quegli anni rapidi cambiamenti.

Dopo il suo rientro in patria le sue doti furono ben presto riconosciute negli ambienti letterari di Parigi. Desideroso di essere cancellato dalla lista degli emigrati, chiese alla sorella di Napoleone, Élisa Baciocchi, di intervenire presso il fratello che acconsentì a toglierlo da quella lista il 21 luglio 1801. Nel 1803 Buonaparte lo scelse come segretario di ambasciata del cardinale Joseph Fesch, inviato plenipotenziario presso la Santa Sede. A Roma soggiornò brevemente, subendo il fascino delle rovine nella campagna romana. Entrò in forte contrasto con il cardinale e questi ottenne la sua esautorazione. Chateaubriand rientrò a Parigi dove fu nominato incaricato d'affari presso la Repubblica del Vallese. Abbandonò l'incarico quando ruppe con Napoleone, subito dopo l'esecuzione del duca d'Enghien Louis Antoine de Bourbon-Condé.

Per preparare l'epopea in prosa Les Martyrs pubblicata nel 1809 fece un lungo viaggio nel Vicino Orientre, rientrando attraverso la Spagna. Nel 1811 fu eletto all'Accademia francese prendendo il posto di Marie-Joseph Chénier, ma per il veto dell'Imperatore non poté prendevi posto. Nel 1814 pubblicò una violenta operetta antinapoleonica, De Buonaparte et des Bourbons. Sempre fedele ai Borboni, durante la Restaurazione ebbe alterne fortune nella vita politica. Fu ministro dell'Interno durante i Cento giorni e pari di Francia nel 1815. Cadde in disgrazia per la pubblicazione di De la monarchie selon la Charte del 1816. Nel 1821 fu nominato ministro plenipotenziario a Berlino, ambasciatore a Londra e poi rappresentante della Francia al Congresso di Verona nel 22. Rientrato a Parigi fu ministro degli Esteri dal 1823 all'anno seguente. Dal 1828 fu per un anno di nuovo a Roma come ambasciatore.

Oppostosi al regime di Louis-Philippe d'Orléans, a partire dal 1830 non partecipò più alla vita politica attiva, tenendosi appartato, affettuosamente e premurosamente assistito da M.me Récamier, completando la stesura del suo capolavoro, le Mémoires d'outre-tombe, cui aveva pensato fin dal 1803, che per suo volere fu pubblicato dopo la sua morte.

Morì il 4 luglio 1848 a Parigi. La sua salma fu trasportata a Saint-Malo e sepolta di fronte al mare, secondo la sua volontà, sulla rocca del Grand Bé.

Opere

Onorificenze

Ufficiale dell'Ordine della Legion d'onore - nastrino per uniforme ordinaria Ufficiale dell'Ordine della Legion d'onore
— 19 agosto 1823
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Reale e Militare di San Luigi - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Reale e Militare di San Luigi
— Parigi 5 agosto 1814
Cavaliere dell'Ordine dello Spirito Santo - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine dello Spirito Santo
— Parigi, 1823
Cavaliere dell'Ordine di San Michele - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine di San Michele
— Parigi, 1823
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine del Cristo (Portogallo) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine del Cristo (Portogallo)
— 13 novembre 1823
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine di Carlo III (Spagna) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine di Carlo III (Spagna)
— 21 novembre 1823
Cavaliere dell'Ordine di Sant'Andrea - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine di Sant'Andrea
— 23 novembre 1823
Cavaliere dell'Ordine del Toson d'Oro (Spagna) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine del Toson d'Oro (Spagna)
— 4 dicembre 1823
Cavaliere dell'Ordine dell'Aquila Nera (Regno di Prussia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine dell'Aquila Nera (Regno di Prussia)
— 24 dicembre 1823
Cavaliere dell'Ordine Supremo della Santissima Annunziata - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine Supremo della Santissima Annunziata
— 14 febbraio 1824[1]
Cavaliere dell'Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme
— 1828
Cavaliere dell'Ordine Pour le Mérite (classe di pace) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine Pour le Mérite (classe di pace)
— 1842

Successione degli incarichi

Predecessore: Seggio 19 dell'Académie française Successore: Quadrato trasparente.png
Marie-Joseph Chénier 1811 - 1849 Paul de Noailles I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Marie-Joseph Chénier {{{data}}} Paul de Noailles
Note
  1. Jean-Claude Berchet, Chateaubriand, Gallimard 2012, pagina 999, nota 37
Bibliografia
  • Alfredo Galletti, Enciclopedia Italiana Treccani (1931), online

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.