Guglielmo da Rizolio

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
(Reindirizzamento da Guglielmo I da Rizolio)
Guglielmo I da Rizolio
Stemma arcivescovo.png
Vescovo
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
ERRORE in "fase canonizz"
{{{note}}}

[[File:{{{immagine}}}|250px]]

{{{didascalia}}}
{{{motto}}}
Titolo
{{{titolo}}}
Età alla morte {{{età}}} anni
Nascita Milano
1170 ca.
Morte Milano
28 marzo 1241
Sepoltura
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale
Ordinazione presbiterale [[]]
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile
Consacrazione vescovile 1232
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo {{{elevato}}}
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti Arcivescovo di Milano
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org

Guglielmo I da Rizolio (Milano, 1170 ca.; † Milano, 28 marzo 1241) è stato un arcivescovo italiano.

Cenni biografici

Nacque a Milano intorno al 1170 da una famiglia di rilievo nella vita politica milanese.

Con una probabile buona formazione teologica, entrò a far parte del capitolo della cattedrale nell'ultimo decennio del XII secolo. Si hanno atti dell'arcivescovo Filippo da Lampugnano da lui sottoscritti come diacono a partire dal luglio 1197. Ebbe una rapida carriera ecclesiastica divenendo arcidiacono. Con tale carica compare infatti il 15 giugno 1202 quando papa Innocenzo III lo nominò giudice delegato per risolvere una causa fra il vescovo e il capitolo di Piacenza.

Nel 1211 morì l'arcivescovo Uberto da Pirovano e Guglielmo fu tra i candidati alla successione. Ma dopo oltre due anni di vacanza della sede il pontefice, dopo essersi informato circa le consuete modalità di elezione dei presuli, nel novembre del 1213 nominò personalmente arcivescovo di Milano Enrico I da Settala.

Nel 1230, alla morte di Enrico I da Settala, Guglielmo non ebbe rivali e la sua elezione ebbe luogo il 14 ottobre con l'accordo di tutto il capitolo. È probabile che a favorire la concordia su questo candidato abbia contribuito la fiducia di cui godeva, dopo almeno 33 anni di permanenza nel capitolo stesso.

La sua attività pastorale si colloca in un periodo assai difficile per la storia del Comune di Milano, segnato da ripetuti scontri con l'imperatore Federico II e con le città sue alleate.

Nel corso del suo episcopato Guglielmo intervenne in numerose questioni riguardanti i nuovi ordini religiosi, la riforma e il controllo dei monasteri della sua diocesi, nonché questioni interne quali l'assegnazione di benefici e la comminazione di censure ecclesiastiche. Fra i nuovi ordini si affermarono in particolare i mendicanti i quali, sia per la loro tendenza a inserirsi nel mondo comunale, sia per lo stretto collegamento con la Santa Sede, divennero presto il referente privilegiato del pontefice in ambito locale.

Il 26 novembre del 1233 Gregorio IX scrisse all'arcivescovo milanese raccomandandogli i minori e i predicatori che nella città lombarda avevano profuso con successo il loro impegno antiereticale, ed è da porre in relazione a questo clima estremamente favorevole per i nuovi ordini la concessione di una dimora all'interno della città per i francescani.

Nel 1235 Guglielmo consacrò l'altare della basilica di sant'Eugenio, officiata dai predicatori, e a quei frati affidò la cura di numerose comunità femminili sorte nella zona di Porta Ticinese, non lontano dal convento. Anche gli umiliati, dopo essersi rivolti a Roma, ottennero che l'arcivescovo nel 1236 concedesse loro di avere cimiteri per le case del second'ordine.

Nella primavera del 1240 fu invitato a recarsi al concilio indetto a Roma per la Pasqua dell'anno successivo con l'intento di giudicare e contrastare l'imperatore, ma morì nella sua sede il 28 marzo 1241.

Predecessore: Arcivescovo di Milano Successore: ArchbishopPallium PioM.svg
Enrico I da Settala 1230-1241 Leone da Perego I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Enrico I da Settala {{{data}}} Leone da Perego
Bibliografia
  • Maria Pia Alberzoni Dizionario Biografico degli Italiani, Vol. 61 (2004), online

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.