Natività di Maria Vergine (Vittore Carpaccio)

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Bergamo PinAccademia V.Carpaccio NativitaMaria 1502-08.jpg
Vittore Carpaccio, Natività di Maria Vergine (1502 - 1508), tempera su tela
Natività di Maria Vergine
Opera d'arte
Stato

bandiera Italia

Regione Stemma Lombardia
Regione ecclesiastica Lombardia
Provincia Bergamo
Comune

Stemma Bergamo

Località
Diocesi Bergamo
Parrocchia o Ente ecclesiastico
Ubicazione specifica Pinacoteca dell'Accademia Carrara
Uso liturgico nessuno
Comune di provenienza Venezia
Luogo di provenienza Scuola di Santa Maria degli Albanesi
Oggetto dipinto
Soggetto Natività di Maria Vergine
Datazione 1502 - 1508
Datazione
Datazione Fine del {{{fine del}}}
inizio del {{{inizio del}}}
Ambito culturale Scuola veneta
Autore

Vittore Carpaccio

Altre attribuzioni
Materia e tecnica tempera su tela
Misure h. 126 cm; l. 129 cm
Iscrizioni VICTOR CARPATIUS. V. FACEBAT
Stemmi, Punzoni, Marchi
Note
opera firmata
Collegamenti esterni
Virgolette aperte.png
Si compirono intanto i mesi di lei. Nel nono mese Anna partorì e domandò alla levatrice: "Che cosa ho partorito?". Questa rispose: "Una bambina". "In questo giorno", disse Anna, "è stata magnificata l'anima mia", e pose la bambina a giacere. Quando furono compiuti i giorni, Anna si purificò, diede poi la poppa alla bambina e le impose il nome Maria.
Virgolette chiuse.png

La Natività di Maria Vergine è un dipinto, eseguito tra il 1502 ed il 1508, a tempera su tela da Vittore Carpaccio (1465 ca. – 1526), proveniente dalla Scuola di Santa Maria degli Albanesi di Venezia e conservato nella Pinacoteca dell'Accademia Carrara di Bergamo.

Descrizione

Soggetto

La scena è ambientata all'interno di una casa veneziana, dove compaiono:

  • a destra, Sant'Anna è sdraiata su un ampio letto a cassettoni incassato in un'alcova, dalla quale guarda le inservienti che si prendono cura di lei.
  • al centro, Tre ancelle: una si appresta a lavare la piccola Maria in una tinozza, un'altra porta alla partoriente un pasto in una scodella, probabilmente un brodo, un'altra ancora intenta a cucire le fasce, seduta su un parapetto coperto con un tappeto.
  • a sinistra, San Gioacchino raffigurato come un uomo anziano, che assiste alla scena, quasi intimidito dalle donne alacremente impegnate in varie attività.

Inoltre, in fondo, dalla porta aperta, dove si trovano due conigli, si vedono altre due stanze, con diversa illuminazione (una in penombra, una rischiarata) dove altre donne sono al lavoro: una asciuga al fuoco i panni della bambina, un'altra sta preparando un animale per la cucina.

Note stilistiche, iconografiche ed iconologiche

  • La descrizione minuziosa e dettagliata degli arredi, dell'abbigliamento e degli oggetti quotidiani, come il candeliere e i recipienti sulla mensola accanto al letto, sono un prezioso documento storico e di costume.
  • L'intimità dimessa della scena è rievocata dalle tenui gradazioni di colore, addolcita dalla luce diffusa.

Iscrizione

Nel dipinto si trovano due iscrizioni:

  • sulla base del parapetto, figura la firma del pittore :
« VICTOR CARPATIUS. V. FACEBAT »
  • nella targa appesa alla parete con i versetti biblici in ebraico che riportano un passo del libro di Isaia (Is 6,3) con cui il profeta invocava il Signore:
« Santo, santo, santo è il Signore degli eserciti. Tutta la terra è piena della sua gloria»

Notizie storico-critiche

Mentre Vittore Carpaccio stava lavorando alla Storie di san Girolamo, san Giorgio e san Trifone (1502 - 1507) Scuola di San Giorgio degli Schiavoni, fu chiamato anche dalla rivale Scuola di Santa Maria degli Albanesi per eseguire il ciclo dedicato alle Storie di Maria Vergine, patrona, insieme a san Gallo, della Confraternita.

Nel 1808 la Confraternita, che nel frattempo era passata ai Pistori, cioè i fornai, fu soppressa nel 1808 con le leggi napoleoniche e da allora vennero dispersi tutti gli arredi e le decorazioni, compreso il ciclo con le Storie di Maria Vergine di Vittore Carpaccio, costituito da sei dipinti, che furono sparsi in vari musei italiani:

Note
Bibliografia
  • Augusto Gentili, Carpaccio, Editore Giunti, Firenze 1996 ISBN 9788843545957
  • F. Rossi, Accademia Carrara. Bergamo. Catalogo dei dipinti, 1979, p. 44
  • Giovanna Nepi Scirè (a cura di), Carpaccio, Editore Marsilio, Venezia 2004, pp. 102 - 103 - ISBN 9788831786003
  • Stefano Zuffi, Carpaccio, Editore Electa, Milano 1993 - ISBN 9788843545957
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.