Presentazione di Maria Vergine al Tempio (Vittore Carpaccio)

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Milano PinBrera V.Carpaccio PresentazioneMariaTempio 1502-08.jpg
Vittore Carpaccio, Maria Vergine viene presentata al Tempio di Gerusalemme (1502 - 1508), tempera su tela
Presentazione di Maria Vergine al Tempio
Opera d'arte
Stato

bandiera Italia

Regione Stemma Lombardia
Regione ecclesiastica Lombardia
Provincia Milano
Comune

Stemma Milano

Località
Diocesi Milano
Parrocchia o Ente ecclesiastico
Ubicazione specifica Pinacoteca di Brera
Uso liturgico nessuno
Comune di provenienza Venezia
Luogo di provenienza Scuola di Santa Maria degli Albanesi
Oggetto dipinto
Soggetto Maria Vergine viene presentata al Tempio di Gerusalemme
Datazione 1502 - 1508
Datazione
Datazione Fine del {{{fine del}}}
inizio del {{{inizio del}}}
Ambito culturale scuola veneta
Autore

Vittore Carpaccio

Altre attribuzioni
Materia e tecnica tempera su tela
Misure h. 130 cm; l. 137 cm
Iscrizioni
Stemmi, Punzoni, Marchi
Note
Collegamenti esterni
Virgolette aperte.png
Quando la bambina compì i tre anni, Gioacchino disse: "Chiamate le figlie senza macchia degli Ebrei: ognuna prenda una fiaccola accesa e la tenga accesa affinché la bambina non si volti indietro e il suo cuore non sia attratto fuori del Tempio del Signore". Quelle fecero così fino a che furono salite nel Tempio del Signore. Il sacerdote l'accolse e, baciatala, la benedisse esclamando: "Il Signore ha magnificato il tuo nome in tutte le generazioni. Nell'ultimo giorno, il Signore manifesterà in te ai figli di Israele la sua redenzione". La fece poi sedere sul terzo gradino dell'altare, e il Signore Iddio la rivestì di grazia; ed ella danzò con i suoi piedi e tutta la casa di Israele prese a volerle bene.
Virgolette chiuse.png

La Presentazione di Maria Vergine al Tempio è un dipinto, eseguito tra il 1502 ed il 1508, a tempera su tela da Vittore Carpaccio (1465 ca. - 1526), proveniente dalla Scuola di Santa Maria degli Albanesi di Venezia e conservato nella Pinacoteca di Brera a Milano.

Descrizione

La scena è ambientata di una piazza veneziana, dove compaiono:

  • Maria bambina, incorniciata illusionisticamente dalla nicchia semidorata, sale, umile ma sicura, i gradini del Tempio;
  • Sommo sacerdote aspetta Maria a braccia aperte, che la terrà come monaca fino al giorno del suo matrimonio.
  • San Gioacchino e sant'Anna, dietro Maria la consegnano al Tempio;
  • bambino, in primo piano di spalle con un cerbiatto al guinzaglio, che sembra interrogarsi sul significato della scena;
  • altri personaggi, dalle espressioni stupite ed ammirate.

L'aspetto più interessante del dipinto sono i dettagli, come:

  • la veste del sommo sacerdote,
  • la torre che ricorda la Torre dell'Orologio a Venezia,
  • la base della scalinata dove sono raffigurate le Fatiche di Ercole, secondo uno schema tipico dei sarcofagi antichi, dove l’eroe è ripetuto tante volte quante sono le sue imprese. Secondo alcuni studiosi qui Ercole è equiparato ad un eroe precristiano capace di raggiungere l’immortalità grazie al coraggio, prefigurerebbe le nuova età cristiana simboleggiata dall'ascesa di Maria, nuova Ecclesia, che si sostituirà all'era romana;
  • un coniglio bianco, simbolo di castità e in ambito veneziano, da Bellini a Tiziano, della maternità di Maria.

Notizie storico-critiche

Mentre Vittore Carpaccio stava lavorando alla Storie di san Girolamo, san Giorgio e san Trifone (1502 - 1507) per la Scuola di San Giorgio degli Schiavoni, fu chiamato anche dalla rivale Scuola di Santa Maria degli Albanesi per eseguire il ciclo dedicato alle Storie di Maria Vergine, patrona, insieme a san Gallo, della Confraternita.

Nel 1808 la Confraternita, che nel frattempo era passata ai Pistori, cioè i fornai, fu soppressa con le leggi napoleoniche e da allora vennero dispersi tutti gli arredi e le decorazioni, compreso il ciclo con le Storie di Maria Vergine di Vittore Carpaccio, costituito da sei dipinti, che furono sparsi in vari musei italiani:

Note
Bibliografia
  • AA.VV., Pinacoteca di Brera: scuola veneta, 1990, pp. 101 - 105
  • Giovanna Nepi Scirè, Carpaccio, Editore Marsilio, 2004 - ISBN 9788831786003
  • Augusto Gentili, Carpaccio, Editore Giunti, Firenze 1996 ISBN 9788843545957
  • Stefano Zuffi, Carpaccio, Editore Electa, Milano 1993 ISBN 9788843545957
  • Stefano Zuffi, Episodi e personaggi del Vangelo, col. "Dizionari dell'Arte", Editore Mondadori-Electa, Milano 2002, p. 41 ISBN 9788843582594
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.