San Desiderio di Vienne

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
San Desiderio di Vienne
Vescovo · Martire
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
Santo
{{{note}}}

54500A.JPG

{{{didascalia}}}
{{{motto}}}
Titolo
Incarichi attuali
Età alla morte circa 58 anni
Nascita Autun
550 ca.
Morte Prissignac
608
Sepoltura
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale VI secolo
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile
Consacrazione vescovile 590
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo
Elevazione a Patriarca
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti Vescovo di Vienne
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Opposto a {{{Opposto a}}}
Sostenuto da {{{Sostenuto da}}}
Scomunicato da
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da Chiesa cattolica
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza 26 maggio
Altre ricorrenze
Santuario principale
Attributi
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Nome completo {{{nome completo}}}
Trattamento {{{trattamento}}}
Onorificenze
Nome templare {{{nome templare}}}
Nomi postumi
Altri titoli
Casa reale {{{casa reale}}}
Dinastia {{{dinastia}}}
Padre {{{padre}}}
Madre {{{madre}}}
Coniuge

{{{coniuge 1}}}

Consorte

Consorte di

Figli
Religione {{{religione}}}
Firma [[File:{{{firma}}}|150x150px]]
Collegamenti esterni
Scheda su santiebeati.it
Tutti-i-santi.jpgNel Martirologio Romano, 26 maggio, n. 7:
« Nel territorio di Lione in Francia, passione di san Desiderio, vescovo di Vienne, che dalla regina Brunechilde, da lui redarguita per le sue nozze incestuose e altre depravazioni, fu dapprima mandato in esilio e poi, sempre per suo ordine, lapidato, meritando così la corona del martirio. »

San Desiderio di Vienne, in francese Saint Didier de Vienne (Autun, 550 ca.; † Prissignac, 608), è stato un vescovo e martire francese. È venerato come santo dalla Chiesa cattolica.

Biografia

Desiderio nacque ad Autun intorno al 550 e fu assassinato nel 608, secondo la tradizione, dalla regina Brunilde. Egli doveva la propria formazione alla propria condizione di aristocratico. Vienne era stata centro vivo della cultura classica sotto i Burgundi. Dopo il 534 la situazione declinò fino ad arrivare alla mancanza di vescovi non solo a Vienne ma anche a Lione.

A Vienne, Desiderio riceve il diaconato e poi il sacerdozio dal vescovo Verus (Vero III di Vienne). E alla sua morte gli succede come capo della diocesi, attorno al 590.

Desiderio si impegnò molto nell'insegnamento attivo per carenza di letterati in ottemperanza alla salvaguardia e mantenimento della cultura classica. Il suo amore per le lettere gli procurerà qualche richiamo da parte del grande pontefice Gregorio Magno, che lo apprezzava molto, ma che non amava l'interesse che il vescovo di Vienne portava per la letteratura profana.

La Gallia fu conquistata un secolo prima da Clodoveo divenendo regno unitario dei Franchi, fu poi divisa alla sua morte nel 511, in due regni, affidati a due suoi figli: il regno orientale Austrasia, e quello occidentale Neustria. Due regni che più volte si uniscono e si dividono, due dinastie consanguinee e nemiche. È l’epoca del furor regum, scrive san Gregorio di Tours: il furore dei re, che praticano la politica dell’omicidio.

Al tempo di Desiderio la sua diocesi e sotto la giurisdizione della regina Brunechilde, che tiene il potere a lungo, dapprima come moglie del re Sigeberto I d'Austrasia, poi come reggente per suo figlio e per il suo nipotino. Intelligente e autoritaria, punta a fare dei due regni uno Stato unitario forte. E certo non bada ai mezzi e i suoi parenti nemici di Neustria l'accusano di inaudite.

Desiderio, durante un concilio regionale a Chalon-sur-Saône, fu accusato dal vescovo di Lione Aredio con odiose menzogne, come dicono i suoi biografi (tra i quali c’è il re visigoto di Spagna, Sisebuto) e mandato in esilio su una piccola isola.

Qualche anno dopo Brunechilde ordinò che fosse reintegrato nella sua autorità episcopale. Desiderio fu riconosciuto fedele suddito ma si dimostrò anche libero di criticare i potenti e quando scoppiò un nuovo scandalo a corte, subito ne denunciò i fatti che coinvolgevano la regina e il nipote Teodorico II di Borgogna. Fu di nuovo arrestato e nei pressi di Lione: un soldato della scorta lo colpì con una pietra alla testa finendolo a bastonate. La voce pubblica parla di martirio e tre anni dopo, il corpo venne portato nella cattedrale di Vienne.

Predecessore: Arcivescovo di Vienne Successore: Stemma arcivescovo.png
San Vero III
586 - 590 circa
590 - 603 San Donnolo
603 - 620
I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
San Vero III
586 - 590 circa
{{{data}}} San Donnolo
603 - 620

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.