San Giuseppe Benedetto Cottolengo

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
San Giuseppe Benedetto Cottolengo
Presbitero
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
Santo
Sacerdote e fondatore del "Cottolengo"

Giuseppe Benedetto Cottolengo.jpg

Il santo ritratto dal fratello Agostino Cottolengo
'
Titolo
{{{titolo}}}
Età alla morte 55 anni
Nascita Bra
3 maggio 1786
Morte Chieri
30 aprile 1842
Sepoltura
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale
Ordinazione presbiterale cappella del seminario di Torino, 8 giugno 1811
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile [[ {{{aC}}} ]]
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo {{{elevato}}}
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi

Iter verso la canonizzazione

Venerato da Chiesa cattolica
Venerabile il [[]]
Beatificazione 29 aprile 1917, da Benedetto XV
Canonizzazione 19 marzo 1934, da Pio XI
Ricorrenza 30 aprile
Altre ricorrenze
Santuario principale
Attributi
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di
Collegamenti esterni
Scheda su santiebeati.it
Tutti-i-santi.jpgNel Martirologio Romano, 30 aprile, n. 19:
« A Chieri presso Torino, san Giuseppe Benedetto Cottolengo, sacerdote, che, confidando nel solo aiuto della divina Provvidenza, aprì una casa in cui si adoperò nell'accoglienza di poveri, infermi ed emarginati di ogni genere. »

San Giuseppe Benedetto Cottolengo (Bra, 3 maggio 1786; † Chieri, 30 aprile 1842) è stato un presbitero e fondatore italiano della Piccola Casa della Divina Provvidenza e delle congregazioni ad essa collegate: Fratelli, Suore e Sacerdoti del Cottolengo. Venne proclamato santo da Papa Pio XI nel 1934..

Biografia

Figlio del commerciante di stoffe Giuseppe Antonio Cottolengo, primo di dodici figli, imparò dalla madre Benedetta Chiarotti (originaria di Savigliano) i principi della vita cristiana. La sua adolescenza venne condizionata dagli eventi legati alla rivoluzione francese e alle invasioni di Napoleone I: buona parte dei suoi studi sacerdotali avvennero in clandestinità. Venne ordinato presbitero l'8 giugno 1811 nella cappella del seminario di Torino e nominato viceparroco a Corneliano d'Alba. Riprese gli studi teologici fino al raggiungimento della laurea con plauso e lode il 14 maggio 1816. Nel 1818 venne chiamato nella Congregazione dei Canonici del Corpus Domini. Col trascorrere del tempo emerse nel Cottolengo una profonda insoddisfazione e la meditazione della biografia di San Vincenzo de' Paoli lo condusse ad una maturazione della sua dimensione umana e spirituale.

La sua intuizione ebbe origine il 2 settembre 1827 quando venne chiamato al capezzale di una donna al sesto mese di gravidanza, affetta da tubercolosi e morente. Fu portata in più ospedali, ma in nessuno venne ricoverata. Di fronte al decesso improvviso della giovane, il Cottolengo sentì l'urgenza di creare un ricovero dove potessero essere accolti e soddisfatti i bisogni assistenziali che non trovavano risposta altrove. Con l'aiuto di alcune donne, il 17 gennaio 1828 aprì nel centro di Torino il Deposito de' poveri infermi del Corpus Domini.

Dopo tre anni, in seguito ai timori di un'epidemia di colera, il Governo gli ordinò di chiudere il ricovero. Sì trasferì in Borgo Dora, dove il 27 aprile 1832 fondò quella grande realtà tuttora esistente: la Piccola Casa della Divina Provvidenza, più comunemente conosciuta col nome del suo fondatore: il Cottolengo.

Diede inoltre vita ad alcune famiglie religiose: l'Istituto religioso delle Suore, i Fratelli e la Società dei Sacerdoti a lui intitolati.

Morì il 30 aprile 1842 a Chieri, in provincia di Torino.

Culto

Per le sue opere venne dichiarato beato da Papa Benedetto XV il 29 aprile 1917 e canonizzato il 19 marzo 1934 da Papa Pio XI.

Papa Benedetto XVI lo cita, nella sua prima enciclica Deus caritas est datata 25 dicembre 2005, tra i «modelli insigni di carità sociale per tutti gli uomini di buona volontà».

Scritti

  • Fiori e profumi, raccolti dai detti del ven. p. Giuseppe Cottolengo, a cura di Bartolomeo Roetti, Torino, tipografia Salesiana, 1892;
  • Fede, ma di quella. Detti di s. Giuseppe Cottolengo, Torino, Cottolengo, 1978;
  • Fiori e profumi, raccolti dai detti di san Giuseppe Benedetto Cottolengo, nuova edizione con annotazioni critiche, a cura di Lino Piano, Torino, Piccola Casa della Divina Provvidenza, 1997;
  • Detti e pensieri, a cura di Lino Piano, Milano, Edilibri, 2005;

Epistolario

  • Epistolario, introduzione e note di fratel Domenico Carena, Torino, Piccola Casa della Divina Provvidenza
    • 1. Lettere ai parenti e agli amici di gioventù, revisione del testo sugli originali e traduzione dal latino di don Lino Piano, Torino, Piccola Casa della Divina Provvidenza, 1973;
    • 2. Lettere alle suore, a cura di un gruppo di cottolenghini, Torino, Piccola Casa della Divina Provvidenza, 1974;
    • 3. Lettere alle autorita e ai collaboratori, a cura di un gruppo di cottolenghini, Torino, Piccola Casa della Divina Provvidenza
  • Carteggio di san Giuseppe Benedetto Cottolengo (1786-1842), a cura di Lino Piano, Torino, Piccola Casa della Divina Provvidenza, 1975;

Filmografia

  • Una cosa in mente. San Giuseppe Benedetto Cottolengo, film, sceneggiatura e regia di Paolo Damosso, con Massimo Wertmüller, Massimo Bonetti, Claudia Koll.
Bibliografia
  • Gioacchino Antonelli Costaggini, Breve vita del beato Giuseppe Benedetto Cottolengo fondatore della Piccola Casa della Divina Provvidenza, Torino, S.A.I.D. Buona stampa - Roma, Libr. F. Ferrari, 1917
  • Virginio Civati, Il beato Giuseppe Benedetto Cottolengo, Alba, Pia Società San Paolo, 1930
  • Virgilio Caselli, Un apostolo della divina Provvidenza, episodi dalla vita del beato Giuseppe Benedetto Cottolengo, Roma, Arti grafiche P. Sansaini, 1932
  • AA.VV., San Giuseppe Benedetto Cottolengo fondatore della Piccola Casa della Divina Provvidenza in Torino, Pinerolo, Scuola linotipografica Opera pia Cottolengo, 1934
  • Giovanni Bitelli, Il Santo degli infelici, canonico Giuseppe Benedetto Cottolengo, Torino, Paravia, 1934;
  • Eugenio Pilla, Un colosso della carità, biografia di S. Giuseppe Cottolengo, Colle don Bosco (Asti), Libreria della Dottrina Cristiana, 1944
  • Pietro Paolo Gastaldi, I prodigi della carità cristiana descritti nella vita di San Giuseppe Benedetto Cottolengo fondatore della Piccola Casa della Divina Provvidenza sotto gli auspici di S. Vincenzo De Paoli, Torino, Piccola Casa della Divina Provvidenza, 1959
  • Maria Castiglione Humani, San Giuseppe Cottolengo, Bari, Ediz. Paoline, 1959
  • Vincenzo Di Meo, La spiritualità di San Giuseppe Benedetto Cottolengo studiata nei suoi scritti e nei processi canonici, Pinerolo, Scuola tipografica Cottolengo, 1959
  • Alberto Consiglio, Francobaldo Chiocci, Il matto di Dio, prefazione di Francesco Zago, Roma, I libri del NO, 1968
  • Giovanni Barra, Quando l'amore si fa pane, profilo di s. Giuseppe B. Cottolengo, Torino, Gribaudi, 1974;
  • Teresio Bosco, San Giuseppe Cottolengo, Leumann (Torino), Elle Di Ci, 1980
  • Domenico Carena, Il Cottolengo e gli altri, prefazione di Giulio Andreotti, Torino, SEI, 1983
  • Sergio Quinzio, Domande sulla santità, don Bosco, Cafasso, Cottolengo, Torino, Edizioni Gruppo Abele, 1986
  • Giovanna Bergoglio, Giuseppe Benedetto Cottolengo, l'avventura della carità, presentazione di monsignor Franco Peradotto, Torino, Edizioni del Capricorno, 2005;
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.