San Sabas Reyes Salazar

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
San Sabás Reyes Salazar
Presbitero
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
Santo
{{{note}}}

90129B.JPG

Fotografia del santo
{{{motto}}}
Titolo
Età alla morte 43 anni
Nascita Cocula
5 dicembre 1883
Morte Tototlán
13 aprile 1927
Sepoltura
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale dicembre 1911
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile [[ {{{aC}}} ]]
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo {{{elevato}}}
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi

Iter verso la canonizzazione

Venerato da Chiesa cattolica
Venerabile il [[]]
Beatificazione 22 novembre 1992, da Giovanni Paolo II
Canonizzazione 21 maggio 2000, da Giovanni Paolo II
Ricorrenza 13 aprile
Altre ricorrenze
Santuario principale
Attributi
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di
Collegamenti esterni
Scheda su santiebeati.it
Tutti-i-santi.jpgNel Martirologio Romano, 13 aprile, n. 13:
« Nel villaggio di Totoclán nella regione di Guadalajara in Messico, san Saba Reyes, sacerdote e martire, che morì durante la persecuzione messicana per Cristo Sacerdote e Re dell'universo. »

San Sabás Reyes Salazar (Cocula, 5 dicembre 1883; † Tototlán, 13 aprile 1927) è stato un presbitero messicano martire durante le persecuzioni anticlericali del presidente, generale Plutarco Elías Calles.

Biografia

Fu ordinato presbitero nel dicembre 1911, da subito si dimostrò un fervente devoto della Santissima Trinità. Di animo semplice si dedicò con particolare cura alla formazione dei bambini e dei giovani, sia nell'ambito della catechesi, sia nell'insegnamento di scienze, arti e mestieri.

Nel 1926, il presidente del Messico Plutarco Elías Calles (che affermava che "la Chiesa è la sola causa di tutte le sventure del Messico"), emanò un decreto noto come "Legge Calles", con cui metteva in atto l'articolo 130 della Costituzione. La sua accanita politica anticlericale porterà alla sanguinosa rivolta dei Cristeros (1926-1929). Come conseguenza della sua politica anti-cattolica il numero di presbiteri in Messico passò da circa 4.500 prima del 1926, a soli 334 nel 1934. Nel 1935 ben 17 stati messicani non avevano nemmeno un sacerdote nel loro territorio.

Nel 1927 durante uno dei periodi più pericolosi per i sacerdoti, si rifiutò di lasciare Tatotlán dicendo:

« Mi hanno lasciato qui e qui attendo. Vediamo che cosa determina Iddio. »

Nella Settimana Santa di quello stesso anno giunsero nel paese le truppe federali alla ricerca del parroco don Francisco Vizcarra e dei suoi assistenti. L'unico presente era padre Sabás Royes Salazar, sul quale si riversò tutto l'odio generato in quella guerra civile: padre Sabás fu catturato e legato a una colonna del tempio parrocchiale, fu torturato per tre giorni, senza acqua né cibo e gli furono bruciate le mani.

Il 13 aprile 1927, mercoledì santo, fu portato dentro il recinto del cimitero, dove fu ucciso a soli 44 anni. Poco prima dell'esecuzione trovò la forza di gridare

« Viva Cristo Re. »

Culto

Fu beatificato da Papa Giovanni Paolo II il 22 novembre 1992. Fu canonizzato il 21 maggio 2000 con Cristóbal Magallanes e [[Santi Martiri Messicani (Cristoforo Magallanes Jara e 24 compagni)|altri 23 compagni martiri, sacerdoti e laici. In quel giorno furono canonizzati anche José María de Yermo y Parres, sacerdote fondatore delle Religiose Serve del Sacro Cuore di Gesù e María de Jesús Sacramentado Venegas, fondatrice delle Figlie del Sacro Cuore di Gesù[1]

Note
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.