Sant'Enrico de Osso y Cervello

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Sant'Enrico de Ossó y Cervelló
Presbitero
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
Santo

SAINTH7O.JPG

{{{didascalia}}}
'
Titolo
Incarichi attuali
Età alla morte 55 anni
Nascita Vinebre
16 ottobre 1840
Morte Gilet
27 gennaio 1896
Sepoltura
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale 27 settembre 1867
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile [[ {{{aC}}} ]]
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo {{{elevato}}}
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Opposto a {{{Opposto a}}}
Sostenuto da {{{Sostenuto da}}}
Scomunicato da
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi

Iter verso la canonizzazione

Venerato da Chiesa cattolica
Venerabile il [[]]
Beatificazione 14 ottobre 1979, da Giovanni Paolo II
Canonizzazione 16 luglio 1993, da Giovanni Paolo II
Ricorrenza 27 gennaio
Altre ricorrenze
Santuario principale
Attributi
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Nome completo {{{nome completo}}}
Trattamento {{{trattamento}}}
Onorificenze
Nome templare {{{nome templare}}}
Nomi postumi
Altri titoli
Casa reale {{{casa reale}}}
Dinastia {{{dinastia}}}
Padre {{{padre}}}
Madre {{{madre}}}
Coniuge

{{{coniuge 1}}}

Consorte

Consorte di

Figli
Religione {{{religione}}}
Firma [[File:{{{firma}}}|150x150px]]
Collegamenti esterni
Scheda su santiebeati.it
Tutti-i-santi.jpgNel Martirologio Romano, 27 gennaio, n. 13:
« Nella cittadina di Gilet nella provincia di Valencia in Spagna, sant'Enrico de Ossó y Cervelló, sacerdote, che per provvedere alla formazione delle fanciulle fondò la Società di Santa Teresa di Gesù; rimosso in seguito da essa, trascorse i restanti anni della sua vita in un convento dei Frati Minori. »

Sant'Enrico de Ossó y Cervelló (Enrique) (Vinebre, 16 ottobre 1840; † Gilet, 27 gennaio 1896) è stato un presbitero e fondatore spagnolo della Compagnia di Santa Teresa di Gesù.

Biografia

Nacque a Vinebre, diocesi di Tortosa, provincia di Tarragona, Spagna, il 16 ottobre 1840 da Giacomo de Ossó e Michela Cervelló e fu battezzato il giorno seguente sul nome Enrico. I genitori erano modesti agricoltori con una profonda fede.

Dopo le elementari la madre sognava per lui la via del sacerdozio, ma il padre ancora in giovane età lo destinò al commercio, al quale dovette attendere prima a Quinto de Ebro e poi a Reus. A Quinto de Ebro si ammalò gravemente e ricevette la prima comunione per viatico. Guarì e da allora mantenne sempre una grande venerazione all'Eucaristia. Durante il colera del 1854 perse la madre. Nello stesso anno, dopo aver avvisato il padre e i parenti, lasciò tutto, ritirandosi a Montserrat, dove decise di farsi sacerdote.

Entrò nel seminario di Tortosa nel 1854 e proseguì gli studi teologici a Barcellona, dove si dedicò allo studio delle opere di Santa Teresa d'Ávila: venne ordinato sacerdote il 28 settembre 1867.

Nel 1872 iniziò a pubblicare la rivista S. Teresa de Jesús, della quale fu direttore per 24 anni. Nel 1873 fondò l'associazione Teresiana, elevata nel 1875 da papa Pio IX ad arciconfraternita, i cui membri erano tenuti a osservare quotidianamente un quarto d'ora di preghiera individuale: scrisse per i confratelli l'opuscolo El cuarto de hora de oración, pubblicato nel 1874, che godette di grande popolarità e diffusione.

Il 23 giugno 1876 istituì, come società femminile di vita comune per l'insegnamento delle giovani, la Compagnia di Santa Teresa di Gesù, trasformata in istituto religioso per volontà del vescovo di Tarragona: la compagnia venne riconosciuta come istituzione di diritto pontificio con il decreto di lode di Pio IX del 22 settembre 1888 e venne autorizzata dal governo spagnolo il 1º maggio 1883.

Dopo la promulgazione della Rerum novarum, per propagare la conoscenza della dottrina sociale della Chiesa, pubblicò il Catecismo de los obreros y de los ricos. Finanziò l'erezione di un monastero di carmelitane scalze a Tortosa.

Morì quasi improvvisamente durante uno dei suoi frequenti soggiorni nel convento francescano di Sancti Spiritus.

Il culto

Il processo diocesano di beatificazione si è celebrato tra il 1925 e il 1926: la sua causa di canonizzazione è stata introdotta il 15 luglio 1956 e il decreto sull'eroicità delle virtù è stato firmato il 15 maggio 1976 da papa Paolo VI, che ha riconosciuto a Ossó y Cervelló il titolo di venerabile.

Papa Giovanni Paolo II lo ha beatificato il 14 ottobre 1979 a Roma e lo ha canonizzato il 16 luglio 1993 a Madrid.

Bibliografia
  • V. Macca, voce Ossó y Cervelló, Enrique, in Dizionario degli istituti di perfezione, vol. VI, Edizioni paoline, Milano, 1980, coll. 1057-1060.
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.