Ultima modifica il 11 apr 2017 alle 13:22

Sabato

Firenze, Sinagoga. Il sabato è santificato dagli ebrei attraverso l'astensione dal lavoro e la liturgia nella sinagoga

Sabato è il giorno della settimana tra il Venerdì e la Domenica. È il giorno sacro settimanale degli ebrei, ancora oggi oggetto per loro del terzo comandamento del decalogo.

Significato cristiano

Il significato cristiano del sabato è legato al fatto di essere il giorno che precede la domenica di Risurrezione: è quindi considerato giorno di attesa.

Ha anche un sapore mariano, perché si considera che la Vergine Maria visse il Sabato Santo nell'attesa della Risurrezione del suo figlio.

Le radici veterotestamentarie del sabato sono nel giorno sacro dell'ebraismo, giorno di astensione da qualsiasi opera creatrice e dunque anche dal lavoro (Es 20,10), e di celebrazione dell'opera salvatrice di Dio (Dt 5,12-15), prescritto nei dieci comandamenti, vedi Shabbat[1].

La Chiesa fin dagli inizi smise di osservare il sabato e iniziò a osservare piuttosto la domenica, giorno della risurrezione del Signore.

Nel Rito Ambrosiano

L'ultimo giorno del Tempo Dopo Epifania è il Sabato grasso, la domenica seguente è la prima di Quaresima.

L'ultimo Sabato di Quaresima detto Sabato in Traditione Symboli introduce, con il colore liturgico rosso, alla Settimana Autentica ed è consegnato il Simbolo della Fede ai catecumeni.

Significato della parola

La parola italiana viene dal latino sabbatum, derivante a sua volta dall'ebraico shabbat, giorno dedicato al riposo.

Per il mondo romano, prima dell'avvento del cristianesimo, era Saturni dies, giorno di Saturno, utilizzato oggi nei paesi di lingua inglese (Saturday) e del Nord Europa.

Giorni della settimana: | lunedì | martedì | mercoledì | giovedì | venerdì | sabato | domenica

Note
  1. Alcune denominazioni cristiane tra cui gli avventisti continuano ad osservarlo in tale maniera.
Voci correlate

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.