San Massimiano di Ravenna

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
San Massimiano di Ravenna
Vescovo
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
Santo

Massimiano 02.jpg

{{{didascalia}}}
{{{motto}}}
Titolo
{{{titolo}}}
Età alla morte anni
Nascita Pola
498 ca.
Morte Ravenna
22 febbraio 556
Sepoltura
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale
Ordinazione presbiterale [[{{{aO}}}]]
Appartenenza
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile 546 da Papa Vigilio
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Arcivescovo dal {{{elevato}}}
Patriarca dal {{{patriarca}}}
Arcieparca dal {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti Arcivescovo di Ravenna-Cervia
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[]]
Ricorrenza 22 febbraio
Altre ricorrenze
Santuario principale
Attributi croce
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di
Collegamenti esterni
Tutti-i-santi.jpgNel Martirologio Romano, 22 febbraio, n. 4:
« A Ravenna, san Massimiano, vescovo, che svolse con fedeltà il suo ufficio pastorale e difese l'unità della Chiesa contro l'eresia. »
San Massimiano di Ravenna (Pola, 498 ca.; † Ravenna, 22 febbraio 556) è stato il primo arcivescovo di Ravenna, dal 546 al 556.

Dati biografici

Basilica di San Vitale, Ravenna: l'imperatore Giustiniano con il suo seguito e l'arcivescovo Massimiano

Dalla città natale dell'Istria (attuale Croazia), dove era stato ordinato diacono, giunse a Ravenna quando questa fu riconquistata dall'esercito bizantino di Giustiniano.

Già diacono della Chiesa di Pola, consacrato a Patrasso da Papa Vigilio su richiesta di Giustiniano e insignito del titolo di arcivescovo, svolse le funzioni di Primate d'Italia e di custode dell'ortodossia politico-religiosa a Ravenna, in assenza di papa Vigilio da Roma e del vescovo Dazio da Milano.

Per la crescente importanza di questo antico porto romano la città venne dichiarata arcidiocesi e Massimiano ne divenne primo arcivescovo tra il 546 e il 556 nonché uno dei principali rappresentanti del potere imperiale bizantino in Occidente.

Una delle prime preoccupazioni di Massimiano fu quella di cancellare le ultime tracce di arianesimo professato dagli sconfitti Ostrogoti.

Il racconto del ritrovamento di un tesoro sotterraneo da parte del presule lascia trapelare la sua notevole disponibilità di denaro, che gli consentì di attuare grandi opere monumentali, per cui egli si configura come un vescovo costruttore[1]. In tal senso portò a termine due magnifiche chiese: la Basilica di San Vitale, dedicata nel 546, e quella di Sant'Apollinare in Classe, dedicata nel 549. In entrambe curò personalmente la realizzazione dei celebri mosaici.

Attuò una ricognizione delle reliquie dei suoi predecessori, in particolare di Apollinare di cui promosse e divulgò la stesura definitiva della Passio, inoltre fece collocare in vescovado i ritratti dei vescovi che ne avevano disposto l'ampliamento.

Le sue attività si estesero a tutta l'Italia, di cui a tutti gli effetti fu primate durante le lunghe assenze forzate da Roma di papa Vigilio, ed i suoi sforzi furono incentrati in particolar modo sul ripristino dell'armonia e dell'unità all'interno delle Chiese divise dallo scisma dei Tre Capitoli. Il suo biografo Agnello ebbe a descriverlo anche come pastore che "accoglieva gli stranieri, richiamava coloro che cadevano in errore, dava ai poveri ciò di cui necessitavano e consolava i sofferenti".

Mantenne sempre stretti rapporti con la corte imperiale bizantina. Ne è riprova la magnifica Cattedra vescovile, fatta costruire per lui a Costantinopoli, dono munifico di Giustiniano. Essa era composta in origine da ventisei pannelli d'avorio scolpito, rappresentanti due cicli narrativi distinti. La ricchezza della decorazione e la rarità del materiale impiegato la rendono un esemplare eccezionale di scultura paleocristiana in avorio. Si conserva nel Museo Arcivescovile di Ravenna.

Opere

Fu autore di una cronaca ravennate, oggi perduta, ma a suo tempo utilizzata dal cronista Agnello.

Curò una raccolta di formule liturgiche da cui forse è derivato il Sacramentario Leoniano.


Predecessore: Arcivescovo di Ravenna Successore: BishopCoA PioM.svg
Vittore 546 - 556 Agnello I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Vittore {{{data}}} Agnello
Note
  1. Per contro il suo successore, Agnello, appare piuttosto come un decoratore.
Bibliografia
  • Gianni Morelli, E Sara sorrise. I quattro stili dei mosaici ravennati e altre chiavi di lettura, Edizioni del Girasole, Ravenna 2003, ISBN 8875674329
  • Massimiano, in Enciclopedia Biografica Universale Treccani, 2007, vol. 12
  • Carlo Bertelli, Massimiano, in Enciclopedia dell' Arte Antica Treccani, 1961, online
  • Gianluca Pilara, Massimiano, santo, in Dizionario Biografico degli Italiani, Vol. 71, 2008, online
Voci correlate

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.