Virtù teologali

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Giotto, Allegoria delle Virtù teologali (1303-1305), affresco; Padova, Cappella degli Scrovegni
Virgolette aperte.png
Le virtù umane si radicano nelle virtù teologali, le quali rendono le facoltà dell'uomo idonee alla partecipazione alla natura divina (cfr. 2Pt 1,4). Le virtù teologali, infatti, si riferiscono direttamente a Dio. Esse dispongono i cristiani a vivere in relazione con la Santissima Trinità. Hanno come origine, causa ed oggetto Dio Uno e Trino.

Le virtù teologali fondano, animano e caratterizzano l'agire morale del cristiano. Esse informano e vivificano tutte le virtù morali. Sono infuse da Dio nell'anima dei fedeli per renderli capaci di agire quali suoi figli e meritare la vita eterna. Sono il pegno della presenza e dell'azione dello Spirito Santo nelle facoltà dell'essere umano. Tre sono le virtù teologali: la fede, la speranza e la carità (cfr. 1Cor 13,13).

Virgolette chiuse.png

Per virtù teologali si intendono le seguenti tre classiche disposizioni[1] positive: fede, speranza, carità.

Prendono questo nome perché derivano da Dio: il termine "teologale" proviene dal greco Τεός Λόγος, Teós Lógos, "parola di Dio"; riguardano la vita divina stessa su questa terra, avendo anche Dio per fine ultimo.

Infuse nell'uomo in virtù di una grazia speciale, aiutano il cristiano a vivere la stessa dimensione della Trinità, imitando su questa terra l'amore che intercorre fra il Padre, il Figlio e lo Spirito Santo, e a realizzare così il Regno di Dio in questo mondo.

La vita teologale è possibile concretamente nell'imitazione piena di Gesù Cristo, Rivelatore di Dio Padre, che ci porta al Padre nello Spirito.

Le virtù teologali si richiamano a vicenda ed i loro atti non possono essere esercitati separatamente. Nella Scrittura esse appaiono in tutte le loro reciproche armoniche relazioni: la fede produce speranza e muove alla carità; la speranza fomenta la carità e, a sua volta, è rafforzata dalla carità nel desiderio di un'unione non ancora realizzata; la fede, per essere vera, deve unirsi alle opere della carità.

L'oggetto delle virtù teologali, è Dio, infinito ed eterno. Il Catechismo di San Pio X spiega al riguardo:

« Le virtù teologali hanno Dio per oggetto immediato, perché con la Fede noi crediamo in Dio, e crediamo tutto ciò che Egli ha rivelato; con la Speranza speriamo di possedere Dio; con la Carità amiamo Dio e in Lui amiamo noi stessi e il prossimo»
(n. 860)
Note
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.