Fedele

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Con il battesimo si diventa fedele

Per fedele si designa il discepolo di Cristo, colui che ha fede in lui (At 10,45; 2Cor 6,15; Ef 1,1).

Esso corrisponde al termine latino christifidelis, "fedele di Cristo", che, nel linguaggio della Chiesa indica i battezzati, indipendentemente dalla loro condizione di laici, vita consacrata o ministri ordinati.

Nella Bibbia

Il credente può essere fedele a Dio perché ha ricevuto l'annuncio della sua fedeltà. Nell'Antico Testamento Dio si rivela come il Dio fedele, che non manca alla fedeltà promessa a Israele. Nel Nuovo, poi, il Padre invia il Figlio, che è la Parola definitiva della fedeltà di Dio.

Nel Nuovo Testamento l'aggettivo fedele include certamente le virtù umane di lealtà e di buona fede che i cristiani devono praticare (Fil 4,8), ma designa anche e soprattutto la fedeltà a Dio, di cui Cristo esige fortemente l'osservanza (Mt 23,23), e che caratterizza coloro che sono mossi dallo Spirito Santo (Gal 5,22). Essa deve apparire nelle minute circostanze dell'esistenza (Lc 16,10-12), e dominare tutta la vita sociale.

Così fedeli sono in modo tutto particolare gli apostoli, intendenti dei misteri di Dio (1Cor 4,1-2; Lc 12,42).

Essere fedele significa vivere l'amore; la fedeltà è la prova dell'amore autentico. Gesù insiste su questo punto:

« Rimanete nel mio amore. Se osservate i miei comandamenti, rimarrete nel mio amore, come io ho osservato i comandamenti del Padre mio e rimango nel suo amore. »

La fedeltà dei discepoli di Cristo sarà messa a dura prova negli ultimi tempi: i santi dovranno esercitare una grande costanza (Ap 13,10; 14,12), la cui grazia viene loro dal sangue dell'Agnello (Ap 7,14; 12,11).

Nel Codice di Diritto Canonico

Nel Codice di Diritto Canonico i fedeli sono coloro che, essendo stati incorporati a Cristo mediante il battesimo, sono costituiti popolo di Dio e perciò, sono resi partecipi nel modo loro proprio dell'ufficio sacerdotale, profetico e regale di Cristo.

Essi sono chiamati ad attuare, secondo la condizione giuridica di ciascuno, la missione che Dio ha affidato alla Chiesa da compiere nel mondo[1].

Note
  1. Cfr. Codice di Diritto Canonico, Libro II, (Il popolo di Dio), Parte I (I fedeli), Cann. 204-329
Bibliografia
Voci correlate

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.