Adorazione dei Magi (Pieter Brueghel il Giovane)

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Venezia MuCorrer P.BruegelGiovane AdorazioneMagi.jpg
Pieter Brueghel il Giovane, Adorazione dei Magi (1617 - 1633), olio su tavola
Adorazione dei Magi
Opera d'arte
Stato

bandiera Italia

Regione Stemma Veneto
Regione ecclesiastica Triveneto
Provincia Venezia
Comune

Stemma Venezia

Località
Diocesi Venezia
Parrocchia o Ente ecclesiastico
Ubicazione specifica Museo Correr, sala 33
Uso liturgico nessuno
Comune di provenienza
Luogo di provenienza
Oggetto dipinto
Soggetto Adorazione dei Magi
Datazione 1617 - 1633
Datazione
Datazione Fine del {{{fine del}}}
inizio del {{{inizio del}}}
Ambito culturale scuola fiamminga
Autore

Pieter Brueghel il Giovane

Altre attribuzioni
Materia e tecnica olio su tavola
Misure h. 38 cm; l. 56 cm
Iscrizioni
Stemmi, Punzoni, Marchi
Note
opera firmata
Collegamenti esterni
Virgolette aperte.png

1Nato Gesù a Betlemme di Giudea, al tempo del re Erode, ecco, alcuni Magi vennero da oriente a Gerusalemme 2e dicevano: «Dov'è colui che è nato, il re dei Giudei? Abbiamo visto spuntare la sua stella e siamo venuti ad adorarlo». 3All'udire questo, il re Erode restò turbato e con lui tutta Gerusalemme. 4Riuniti tutti i capi dei sacerdoti e gli scribi del popolo, si informava da loro sul luogo in cui doveva nascere il Cristo. 5Gli risposero: «A Betlemme di Giudea, perché così è scritto per mezzo del profeta: 6E tu, Betlemme, terra di Giuda, non sei davvero l'ultima delle città principali di Giuda: da te infatti uscirà un capo che sarà il pastore del mio popolo, Israele»....
7Allora Erode, chiamati segretamente i Magi, si fece dire da loro con esattezza il tempo in cui era apparsa la stella 8e li inviò a Betlemme dicendo: «Andate e informatevi accuratamente sul bambino e, quando l'avrete trovato, fatemelo sapere, perché anch'io venga ad adorarlo». 9Udito il re, essi partirono. Ed ecco, la stella, che avevano visto spuntare, li precedeva, finché giunse e si fermò sopra il luogo dove si trovava il bambino. 10Al vedere la stella, provarono una gioia grandissima. 11Entrati nella casa, videro il bambino con Maria sua madre, si prostrarono e lo adorarono. Poi aprirono i loro scrigni e gli offrirono in dono oro, incenso e mirra.
Virgolette chiuse.png

L'Adorazione dei Magi è un dipinto, eseguito tra il 1617 e il 1633, ad olio su tavola, dal pittore fiammingo Pieter Brueghel il Giovane (1564 ca. - 1638), conservato presso il Museo Correr di Venezia.

Descrizione

Soggetto

La scena è ambientata in un villaggio fiammingo d'inverno, coperto dalla neve, caratterizzato da case con comignoli, da cui esce il fumo e di fronte alle quali s'innalzano alti alberi dai rami spogli, dove compaiono:

  • a sinistra, Sacra Famiglia, seminascosta da un tramezzo in legno, e un piccolo assembramento di personaggi:
    • Madonna porge Gesù Bambino all'adorazione dei Magi.
    • san Giuseppe, accanto a Maria, assiste alla scena.
    • Tre Magi indossano splendide vesti e portano i doni in preziose pissidi: uno dei quali ha la pelle scura, che secondo la tradizione nordica è un moro. Gli altri due sono prostrati in adorazione del Bambino;
    • Piccolo corteo segue i Magi.

Inoltre, il dipinto è completato da una serie di figure, che nel villaggio sono occupati a svolgere le loro consuete attività quotidiane, ignorando l'arrivo dei Magi:

  • Due persone attingono l'acqua con i secchi al fiume da una spaccatura del ghiaccio.
  • Bambino, nel fiume ghiacciato, si diverte con una slitta spingendosi con le punte di ferro di due bastoni.
  • Tre uomini ripuliscono lo spartiacque del ponte dai residui per evitare che un'eventuale ondata di piena straripi minacciando le case.

Note stilistiche, iconografiche e iconologiche

  • La scena della Natività di Gesù è raffigurata come un evento intimo e privato, lontano da ogni forma di enfasi in antitesi con la maniera tradizionale di raffigurare le storie sacre: questa è una scelta tipica dell'arte fiamminga, che tende a "nascondere" il vero soggetto delle opere in composizioni ampie e con grande ricchezza di particolari paesaggistici.
  • Il dipinto è simile all'Adorazione dei Magi (1567), eseguito dal padre Pieter Brueghel il Vecchio e conservato al Kunsthistorisches Museum di Vienna.

Notizie storico-critiche

L'opera faceva parte della ricca collezione di dipinti fiamminghi raccolti, nel primo quarto de XIX secolo, dal nobile veneziano Teodoro Correr, morto nel 1830 e successivamente confluiti nel Museo omonimo.

Bibliografia
  • Klaus Ertz, Pieter Brueghel il Giovane e Jan Brueghel il Vecchio. Tradizione e progresso: una famiglia di pittori fiamminghi tra Cinque e Seicento, Editore Luca, Lingen 1998
  • Sergio Gaddi, Doron J. Lurie, La dinastia Brueghel, catalogo della mostra (Como, 24 marzo - 29 luglio 2012), Editore Silvana, Milano 2012, ISBN 9788836622580
  • Amedeo Giampaglia, Il Rinascimento in Europa: Dürer, Bruegel, El Greco: la riscoperta di Dio nell'uomo, col. "La Bellezza di Dio. L'Arte ispirata dal Cristianesimo", Editore San Paolo, Palazzolo sull'Oglio (BS) 2003, pp. 56 - 57
Voci correlate

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.